Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Le bugie dei signori della guerra

In questo testo, John Pilger scrive di un "patto faustiano" tra élite armate di guerra che minimizzano i pericoli del fascismo occidentale e moderno – ben aiutato dalla propaganda mascherata da notizie.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Quando il 70 ° anniversario della liberazione di Auschwitz è stato segnato poco tempo fa, ci è stato ricordato il grande crimine del fascismo, con l'iconografia nazista chiaramente presente nella coscienza. Il fascismo è conservato come storia, come immagini tremolanti di camicie nere, in spaventoso e chiaro richiamo alla natura criminale del movimento. Ma nelle stesse società liberali, dove le élite devastate dalla guerra ci spingono a non dimenticare mai, il pericolo crescente di una forma moderna di fascismo è diminuito – perché è deres il fascismo.

"Iniziare una guerra di attacchi", ha dichiarato il giudice di Norimberga nel 1946, "non è solo un crimine internazionale, è il più grande di tutti i crimini internazionali in quanto porta con sé il male accumulato".
Se i nazisti non avessero invaso l'Europa, sarebbe stato qualcosa di Auschwitz e dell'Olocausto. Se gli Stati Uniti e i loro militanti non avessero iniziato la loro guerra di attacco in Iraq nel 2003, quasi un milione di persone sarebbero state vive oggi e lo Stato islamico, o ISIS, non ci avrebbe schiavizzato con la sua crudeltà. Sono i risultati di un fascismo moderno che ci aspettiamo dalle bombe, dalla carneficina e dalle menzogne ​​che compongono l'assurdo teatro che chiamiamo notizia.
Come il fascismo negli anni '1930 e '1940, le menzogne ​​pesanti vengono trasmesse con la precisione di un metronomo, grazie ai media ubiquitari e ripetitivi che effettuano la sua censura attraverso omissioni. Prendiamo ad esempio il disastro in Libia.
Nel 2011, la NATO ha effettuato 9700 attacchi contro la Libia. Oltre un terzo di questi erano rivolti a obiettivi civili. Furono usate testate all'uranio; le città di Misrata e Sirte furono bombardate. La Croce Rossa ha trovato fosse comuni e l'UNICEF ha riferito che "la maggior parte [dei bambini uccisi] aveva meno di dieci anni".

La menzogna del genocidio. La rappresentazione pubblica del presidente libico Muammar Gheddafi come una trincea con una "baionetta ribelle" è stata accolta dall'allora Segretario di Stato americano Hillary Clinton con le parole: "Siamo venuti, abbiamo visto, è morto". L'assassinio di lui e la distruzione del suo paese sono stati giustificati da una grande e ben nota menzogna: ha progettato un "genocidio" contro il suo stesso popolo. "Sapevamo che se avessimo aspettato un altro giorno", ha detto il presidente Obama, "Bengasi, una città delle dimensioni di Charlotte, potrebbe essere soggetta a un massacro che avrebbe risuonato in tutta la regione e avrebbe macchiato la coscienza del mondo".

Questa fu la creazione di milizie islamiche con la prospettiva di essere sconfitte dalle forze del governo libico. Hanno detto a Reuters che sarebbe stato "un vero massacro, un massacro simile a quello che abbiamo visto in Ruanda". Il 14 marzo 2011, la menzogna ha innescato la prima scintilla dell'inferno della NATO, descritto da David Cameron come un "intervento umanitario".
Molti dei "ribelli", segretamente equipaggiati e addestrati dalle forze speciali britanniche SAS, sono diventati combattenti dell'ISIS – il cui ultimo video mostra la decapitazione di 21 lavoratori cristiani copti catturati a Sirte, la città distrutta per loro conto dai bombardieri di NATO.

L'operazione Ciclone è stata la "guerra al terrore", che ha causato la morte di innumerevoli uomini, donne e bambini nel mondo musulmano, dall'Afghanistan all'Iraq, allo Yemen, alla Somalia e alla Siria.

Per Obama, David Cameron e l'allora presidente francese Nicolas Sarkozy, il vero crimine di Gheddafi era l'indipendenza economica della Libia e la sua dichiarata intenzione di smettere di vendere le più grandi riserve petrolifere dell'Africa in dollari USA. Il petrodollaro è un pilastro del potere imperiale degli Stati Uniti. Gheddafi progettò coraggiosamente di creare una moneta africana comune collegata a un gold standard, di stabilire una banca per l'intera Africa e di promuovere l'unione economica tra i paesi poveri con risorse preziose. Non sarebbe stato decisivo se questo potesse accadere o no. L'idea da sola era del tutto inaccettabile per gli Stati Uniti che si stavano preparando ad "entrare" in Africa e ad attirare i governi africani con "partnership" militari.

A seguito degli attacchi della NATO sotto le spoglie di una risoluzione del Consiglio di sicurezza, scrive Garikai Chengu, Obama ha confiscato "30 miliardi di dollari dalla banca centrale libica, denaro che Gheddafi aveva stanziato per la creazione di una banca centrale africana e la valuta africana basata sullo standard dell'oro".
La "guerra umanitaria" contro la Libia si è avvalsa di un modello vicino al cuore liberale dell'Occidente, soprattutto nei media. Nel 1999 Bill Clinton e Tony Blair hanno inviato la NATO a bombardare la Serbia perché, mentendo, i serbi hanno commesso un "genocidio" di etnia albanese nella provincia separatista del Kosovo. Davis Scheffer, l'ambasciatore degli Stati Uniti qua e là per crimini di guerra [sic], ha affermato che avrebbero potuto essere assassinati fino a 225 uomini di etnia albanese tra i 000 ei 14 anni. Sia Clinton che Blair hanno evocato l'Olocausto e lo "spirito della seconda guerra mondiale". L'eroico alleato dell'Occidente era l'Esercito di liberazione del Kosovo (KLA), con un passato criminale completamente ignorato. Il ministro degli Esteri britannico, Robin Cook, ha detto che potevano chiamarlo in qualsiasi momento sul cellulare
il suo telefono.
- annuncio pubblicitario -

La tragedia in Afghanistan può quasi essere paragonata al crimine epico in Indocina.

Quando i bombardamenti della NATO furono terminati e gran parte delle infrastrutture della Serbia, nonché scuole, ospedali, monasteri e la stazione televisiva nazionale erano in rovina, le squadre investigative internazionali arrivarono in Kosovo per scoprire le prove di un "olocausto". L'FBI non ha trovato una fossa comune e è tornato a casa. Il corrispondente gruppo spagnolo fece lo stesso, e il leader condannò "una piroetta semantica dalle macchine di propaganda di guerra". Un anno dopo, un tribunale delle Nazioni Unite sulla Jugoslavia determinò il bilancio delle vittime finale in Kosovo: 2788. Ciò includeva combattimenti da entrambe le parti, e serbi e rom assassinati dall'UCK. Non c'è stato nessun genocidio. "L'Olocausto" era una bugia. L'attacco della NATO era stato un inganno.

Dietro la bugia c'erano intenzioni serie. La Jugoslavia era una federazione indipendente e multietnica unica che aveva servito da ponte politico ed economico durante la guerra fredda. La maggior parte delle istituzioni e delle fabbriche più grandi del paese erano di proprietà pubblica. Ciò non era accettabile per un'Unione europea in espansione, e soprattutto non per una Germania riunita di recente che aveva lanciato una spinta verso est per conquistare il suo "mercato naturale" nelle province jugoslave di Croazia e Slovenia. Quando gli europei si incontrarono a Maastricht nel 1991 per pianificare la catastrofica zona euro, fu raggiunto un accordo segreto: la Germania voleva riconoscere la Croazia. La Jugoslavia era perduta.

