Ordina qui l'edizione estiva

Il codice Ibsen

L'anno 2006 di Ibsen ha dimostrato che Ibsen è ancora meglio compreso al di fuori della Norvegia.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[l'anno Ibsen] "Quello che temo sono gli uomini con i piccoli compiti ei piccoli pensieri.."

Scrisse Henrik Ibsen (1828-1906) nel 1879. Il viaggiatore italiano sapeva che la sua poesia mondiale era troppo grande per il suo paese natale.

La celebrazione del 100° anniversario della morte di Ibsen ha dimostrato che le sue paure sono altrettanto rilevanti. La maggiore copertura mediatica è stata dedicata a una critica populista alla messa in scena del Peer Gynt di Bentein Baardson davanti alle piramidi di Giza, una messa in scena nello spirito del poeta. Nel 1866, poco prima che Ibsen finisse il dramma, scrisse: "Il lavoro della vita che per me è il più importante in Norvegia è risvegliare le persone e farle pensare in grande".

Ibsen ha fallito. Anche Morgenbladet ora scrive che era "completamente sbagliato spendere così tanti soldi" per "il musical a Giza". Invece, si dovrebbe piuttosto investire in "misure Ibsen in Norvegia". Morte a Peer Gynt – colui che si definiva un "cittadino del mondo per temperamento".

L'Egitto ha speso milioni di corone per la celebrazione dell'Ibsen, senza spendere troppo. E la migliore critica professionale alla produzione di Baardson è venuta dal critico teatrale Nehad Selaiha, che in Al-Ahram ha sottolineato l'errore di confondere il Bøygen con la Sfinge. Eppure era eccitata. Mentre fioriva in Norvegia, gli egiziani mantennero vivo lo spirito Ibsen guardando Ibsen dal vivo in televisione.

L'interpretazione più innovativa dell'anno è arrivata con il libro Ibsen and Hitler dell'americano Steven F. Sage. Mentre il regista indiano KP Kumaran sta girando l'unico film di Ibsen dell'anniversario: Builder Solness diventa "Akashagopuram" ("Castle in the Air").

È nel 2006 come nel 1866: Ibsen è meglio compreso al di fuori della Norvegia.■

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche