Teatro della crudeltà

L'iGeneration e la nuova ipersensibilità

Le coccole della mente americana/iGen – Perché i bambini superconnessi di oggi crescono meno ribelli, più tolleranti, meno felici – e completamente impreparati all'età adulta – e cosa significa per il resto di noi
Gli studenti vivono in una bolla e dovrebbero andare in terapia per affrontare il mondo reale, affermano due autori sullo stato delle università americane.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il difensore della libertà di parola Greg Lukianoff (nato nel 1974) e lo psicologo sociale Jonathan Haidt (nato nel 1963) hanno suscitato scalpore con l'articolo "The Coddling of the American Mind" – "The Coddling with the American Mind" – nella rivista The Atlantic in 2015. Gli autori hanno ora ampliato l'articolo in un libro. Il titolo allude alla critica conservatrice e distopica del filosofo Allan Bloom (1930–1992) al sistema educativo in La chiusura della mente americana dal 1987. (Un campione è stato tradotto in norvegese nel 1992: La triste storia dell'università.)

Il potere dell'offesa

Come Bloom, Lukianoff e Haidt scrivono sullo stato delle università americane. L'attenzione questa volta non è sulla critica della cultura popolare e sulla difesa dei classici, ma su fenomeni che si sono intensificati in particolare dal 2013: attivare avvisi, microaggressionen e spazi sicuri.

Lo vediamo quotidianamente sui social: anche qualche pazzoide che si sente "offeso" da qualcosa! Il mondo non è pronto per la Pasqua: gli studenti delle università americane hanno perso i lacci delle scarpe! Si sente un forte gemito e nella cassa di risonanza si ottiene l'ennesima conferma che la democrazia, la libertà di espressione e gli ideali dell'Illuminismo sono minacciati.

Fino a 400 volte i relatori invitati hanno dovuto ritirarsi a causa delle proteste studentesche.

Gli studenti cercano sicurezza, si oppongono ai docenti ospiti che promuovono opinioni che non gli piacciono e reagiscono in modo eccessivo se qualcosa è spiacevole. Non chiedi quali siano le intenzioni del mittente: solo qualcosa è sperimentato in quanto discriminatoria, l'azione è in corso. Il campus diventa un campo minato dove è facile sbagliare.

Cambio di mentalità

Lo psicologo sociale Jonathan Haidt
Jonathan Haidt

Cosa ha causato questo nuovo atteggiamento tra gli studenti? Haidt e Lukianoff affermano che lo sviluppo non è dovuto a singoli estremisti, ma a un cambiamento globale di mentalità. Si riferiscono a 379 casi di relatori invitati costretti a ritirarsi a causa delle proteste studentesche. Soprattutto dopo il 2013, la situazione è aumentata.

Sei fattori vengono enfatizzati per spiegare il fenomeno. 1) Una crescente e odiosa polarizzazione tra repubblicani e democratici crea un clima riscaldato. Nell'aria c'è confronto e atteggiamento vigile. Quando tutto ciò si combina con 2) aumento di ansia e depressione negli studenti, 3) genitori iperprotettivi, 4) meno gioco libero durante l’infanzia, 5) una burocrazia che si nutre di ideologia della sicurezza e 6) una mentalità della giustizia che si concentra troppo sull’uguaglianza dei risultati , il risultato è una caccia alle streghe e reazioni isteriche.

Gli autori raccomandano la terapia cognitiva per rafforzare la realtàorienteringuno per gli studenti, abituati a vivere in una bolla. Devono imparare che le emozioni negative non riflettono necessariamente la situazione così com’è. La democrazia crolla se vuoi vietare tutto ciò che non ti piace.

Generazione iGen

Jean M. Twenge, professore di psicologia
Jean M. Twenge

Haidt e Lukianoff ora si rendono conto che non sono state le università a creare la nuova mentalità. I disturbi mentali si stanno diffondendo tra i giovani: un'ondata "diversa da qualsiasi cosa vista nei tempi moderni". Qui gli autori fanno ampio affidamento sul libro di Jean M. Twenge iGen – Perché i bambini di oggi super-connessi stanno crescendo meno ribelli, più tolleranti, meno felici – e completamente impreparati per l’età adulta – e cosa significa per il resto di noi (2017), che quest'anno è stato pubblicato in formato tascabile. Twenge è professore di psicologia alla San Diego State University e, secondo gli autori, fornisce "il quadro più dettagliato finora del comportamento, dei valori e dello stato mentale degli adolescenti e degli studenti di oggi". Da 25 anni si occupa di ricerca generazionale, di cui ha scritto, tra l'altro, in precedenza Millennials i Generazione Me (2006). Ha chiamato iGen la generazione nata tra il 1995 e il 2012, perché lo smartphone è centrale nella vita dei giovani.

Non solo gli individui sono ipersensibili e traumatizzati: la maggioranza vede l’università come un luogo dove sentirsi sicuri e non rischiare di sperimentare disagi emotivi. Non fumano, bevono meno e fanno il loro debutto sessuale più tardi. A loro non piace correre rischi, tutto dovrebbe essere sano e salvo.