A Washington, gli Stati Uniti assicurarono che alla stanca economia jugoslava fossero negati i prestiti della Banca mondiale. La NATO, che all'epoca era quasi come un residuo morto della guerra fredda, fu reinventata come potenza di rafforzamento dell'impero. Durante una conferenza di "pace" nel Rambouillet francese nel 1999, i serbi furono esposti alle tattiche ingannevoli del fattore potere. L'accordo di Rambouillet conteneva un'appendice B segreta, che la delegazione statunitense ha ricevuto l'ultimo giorno. Richiedeva l'occupazione militare di tutta la Jugoslavia – un paese con amari ricordi dell'occupazione nazista – e l'implementazione di una "economia di libero mercato" e la privatizzazione di tutti i beni del governo. Nessuno stato sovrano potrebbe firmare una cosa del genere. La punizione è arrivata rapidamente. Bombe NATO che piovono su un paese indifeso. È stato il precursore delle catastrofi in Afghanistan e Iraq, Siria e Libia e Ucraina.
Dal 1945, oltre un terzo degli Stati membri delle Nazioni Unite – 69 paesi – sono stati esposti ad alcune o tutte le seguenti dal fascismo americano moderno: sono stati invasi, i loro governi rovesciati, i loro movimenti popolari repressi, i loro popoli bombardati, le loro economie private ogni protezione, le loro comunità soggette a un assedio invalidante noto come "sanzioni". Lo storico britannico Mark Curtis ha calcolato che il bilancio delle vittime conta milioni. In ogni caso, lo hanno sequestrato, nonostante gli ostacoli che difficilmente possiamo immaginare. "
"Stasera, per la prima volta dall'9 settembre, la nostra missione di combattimento in Afghanistan è finita." Queste sono state le parole iniziali del discorso sullo stato dell'Unione dell'Unione di Obama nel 11. In realtà, circa 2015 soldati e 10 appaltatori militari (mercenari) sono lasciati in Afghanistan a tempo indeterminato. "La guerra più lunga della storia americana è stata portata a termine in modo responsabile", ha affermato Obama. In effetti, nel 000 sono stati uccisi più civili in Afghanistan che in qualsiasi altro anno da quando le Nazioni Unite hanno iniziato a contare. La maggior parte – civili e soldati – sono stati uccisi durante la presidenza Obama.

Democrazia spezzata. La tragedia in Afghanistan può essere quasi paragonata al crimine epico in Indocina. Nel suo acclamato e spesso citato libro, La grande scacchiera: primato americano e imperativi geostrategici, scrive Zbigniew Brzezinski, lo sponsor della politica americana dall'Afghanistan fino ad oggi, che se gli Stati Uniti vogliono controllare l'Eurasia e dominare il mondo, non possono sostenere la democrazia di un popolo – perché "la ricerca del potere non è un obiettivo che suscita l'entusiasmo popolare ... mobilitazione per la costruzione di un impero ". Ha ragione lui. Come hanno rivelato WikiLeaks e Edward Snowden, uno stato di polizia e di sorveglianza ruba la democrazia. Nel 1976, quando Brzezinski era il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Carter, dimostrò il suo punto di vista uccidendo la prima e unica democrazia dell'Afghanistan. Chi conosce questa storia importante?

