Ordina qui l'edizione estiva

Nel potere dei demoni

Non è bello avere qualcuno da odiare? Draghi e demoni svolgono il lavoro del male archetipico da oltre 5000 anni.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[esseri di fantasia] Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha assolutamente ragione quando chiama gli Stati Uniti e il presidente George W. Bush "il grande Satana". In ogni caso, da un punto di vista storico ideologico e linguistico, perché come mostra il ricercatore religioso Asbjørn Dyrendal nel suo libro su demoni, diavoli e altre creature spiacevoli, "satana" originariamente significava "avversario".

Nella Bibbia, un satana sottopone Giobbe a prove nel libro di Giobbe, mentre uno degli angeli di Dio è descritto come satana quando blocca la strada all'asino di Balaam. IN

Demons mostra a Dyrendal come le nozioni ebraiche del potente principe del male – Lucifero, Satana, Belial, il Diavolo – siano emerse a seguito di conflitti politici e cambiamenti sociali e teologici, prima di essere coltivate e ulteriormente sviluppate dal cristianesimo primitivo, influenzato dall'ebraismo apocalittico e ambiente ellenistico.

Propaganda diabolica

Nelle prime religioni c'erano sia divinità buone che malvagie, ma dopo alcune deviazioni in Mesopotamia e Persia, Dyrendal si concentra sull'ebraismo e sul cristianesimo, con un Dio buono e onnipotente e un diavolo personificato e meno potente. Dimostra quanto sia stato importante per l'umanità avere – come cantano i Raga Rockers – qualcuno da odiare, qualcuno a cui dare la colpa di tutte le loro disgrazie.

La credenza demoniaca si sviluppò di pari passo con la società circostante e più forte era il cristianesimo in Europa, più forte diventava il diavolo. Già nell'anno 200, il padre della chiesa Tertulliano credeva che le corse di cavalli, i bagni e i ristoranti fossero diabolici, il trucco femminile fosse una distorsione demoniaca della verità e che i teatri fossero le congregazioni di Satana.

Nell'alto medioevo, il Diavolo era descritto come brutto e stupido dalla maggior parte delle persone, ma dal XV secolo l'inferno divenne uno strumento più forte nella propaganda politica e religiosa. Le norme e le richieste che in precedenza erano state riservate al clero venivano ora poste davanti ai credenti ordinari e la fede nel diavolo portava a un maggiore disprezzo per le donne, credenza nell'autorità e sentimenti di vergogna sessuale. Nel 1400° secolo, la paura di Satana cominciò a diminuire, e fu usato più frequentemente come strumento nella letteratura e come simbolo nella retorica politica. Poeti come John Milton e William Blake hanno dato al Diavolo un volto umano, mentre romantici come Lord Byron e Shelley lo hanno ritratto come un eroe della liberazione, l'angelo che si ribellò a un Dio autoritario.

Un popolare Satana

Questa simbolica figura satanica è ancora con noi oggi. Milioni credono ancora

Il diavolo, lo usano come simbolo politico o scherzo nel creare storie che richiedono attraverso attori malvagi.

Dyrendal mostra come Satana abbia permeato la cultura popolare fin dal XVIII secolo, con un tuffo nella letteratura, film come L'esorcista e Il presagio e la serie TV Buffy l'ammazzavampiri. Tuttavia, inciampa nel fascino di Satana dai piedi lepri di quasi 1700 anni dell'hard rock, e inciampa quando trascura Satana nel capolavoro di Neil Gaiman Sandman in favore dell'Anticristo nel romanzo trivia Good Omens.

Per lo più demoni occidentali

Il problema principale con Demons è che affonda i denti nei diavoli del cristianesimo, dimenticando così la ricca fauna demoniaca dell'Islam, dell'induismo e del folklore giapponese e cinese. Soprattutto quando i demoni giapponesi e cinesi non sono necessariamente così malvagi come in Occidente.

Questa, d'altra parte, è la grande forza del libro Dragons dello zoologo Torfinn Ørmen, dove sottolinea le differenze culturali tra i draghi malvagi in Occidente ei loro simpatici parenti in Oriente. Sfortunatamente, Ørmen non riesce a tracciare legami altrettanto forti tra superstizione storica e vita quotidiana. Dopo una promettente introduzione, Drager crolla in un estenuante divagare di storie e avventure, che diventa ancora più evidente quando Ørmen entra nella cultura popolare.

Laddove Dyrendal riesce a tracciare linee da Milton a Buffy l'ammazzavampiri, Ørmen segue le orme di Tolkien e si tuffa direttamente nella letteratura fantasy per non uscire mai più in superficie.

Questi libri ci dicono molto su come e perché le creature fantastiche giocano ancora un ruolo importante, ma solo giusto

Örmen riesce a spiegare perché dovremmo preoccuparcene: "Usando la battaglia tra il bene e il male come cornice, vengono continuati anche gli aspetti politicamente più spiacevoli del mito del demone: che il male puro può essere trovato, che si trova al di fuori di noi, e che può essere spazzato via schiacciando i suoi rappresentanti”, afferma – qualcosa a cui possono sottoscrivere sia George W. Bush che Mahmoud Ahmadinejad.

Recensito da Øyvind Holen

Potrebbe piacerti anche