Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Non solo cannoniere per Israele

ORIENTERING 10. GENNAIO 1970 / "Non vogliamo azioni di sabotaggio egiziano qui ad Aker"




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

martyn Siem og Il gruppo Aker inoltre, non si concentra solo sulle manipolazioni delle cannoniere e sulla costituzione di società a Panama. Informazione Orientering si siede dentro con dice che Akergruppen consegna navi agli israeliani flotta mercantile che possono essere convertiti in navi da guerra entro un periodo di 48 ore. Ci riferiamo alle navi per la frutta che Aker ha costruito per la compagnia israeliana Co. portatori di frutta marittima – come noto, la società che è uno dei principali azionisti della società di cannoniere Starboat S/A.

Dal novembre 1964 sono state consegnate 10 navi e altre sono in costruzione e pianificazione. Si tratta di circa 405 piedi cubi di navi da frutta nel cosiddetto
il gruppo centrale. Alcuni dei nomi delle barche sono Mangocore, Banancore, Mandarincore e Sabracore.

Fruttiera con piattaforma per elicotteri

Facsimile di Orientering 10. Gennaio 1970
Facsimile di Orientering 10. Gennaio 1970

Orientering è stato in contatto con un alto ufficiale di bordo norvegese che ha navigato su una di queste navi. – Ho parlato con diversi ufficiali israeliani a bordo che mi hanno detto apertamente che queste navi potrebbero essere convertite in navi da combattimento entro 48 ore. Navi che possono essere utilizzate per il trasporto di truppe e per il trasporto di carri armati e altro equipaggiamento militare. – Sono stato a bordo di diverse navi norvegesi, dice l'ufficiale della nave norvegese, – ma questa è la prima volta che vedo una nave da frutta con una piattaforma per elicotteri. Allo stesso modo, le piastre della nave erano particolarmente spesse e i boma particolarmente sostenibili.

Orientering ha presentato alcune specifiche tecniche agli esperti navali che possono confermare le informazioni dell'ufficiale di bordo secondo cui le strutture di queste barche da frutta sono "insolitamente solide".

Persone Orientering Hanno contattato Aker e possono dire che le imbarcazioni sono dotate di rinforzi per il posizionamento dei cannoni. Alcuni hanno anche affermato che queste barche da frutta sono così veloci: 22 miglia all'ora. ora che devono essere costruiti principalmente pensando alla guerra.

La cosa non è interessante

- Questo caso non è interessante, dice il capo della spedizione Tim Greve al Ministero degli Affari Esteri Orientering. – Personalmente metterei in guardia dal filosofare su ciò che è norvegese prodotti di esportazione, comprese le navi, possono essere utilizzati È un fatto noto che entrambi Israele e l’Egitto sta effettuando una mobilitazione completa, e sicuramente metteranno l’accento sul portare parti della flotta mercantile sotto il loro controllo. Il caso summenzionato non sarà influenzato dalla decisione dello Storting sulle esportazioni di armi norvegesi dal -59, conclude Tim Greve, che ci chiede di contattare il Ministero del Commercio.

Informazione Orientering siede all'interno, dice che Akergruppen consegna navi alla flotta mercantile israeliana che possono essere convertite in navi da guerra entro un
Periodo di 48 ore.

- Quando riceviamo informazioni sulla contrattazione di barche da frutta, presumiamo che si tratti davvero di barche da frutta, afferma il responsabile della spedizione Dalstø presso il Ministero del Commercio. – L'approvazione del Ministero in questi casi è solo una formalità. Se Aker riceve determinate specifiche da un'azienda israeliana, ovviamente non possiamo controllare tali specifiche. Se si tratta della costruzione di navi da guerra, la situazione è diversa. Poi il tutto viene valutato caso per caso, conclude Dalstø.

- La prima barca che abbiamo costruito per Maritime Fruit è stata consegnata nel novembre 1964, afferma il vicedirettore Amundsen di Akergruppen.

- Chi progetta le barche?

- Questo è ciò che fanno i nostri disegnatori dell'Akergruppen.

- Ma sicuramente Israele ha certi desideri riguardo al design?

- Naturalmente rispettiamo tali desideri. È comune in tutti i progetti di costruzione. Per inciso, si può dire che le 10 barche consegnate finora sono le stesse.

Nessun atto di sabotaggio.
- Quante altre barche consegnerai Maritime Fruit?

- Per ragioni di politica commerciale e di finanziamento non lo renderemo pubblico. Altrimenti siamo molto poco entusiasti di scrivere di questo caso che non ha nulla a che fare con il caso della cannoniera. Non ci piace l'idea che alcuni ambienti egiziani possano fare due più due e arrivare ad una conclusione completamente sbagliata.