Negli anni '1960, una rivoluzione popolare spazzò l'Afghanistan, il paese più povero del mondo, e alla fine rovesciò il regime aristocratico nel 1978. Il Partito Democratico Popolare Afgano (PDPA) formò un governo, dichiarando un programma di riforma che includeva l'abolizione del feudalesimo, la piena libertà religiosa , uguali diritti per le donne e giustizia sociale per le minoranze etniche. Più di 13 prigionieri politici furono liberati e gli archivi della polizia furono bruciati in pubblico.
Il nuovo governo ha introdotto l'assistenza sanitaria gratuita per i più poveri, il lavoro forzato a causa del debito è stato bandito e è stato messo in atto un programma di alfabetizzazione di massa. Per le donne, si sono registrati progressi senza precedenti. Alla fine degli anni '1980, la metà degli studenti universitari erano donne e le donne costituivano quasi la metà dei medici afgani, un terzo dei dipendenti pubblici e la maggioranza degli insegnanti. "Tutte le ragazze potrebbero andare al liceo e all'università", ricorda Saira Noorani, una chirurga donna. "Potremmo andare dove volevamo e vestirci come volevamo. Il venerdì andavamo nei caffè e nei cinema per guardare gli ultimi film indiani e ascoltare la musica più recente. Tutto cominciò a andare storto quando i mujahedin iniziarono a prosperare. Uccidevano gli insegnanti e bruciavano le scuole. Eravamo terrorizzati. Era strano e triste pensare che queste erano le persone sostenute dall'Occidente ".
Il governo del PDPA fu sostenuto dall'Unione Sovietica, sebbene l'ex Segretario di Stato Cyrus Vance in seguito ammise che "non c'erano prove di interferenze sovietiche [nella rivoluzione]". Spaventato dalla crescente fiducia in se stessi nei movimenti di liberazione nel mondo, Brzezinski decise che se l'Afghanistan avesse avuto successo sotto il PDPA, l'indipendenza e il progresso afgani avrebbero significato "una minaccia da un esempio promettente".
Il 3 luglio 1979, la Casa Bianca approvò segretamente il sostegno alle tribù "fondamentaliste" note come mujahedin. Era un programma che è cresciuto fino a superare i 500 milioni di dollari all'anno per armi americane e altri aiuti. L'obiettivo era rovesciare il primo governo laico e favorevole alle riforme dell'Afghanistan. Nell'agosto 1979, l'ambasciata degli Stati Uniti a Kabul riferì che "gli interessi prevalenti degli Stati Uniti ... trarrebbero vantaggio dalla rimozione del [governo PDPA], indipendentemente dalle battute d'arresto che ciò potrebbe comportare per le future riforme sociali ed economiche in Afghanistan. " I punti salienti sono miei.
I Mujahedin furono i precursori di Al Qaeda e dello Stato Islamico. I mujahedin includevano anche Gulbuddin Hekmatyar, che ricevette decine di milioni di dollari dalla CIA. La specialità di Hekmatyar era lo spaccio di oppio e il lancio di acido sui volti delle donne che non volevano indossare l'hijab. Fu invitato a Londra e salutato dal Primo Ministro Thatcher come un "combattente per la libertà".
Tali fanatici sarebbero potuti rimanere nel loro mondo tribale se Brzezinski non avesse lanciato un movimento internazionale per promuovere il fondamentalismo islamico in Asia centrale, minando in tal modo la liberazione politica secolare e "destabilizzando" l'Unione Sovietica creando "alcuni musulmani agitati". come scrive nella sua autobiografia. Il suo grande piano ha coinciso con le ambizioni del dittatore pakistano, il generale Zia ul-Haq, di dominare la regione. Nel 1968, la CIA e il servizio di intelligence pakistano ISI iniziarono a reclutare persone da tutto il mondo in Afghanistan jihad. Il multimilionario saudita Osama bin Laden era uno di questi. Gli apprendisti che alla fine si unirono ai talebani e ad al-Qaeda furono reclutati in un college islamico a Brooklyn, New York, e ricevettero una formazione paramilitare in un campo della CIA in Virginia. Questo si chiamava "Operation Cyclone". Il successo dell'operazione fu celebrato nel 1996, quando l'ultimo presidente del PDPA in Afghanistan, Mohammed Najibullah – che aveva chiesto aiuto all'Assemblea generale delle Nazioni Unite – fu appeso a un lampione dai talebani.
La battuta d'arresto dell'operazione Cyclone e dei suoi "pochi musulmani agitati" è arrivata l'11 settembre 2001. L'operazione Cyclone è diventata la "guerra al terrore", che ha causato la morte di innumerevoli uomini, donne e bambini nel mondo musulmano, dall'Afghanistan all'Iraq, Yemen, Somalia e Siria. . Il messaggio di potere era ed è questo: "Sei con noi o contro di noi".

Oggi, la più grande campagna terroristica unica al mondo prevede l'esecuzione di intere famiglie, ospiti del matrimonio, persone in lutto ai funerali. Sono le vittime di Obama.

