Teatro della crudeltà

Non usate i musulmani come un piede di porco nel dibattito sull'immigrazione





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

"La stampa norvegese non può, non può e non osa scrivere sui fatti", ha affermato di recente il sociologo e oratore pubblico Kjetil Rolness ai redattori norvegesi durante l'incontro autunnale dell'Associazione degli editori norvegesi a Oslo. In un articolo approfondito sul sito Journalisten.no, Rolness afferma inoltre che i giornalisti norvegesi sono estremamente indifferenti ai fatti e alle critiche alle fonti e che non osano né vogliono fare giornalismo critico nel campo dell'immigrazione. Sottolinea l'editore del Servizio per i diritti umani Nina Hjerpset-Østlie e lo scrittore Jon Hustad come onorevoli eccezioni.
Nina Hjerpset-Østlie è l'editore di un sito web che ha pubblicato l'affermazione da far rizzare i capelli secondo cui 8000 dei rifugiati che la Norvegia accetterà dalla Siria sono simpatizzanti dell'ISIS. Hjerpset-Østlie afferma anche che l'organizzazione giovanile salafita IslamNet ha 16 simpatizzanti perché ha 000 membri sul loro gruppo Facebook. Che gran parte di questi siano giornalisti, politici, ricercatori e altri norvegesi che non hanno quasi nulla a che fare con l'Islam salafita non è così importante.
Jon Hustad ama anche esagerare i numeri quando si tratta di musulmani. In un dibattito su TV2 di recente, ha affermato completamente senza prove che ci sono 1000-2000 musulmani norvegesi che sostengono coloro che hanno viaggiato per unirsi all'ISIS.
Tali affermazioni portano a paura e odio inutili. La verità è che l'ambiente estremista islamico norvegese, noto anche come "Ummah del Profeta", ha la schiena spezzata. La stragrande maggioranza di coloro che sono associati al gruppo sono morti, in prigione, accusati o si trovano in Siria o Iraq. L'ultima valutazione del PST è che sono circa 90 le persone che si sono recate nell'Isis e ritengono che il pericolo di attacchi da parte di simpatizzanti dell'Isis sia inferiore rispetto a prima. Anche IslamNet non è cresciuta negli ultimi anni, in gran parte grazie alle massicce critiche all'interno della comunità musulmana, che hanno reso genitori e giovani più consapevoli di ciò che realmente rappresenta l'organizzazione.

Un po' costruttivo. Lo stesso Kjetil Rolness è superficiale con i fatti quando, durante l'incontro di cui sopra, afferma che solo il giornale Dagen e il Servizio per i Diritti Umani hanno coperto il caso secondo cui l'organizzazione Norges Unge Muslims aveva invitato un predicatore con dichiarazioni estreme. Non è vero: il caso è stato riportato su diversi giornali importanti, alla radio e sul sito Vepsen.no.
Ciò che Rolness, Hjerpset-Østlie e Hustad hanno in comune è che le loro argomentazioni sull’Islam e sui musulmani sono strettamente legate al loro impegno per una politica di immigrazione e asilo più rigorosa. Penso che sia poco saggio e problematico per due ragioni.
In primo luogo, crea un dibattito polarizzato e non costruttivo in un clima di dibattito già fortemente caratterizzato dall’odio musulmano. Alimenta le forze anti-musulmane, che combinano costantemente atteggiamenti anti-musulmani con sentimenti anti-immigrati, spesso ispirati dall’estremismo di destra americano. Le persone di estrema destra, ma ancora moderate, hanno la responsabilità speciale di parlare contro l’estrema destra. Avrà successo in un modo completamente diverso rispetto a quando la sinistra si oppone agli odiatori dei musulmani, e sarà particolarmente importante contrastare le pericolose teorie del complotto sulla presa del potere da parte dei musulmani e sulla “cospirazione dell’Eurabia”.
In secondo luogo, distoglie l’attenzione dalle sfide reali legate alla massiccia immigrazione nella quale ci troviamo oggi. Se a quasi il 70% dei nuovi arrivati ​​verrà concesso il permesso di soggiorno, come è avvenuto negli anni precedenti, ciò contribuirebbe a enormi sfide di integrazione e a problemi socioeconomici generali per le fasce più povere di risorse della società. Non saranno i più ricchi a soffrire per l’indebolimento dello stato sociale, ma coloro che stanno già lottando per arrivare a fine mese. Ciò vale in particolare per coloro che sono già immigrati e per i loro discendenti.

Per contrastare tutte le forme di estremismo è importante avere un dibattito aperto e onesto, cercando al tempo stesso di evitare le peggiori polarizzazioni.

Odio i crimini. Il PST ha avvertito che il flusso migratorio in corso potrebbe portare a una ripresa dei circoli di estrema destra. Secondo il Norwegian Defense Research Institute (FFI), la Svezia è il paese dell’Europa occidentale con il maggior numero di omicidi pro capite di estremisti di destra negli ultimi 25 anni, e recentemente si sono verificati diversi attacchi ai centri di accoglienza svedesi. Secondo i ricercatori della FFI Jacob Aasland Ravndal e Johannes Due Enstad, troviamo un nesso causale nella combinazione di tre condizioni: un’immigrazione record, un dibattito tabù sull’immigrazione e un forte movimento clandestino di estrema destra.
In Norvegia i circoli di estrema destra non sono attualmente né ben organizzati né in grado di produrre propaganda o reclutamento. D’altro canto, negli ultimi decenni hanno ripetutamente dimostrato di avere un potenziale violento. La rete professionale Hate Speech International ha lanciato nel febbraio 2015 il rapporto "Hating Muslims", che tratta degli attacchi anti-musulmani e dei crimini d'odio nel periodo 2010-2014. Qui diventa chiaro che tali incidenti rappresentano una tendenza seria e in crescita in diversi paesi occidentali, inclusa la Norvegia. In particolare, gli attacchi alle moschee sono molto comuni.

Evitare la polarizzazione. Per contrastare tutte le forme di estremismo è importante avere un dibattito aperto e onesto, cercando al tempo stesso di evitare le peggiori polarizzazioni. La Norvegia ha un ottimo punto di partenza per affrontare le sfide legate sia all’integrazione che alla radicalizzazione, ma dobbiamo riconoscere che il nostro apparato ha sicuramente un limite di dolore. È almeno altrettanto importante che, con l’attuale sistema di asilo, non si faciliti la fuga di cervelli e di uomini da paesi come l’Afghanistan e la Siria, che necessitano di tutte le risorse di cui dispongono. La soluzione alla crisi dei rifugiati non è in Europa, ma a livello locale. L’Isis deve essere combattuto con forze di terra internazionali e dobbiamo schierare forze di mantenimento della pace. A lungo termine, ciò ripagherà molto di più di quello a cui stiamo assistendo ora: milioni di persone in fuga verso paesi che non possono offrire loro un’adeguata integrazione. Accettiamo quindi di non alimentare inavvertitamente l’odio musulmano qui in patria, nel nostro zelo nel proteggere lo stato sociale norvegese.

Potrebbe piacerti anche