Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Ibsen alle piramidi

Negli ultimi decenni, le soap opera egiziane sono state dominate da personaggi femminili forti, donne come Nora.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[cronaca] "Nel tempo, sorge una realizzazione; le persone si avvicinano l'una all'altra; la distanza tra l'ignoto e il familiare diventa minore – e tutto sommato, coloro che hanno viaggiato molto finiranno con l'esperienza che le nazioni nei loro nuclei interiori non si rivelano così fondamentalmente diverse come si era predisposti a credere .”

È così che Ibsen descrisse i suoi sentimenti e pensieri quando visitò l'Egitto nel 1869. Sono al Cairo. L'anno è il 2006, cento anni dopo la morte di Ibsen. Forse Ibsen sedeva qui sulle rive del Nilo quando scriveva le sue memorie, come io sono seduto qui adesso. Forse no.

È difficile sapere se Ibsen si sarebbe riconosciuto nell'Egitto di oggi. Le strade sono diverse, le case sono diverse e le persone sono diverse. I contorni moderni si innalzano lungo il Nilo nel tentativo di nascondere gli aspetti meno moderni, meno sviluppati e meno belli della città di milioni di persone. È così che la città, o meglio le persone in città, cercano di "essere abbastanza se stesse" e di evitare le sfide della società.

Vago per la città metropolitana, incontro persone – volti sconosciuti – alcune donne, altri uomini. Al Cairo ce ne sono tanti: oltre 17 milioni di volti sconosciuti. Chi e 'questa gente? Se glielo chiedi, probabilmente ti daranno un nome e un'occupazione. Se avessi avuto l'opportunità di chiedere a Peer Gynt chi fosse, ti avrebbe dato anche il suo nome e la sua professione. Questo non ti avrebbe detto molto su chi fosse veramente, vero?

Oggi, però, un nome può dire molto. Un nome spesso definisce le sue restrizioni. Se ti chiami “Mohamed”, i confini nazionali, siano essi reali o artificiali, si ergeranno all’orizzonte per affermarsi. Le nazioni oggi sono costrette a essere diverse, anche nel loro “nucleo interiore”.

Peer Gynt ha avuto la possibilità di viaggiare in giro per il mondo e affrontare la sfida di ritrovare se stesso. Peer arrivò in Egitto, incontrò la Sfinge e fu costretto a fare uno o due passi sulla strada per scoprire chi fosse. Se oggi Mohamed o Ahmed volessero andare a Dovre, Londra o Washington in cerca di se stessi, probabilmente gli verrebbero rifiutato il visto, no? Per molti, la ricerca di un’identità è limitata ai confini dello Stato.

Soha Mohamed ha 18 anni. Incontro lei e alcuni suoi amici fuori da uno dei tanti centri commerciali del Cairo. Soha, Maha, Mohamed, Ibrahim e Yousef si incontrano regolarmente. A parte la sciarpa in testa, Mohamed è vestita come qualsiasi giovane donna occidentale. Mohamed e i suoi amici fanno parte del nuovo mondo globale. Indossano jeans, ascoltano musica occidentale e mangiano fast food occidentale. In breve, sembrano far parte di quel mondo in cui “le nazioni, nella loro essenza più profonda, non si rivelano così fondamentalmente diverse come tendevano ad essere in precedenza”.

credere."

Sotto questa superficie, ognuna di queste giovani anime è alla ricerca di se stessa. Chi sono veramente, in questo nuovo mondo globale? Combattono contro una sorta di Bøyg moderno. Sono anche incoraggiati a "essere abbastanza se stessi" e molti di loro semplicemente "sono abbastanza se stessi".

I sogni di Mohamed per il futuro sono semplici come le fantasie di molte ragazze egiziane: vuole essere presa in braccio da un principe su un cavallo bianco. E quando ciò accade, lei e i suoi amici sono pronti a sacrificarsi per amore e affetto.

Soha e molte delle altre ragazze che incontro per le strade del Cairo sono state allevate per essere fedeli quanto Solveig lo è a Peer e fedele come Agnes lo è a Brand. Ma accettano davvero un ruolo del genere? Riusciranno, alla fine, a trovare questi lati in se stessi?

Negli ultimi decenni, le soap opera egiziane sono state dominate da forti personaggi femminili. Donne forti che non si accontentano di essere casalinghe devote, donne che pretendono dai propri mariti il ​​diritto alla vita, alla carriera, alla scelta e all'amore incondizionato. Donne come Nora, che possono chiudersi la porta alle spalle e uscire. Non necessariamente verso un mondo migliore, ma verso un mondo che hanno scelto loro stessi. Anche in Egitto si incontrano donne simili, molte! Se le soap opera le abbiano create o se le abbiano solo drammatizzate non è il problema qui.

Hind El Fishawy è un esempio vivente di donne così forti. Aveva 26 anni quando rimase incinta, a seguito di quello che lei sostiene fosse un matrimonio segreto con Ahmed El Fishawy, un matrimonio che non poteva provare. Hind El Fishawy ha scelto non solo di assumere il ruolo unico di madre single in un paese conservatore come l'Egitto, ma anche di lottare per i diritti di sua figlia.

Avrebbe potuto fare come Gina. Avrebbe potuto permettere al padre del bambino di sfuggire alle sue responsabilità. Ma non l'ha fatto! Invece, Hind ha sbattuto la porta dietro di sé, è uscito e ha dichiarato guerra ad Ahmed El Fishawy e all'intera comunità. È una versione moderna di Nora. Quando la figlia di Hind aveva due anni, il tribunale stabilì che Ahmed era il padre della bambina, senza nemmeno obbligarlo a fare il test del DNA. Hind El Fishawy ha costretto gli uomini egiziani a "essere se stessi" e a non "essere abbastanza se stessi"!

Cento anni dopo la sua morte, Ibsen e le sue figure drammatiche continuano a vivere al massimo grado tra i giovani egiziani, anche tra coloro che non ne hanno mai sentito parlare. È proprio questo il fascino geniale di Ibsen: riesce a catturare gli aspetti umani a prescindere dal tempo e dallo spazio, a prescindere dalla cultura e dalla religione e a prescindere dalla nazione e dallo stato.

La cronaca è scritta da: Amal Wahab, giornalista al Cairo

Questo testo è tratto dal libretto del programma di

La produzione Peer Gynt in Egitto il 26 e 27 ottobre.

Potrebbe piacerti anche