Il comune denominatore del fascismo allora e ora è l'omicidio di massa. L'invasione americana del Vietnam aveva le sue "zone di fuoco libero" [dove si poteva presumere che tutto ciò che si muoveva fossero soldati nemici, oltre. nota], «conteggi del corpo» [i progressi nella guerra sono stati misurati nel numero dichiarato di nemici uccisi, oltre. nota] e «danni collaterali» [civili uccisi e installazioni civili distrutte, ecc. Nota.]. Nella provincia di Quang Ngai, da cui ho riferito, molte migliaia di civili ("gooks") sono stati assassinati dai soldati americani; tuttavia viene ricordato solo un massacro, quello di My Lai. In Laos e Cambogia, il più grande bombardamento di aerei della storia ha creato un periodo di terrore che oggi può essere osservato dall'aria sotto forma di fitte file di crateri bomba che ricordano collane giganti. Il bombardamento ha dato alla Cambogia il suo ISIS, guidato da Pol Pot.
Oggi, la più grande campagna terroristica unica al mondo prevede l'esecuzione di intere famiglie, ospiti del matrimonio, persone in lutto ai funerali. Sono le vittime di Obama. Secondo il New York Times, Obama sceglie da una "lista di omicidi" che la CIA gli presenta ogni martedì nella Stanza della situazione della Casa Bianca. Quindi decide, senza lasciare traccia della base giuridica, chi vivrà e chi morirà. La sua arma del delitto è il missile Hellfire, trasportato da un drone noto come drone. Le vittime sono grigliate e l'ambiente circostante è decorato con parti del corpo. Ogni colpo è registrato su uno schermo lontano come uno "Bugsplat» ("Schizzi di insetti").

La distorsione di Hollywood. "Coloro che marciano", scrive lo storico Norman Pollock, "sostituiscono l'apparentemente più innocua militarizzazione dell'intera cultura. E invece del leader gonfio, abbiamo lui che non è mai diventato un riformatore, ma che lavora con noncuranza, pianifica e commette omicidi sorridendo continuamente. "

Ciò che unisce il vecchio e il nuovo fascismo è la coltivazione della superiorità. "Credo nell'eccezionalità degli Stati Uniti con ogni fibra in me stesso", ha detto Obama, portando alla vita dichiarazioni sul feticismo nazionale degli anni '1930. Come ha sottolineato lo storico Alfred W. McCoy, fu l'adoratore di Hitler Carl Schmitt a dichiarare quanto segue: "Il sovrano è colui che decide l'eccezione". Questo riassume l'americanismo, l'ideologia dominante del mondo. Il fatto che non sia ancora riconosciuta come un'ideologia predatrice è il risultato di un lavaggio del cervello altrettanto poco riconosciuto. Insidioso, inspiegabile, astutamente presentato come illuminazione di successo, la sua compiacenza finge di essere cultura occidentale. Sono cresciuto con una dieta cinematografica di grandezza americana in cui quasi tutto era distorto. Non avevo idea che fosse stata l'Armata Rossa a distruggere la maggior parte della macchina da guerra nazista, al costo di ben 13 milioni di soldati. In confronto, le perdite americane – inclusa la guerra del Pacifico – furono 400. Hollywood ha capovolto questo.
La differenza ora è che il pubblico del cinema è invitato a lasciarsi commuovere dalla "tragedia" degli psicopatici americani che devono uccidere persone in parti remote del globo, proprio come il presidente stesso le uccide. The Incarnation of Hollywood Violence, attore e regista Clint Eastwood, è stato nominato per un Oscar quest'anno per il suo film Americano Sniper, che parla di un killer e maniaco autorizzato. Il New York Times lo ha descritto come un "film patriottico e adatto alle famiglie che ha battuto tutti i record di pubblico nei suoi primi giorni".
Non ci sono film eroici sugli Stati Uniti che abbracciano il fascismo. Durante la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti (e la Gran Bretagna) entrarono in guerra contro i greci che avevano combattuto eroicamente contro il nazismo e resistito alla nascita del fascismo greco. Nel 1967, la CIA aiutò una giunta militare fascista al potere ad Atene, come fecero in Brasile e nella maggior parte dell'America Latina. I tedeschi e gli europei dell'Est che erano stati in una lega segreta con l'aggressione nazista e i crimini contro l'umanità furono rifugiati negli Stati Uniti; molti sono stati trattati molto bene e premiati per il loro talento. Wernher von Braun era il "padre" della bomba terroristica nazista V2 e del programma spaziale americano.