La libertà che è scomparsa

Il contrasto con la generazione di Twenge (n. 1971) in alcuni aspetti è sorprendente, ad esempio quando si tratta di ottenere un certificato. Laddove la Generazione X ha spinto per sentire la libertà di guidare il più velocemente possibile, gli iGenner hanno rimandato fino a quando i loro genitori non possono più sopportare di accompagnarli a scuola.

Jean M. Twenge: Un altro libroSe si torna agli anni '70, il contrasto è ancora maggiore: allora i giovani cercavano di trovare posti dove poter fumare, bere e coccolarsi sul sedile posteriore delle loro auto. Gli iGen preferiscono stare con i genitori e semplicemente impiegano più tempo per diventare adulti. Adulting è diventata una nuova parola con una connotazione negativa.

Twenge si asterrà dal moralizzare sostenendo che gli iGener si comportano meglio o sono noiosi. Ciononostante cade dal ruolo di distaccata ricercatrice quando geme di frustrazione per l'uso di Internet da parte dei giovani: "Abbiamo l'accesso più completo e diretto alle informazioni nell'intera storia dell'umanità, ma lo usiamo per guardare film divertenti video di gatti."

La vulnerabilità crea un bisogno di sicurezza

Gli iGener evitano relazioni strette basate sulla massima: "Nessuna relazione, nessun problema". Molti credono che l'identità sia costruita indipendentemente dalle relazioni e non in esse. Solo quando si è "completamente sviluppati" da adulti si può entrare in una relazione, così descrive la situazione la psicologa Leslie Bell.

"È difficile imparare qualcosa su te stesso quando sei con qualcun altro", dice uno degli intervistati di Twenge. Con un’identità così vulnerabile, il bisogno di sicurezza aumenta. Ecco il contesto psicologico del tipo di politica identitaria di cui vediamo i risultati estremi nelle università americane.

Meno contatti sociali significano che gli studenti ricevono una formazione più scarsa nelle abilità sociali, nella negoziazione delle relazioni e nella gestione delle emozioni. I giovani dimostrano online un ottimismo e una fiducia in se stessi che dovrebbero coprire la vulnerabilità nella vita reale.

L'ipersensibilità induce gli studenti a provare a fare sesso senza emozioni. Se iniziano a essere emotivamente coinvolti nel loro fanculo amici, o "amici della piscina", si mettono nei guai. Nel 54 il 2014% degli studenti ha riferito di aver avuto attacchi di ansia e molti soffrono di solitudine. Più gli studenti sono sui social media, più si sentono soli, sostiene Twenge.

I giovani vivono nella bolla degli smartphone. "Penso che preferiamo i nostri telefoni alle persone reali", ha detto uno degli informatori di Twenge. Solo il 10 per cento legge un giornale cartaceo almeno una volta alla settimana. Gli iGen comprendono 74 milioni di persone, ovvero il 24% della popolazione degli Stati Uniti. Questo è il futuro!

Critica a Twenge

Katie Davies, autrice di The App Generation
Katie Davis, una delle autrici di The App Generation. Foto: Tamell Simons

Gli autori di La generazione di app (2013), Katie Davies e Howard Gardener, criticano Twenge per aver spinto il materiale e confuso correlazione e causalità. Quando Twenge sostiene che più tempo i giovani trascorrono davanti allo schermo, più diventano depressi, sottovaluta il contesto sociale e si concentra troppo su un unico fattore: lo smartphone. Che il numero dei suicidi e la prevalenza della depressione siano in aumento è un dato di fatto, ma qual è la causa? La ricercatrice sui media Alexandra Samuel ha presentato una critica originale che contrasta con Twenge guardali adulto utilizzo di Internet.

Twenge è stata anche criticata per non essere rimasta indietro rispetto ai dati ufficiali sulla disoccupazione quando afferma che la crisi finanziaria non ha contribuito alla nuova mentalità. Ovviamente avrebbe potuto studiarlo più a fondo, ma il fatto che la disoccupazione tra i 15 e i 24 anni sia scesa dal 18,3% nel 2010 al 9,5% nel 2017 non fornisce una base sufficiente per spiegare i problemi psicologici dei giovani legati alla mancanza di lavoro. .

Il dibattito sulla nuova ipersensibilità degli studenti americani non è affatto chiuso e mostra quanto possa essere difficile trovare le ragioni della necessità di un’eccessiva politica identitaria.

Se non vuoi accontentarti di gemere per la frustrazione.

Vedi anche indagine La colpa è della madre e del padre

Ulteriori informazioni sull'ipersensibilità: Una tempesta di sentimenti feriti si abbatte sul mondo

 

Eivind Tjonneland
Eivind Tjønneland
Storico delle idee e autore. Critico abituale in TEMPI MODERNI. (Ex professore di letteratura all'Università di Bergen.)

Potrebbe piacerti anche