Non è un pensiero piacevole che forse si verifichino azioni di sabotaggio egiziano qui ad Aker. Così è stato anche in altre parti del mondo. I top manager del gruppo Aker sono l'amministratore delegato Martin Siem e il Sindaco del Consiglio di Rappresentanza, Console Generale Erling Lind. La maggior parte delle persone conosce il nome di Erling Lind per i suoi rapporti con il regime greco. Martin Siem ha fatto il suo nome sulla stampa mondiale – probabilmente involontariamente – in relazione al caso della cannoniera. Sebbene Siem affermi di aver agito esclusivamente come privato cittadino e non come leader del gruppo Aker, diventa sempre più chiaro, man mano che nuove informazioni vengono diffuse, che Siem, in qualità di direttore generale del gruppo Aker, potrebbe fare le sue gigantesche manipolazioni.

Manipolazioni gigantesche

In ogni caso, non può essere nell'interesse di Siem far luce da più parti sul caso della cannoniera. Lui stesso ha fatto il possibile per trattenere quante più informazioni possibili. Ha avuto un buon socio nel direttore israeliano Brener, che lui stesso "ha una piccola partecipazione nella società (Starboat S/A), ma è l'unico collegamento tra Starboat S/A e Maritime Fruit Carriers Co. è che ricopre posizioni di primo piano in entrambe le società". (Telegramma NTB del 30 dicembre 1969.)

Gli occhi di tutto il mondo erano puntati verso la Norvegia quando i cinque le cannoniere salpò da Cherbourg la notte del giorno di Natale. Le cinque barche erano le ultime di una serie di dodici e non potevano essere legalmente consegnate dalla Francia a Israele perché de Gaulle interruppe tutte le consegne di armi al paese il 1 giugno 5.

Solo due giorni dopo Martin Siem si è fatto avanti con una dichiarazione in cui sottolineava di essere "il rappresentante personale di una società registrata a Panama che qualche tempo fa ha rilevato cinque motoscafi veloci a Cherbourg".

In un'intervista a NTB (28/12), il direttore Siem afferma: "I miei contatti con i venditori francesi erano principalmente di natura tecnica. Ho ricevuto alcuni poteri dalla compagnia di Panama affinché potessi svolgere alcune questioni per loro”. Successivamente il direttore Siem ha dovuto ammettere di essere stato lui a fondare di propria iniziativa la Starboat S/A a Panama, mercoledì scorso il ministro John Lyng ha potuto affermare che è stato Siem a firmare i contratti di acquisto della cannoniera acquistare.

Nel frattempo, il regista Brener ha cercato di venire in soccorso del suo collega norvegese. Ancora il 30 dicembre Brener ha dichiarato in un'intervista alla NTB di non sapere che i norvegesi avessero qualcosa a che fare con la transazione. – Secondo lui, quando la Norvegia è stata coinvolta nel caso, è stato a causa di circostanze sfortunate, – le vacanze di Natale, l'epidemia di influenza e gli uffici senza personale, che non hanno potuto fornire alla stampa informazioni precise.

Un piccolo sguardo

In una successiva intervista, però, il tono è cambiato. All'improvviso dice: "Lui (dir. Siem) era anche un vecchio amico e socio in affari. Il gruppo Aker ha consegnato negli ultimi tempi diverse imbarcazioni a questa azienda israeliana. (Maritime Fruit Co.) Alla domanda sul perché l'azienda è stata creata adesso, Brener ha risposto che era una buona soluzione per gli affari. Formalmente è stata Siem a prendere l'iniziativa di fondare la Starboat S/A.

Ulteriori dettagli su questa vicenda non dovrebbero essere necessari. Inoltre la stampa quotidiana ha coperto troppo bene lo scandalo delle cannoniere. Alcuni giornali sostengono che dietro le cannoniere ci sia anche la società di trivellazione petrolifera Aker Drilling, il che è molto probabile. Numerosi dettagli e domande individuali rimangono senza risposta. E probabilmente non avrà risposta.

In un "incidente", noi e il resto della stampa mondiale abbiamo avuto un assaggio delle manipolazioni quotidiane dei circoli marittimi. Perché non dubitiamo per un momento che anche questa vicenda non sia unica circuiti di spedizione o negli affari privati ​​in generale.

All'insaputa delle autorità norvegesi l'Akergruppen v/dir vende quindi. Nave da frutta Siem, leggi: nave da guerra, al suo "vecchio amico" dir. Brucia nella frutta marittima. È un'operazione seria, una chiara elusione delle regole per Norwegian esportazione di armi e materiale bellico.

Qualche tempo fa Israele ha ordinato 50 Mirage Jetfly, ordine che non è stato possibile eseguire a causa dell'embargo francese. Dir. Siem può ad es. fondare una nuova compagnia a Panama o convertire gli aerei da caccia in aerei passeggeri?

Leggi anche Leader del New Times L'occultamento

Potrebbe piacerti anche