"Feccia". Negli anni '1990, le ex repubbliche sovietiche nell'Europa orientale e nei Balcani sono diventate avamposti militari per la NATO, e gli eredi dopo un movimento nazista in Ucraina hanno avuto la loro opportunità. I fascisti ucraini responsabili della morte di migliaia di ebrei, polacchi e russi durante l'invasione nazista dell'Unione Sovietica furono riabilitati e la loro "nuova ondata" fu salutata dalle potenze occidentali come "nazionalisti".

Il picco è stato raggiunto nel 2014, quando l'amministrazione Obama ha speso cinque miliardi di dollari per un colpo di stato contro il governo eletto. Gli stormtrooper erano neonazisti noti come Partito conservatore e Svoboda. Tra i loro leader c'era Oleh Tyahnybok, che ha chiesto l'eliminazione della "mafia ebreo moscovita" e "altra feccia", che comprende gay, femministe e persone della sinistra politica.
Questi fascisti sono ora integrati nel governo golpista di Kiev. Il primo vicepresidente del parlamento ucraino, Andriy Parubiy, uno dei leader del partito al potere, è tra i fondatori di Svoboda. Il 14 febbraio, Parubiy annunciò che sarebbe volato a Washington per ottenere "gli Stati Uniti per darci armi moderne di alta precisione". Se ci riuscirà, sarà percepito come un atto di guerra dalla Russia.

L'intensità della campagna diffamatoria contro la Russia e la rappresentazione del presidente del paese come un cattivo della pantomima è diversa da qualsiasi cosa abbia mai sperimentato come giornalista prima.

Nessun leader occidentale ha espresso la sua opinione sulla rinascita del fascismo nel cuore dell'Europa, con l'eccezione di Vladimir Putin, del paese che ha perso 22 milioni di persone in un'invasione nazista che attraversò le aree di confine ucraine. Durante una recente conferenza sulla sicurezza a Monaco di Baviera, i leader europei sono stati sgridati dall'assistente segretario di stato di Obama, Victoria Nuland, per essersi opposti all'inserimento del regime di Kiev negli Stati Uniti. Ha definito il ministro della Difesa tedesco "ministro della sconfitta". Nuland è stata la mente dietro il colpo di stato a Kiev. È la moglie di Robert D. Kagan, una delle principali star del neoconservatore e uno dei fondatori del progetto di estrema destra per un nuovo secolo americano ed è stato consigliere di politica estera di Dick Cheney.
Il colpo di stato di Nuland non è andato esattamente secondo i piani. Alla NATO è stato impedito di prendere la base navale storica e legittima della Russia in Crimea. La popolazione prevalentemente russa della Crimea – la penisola ceduta illegalmente in Ucraina da Nikita Krusciov nel 1954 – ha votato in modo schiacciante per tornare in Russia, come hanno fatto negli anni '1990. Il referendum è stato volontario e popolare, con osservatori internazionali presenti. Non c'è stata invasione.
Allo stesso tempo, il regime di Kiev si è lanciato sulla popolazione etnica russa dell'est con una ferocia come nella pulizia etnica. Spiegarono milizie neonaziste seguendo il modello delle Waffen-SS e bombardarono e assediarono città e villaggi. Usarono la fame di massa come armi, tagliarono le forniture di elettricità, congelarono i conti bancari e fermarono l'assistenza sociale e le pensioni. Più di un milione di rifugiati hanno attraversato il confine con la Russia. Nei media occidentali, i profughi della "violenza" sono stati causati dall '"invasione russa". Il comandante generale della NATO Breedlove – il suo nome e le sue azioni avrebbero potuto essere ispirati da Stanley Kubricks Dr. Stranamore - ha annunciato che 40 soldati russi "si sono riuniti". In un momento di monitoraggio satellitare dettagliato, non è stato in grado di fornire prove di ciò.
Questi popoli di lingua russa e bilingue dell'Ucraina – un terzo della popolazione – hanno da tempo desiderato una federazione che rifletta la diversità etnica del paese e siano indipendenti e indipendenti da Mosca. La maggior parte non sono "separatisti", ma cittadini che vogliono una vita sicura nel loro paese d'origine e prendono le distanze dal colpo di stato di Kiev. La loro rivolta e la creazione di "stati" indipendenti è una reazione agli attacchi di Kiev contro di loro. Poco di questo è stato spiegato a un pubblico occidentale.

La Campagna di inchiostro. Il 2 maggio 2014 a Odessa, 41 russi di etnia russa sono stati bruciati vivi nella sede del sindacato, con la polizia in piedi accanto a loro. Il leader del settore di destra Dmytro Yarosh ha salutato il massacro come "un altro giorno luminoso nella nostra storia nazionale". Nei media americani e britannici, questa è stata descritta come una "cupa tragedia" causata da "scontri" tra "nazionalisti" (neo-nazisti) e "separatisti" (persone che hanno raccolto firme per un referendum su un'Ucraina federale).

Il New York Times non ha pubblicato la storia perché ha respinto gli avvertimenti sulle politiche fasciste e antisemite dei nuovi clienti di Washington come la propaganda russa. Il Wall Street Journal ha condannato le vittime: "Il fuoco mortale in Ucraina probabilmente è iniziato dai ribelli", ha detto il governo. Obama si è congratulato con la giunta per la sua "moderazione".
Se Putin può essere provocato per aiutarli, il suo ruolo pre-assegnato di "paria" in Occidente giustificherà la menzogna secondo cui la Russia sta invadendo l'Ucraina. Il 29 gennaio, il principale capo militare ucraino ha parlato in un modo che ha rimosso quasi inavvertitamente l'intera base delle sanzioni statunitensi e dell'UE contro la Russia, quando ha detto alla stampa durante una conferenza stampa: "L'esercito ucraino non combatte regolarmente unità dell'esercito russo ". C'erano "individui" che erano membri di "gruppi armati illegali", ma non ci fu invasione russa. Non era una novità di cui preoccuparsi. Vadym Prystaiko, il vice primo ministro ucraino, ha chiesto una "guerra su vasta scala" contro il nucleare russo.
Il 21 febbraio il senatore James Inhofe, repubblicano dell'Oklahoma, ha presentato un progetto di legge che consentirebbe l'invio di armi statunitensi al regime di Kiev. Quando lo ha presentato al Senato, Inhofe ha utilizzato fotografie che sosteneva fossero di forze russe che entravano in Ucraina, immagini che molto tempo fa si erano rivelate false. Ricordava le false immagini di Ronald Reagan delle installazioni sovietiche in Nicaragua e le prove falsificate di Colin Powell all'ONU sulle armi di distruzione di massa in Iraq.
L'intensità della campagna diffamatoria contro la Russia e la rappresentazione del presidente del paese come un cattivo della pantomima è diversa da qualsiasi cosa abbia mai sperimentato come giornalista prima. Robert Parry, uno dei giornalisti di scavo più importanti d'America e l'uomo che ha scoperto lo scandalo Iran-Contras, ha recentemente scritto: "Nessun governo europeo dalla Germania di Adolf Hitler ha ritenuto appropriato schierare assaltatori nazisti in guerra contro il proprio popolo, ma il regime di Kiev hanno fatto così, e questo con conoscenza e volontà. Tuttavia, è stato svolto un lavoro accurato in tutti i media e lo spettro politico dell'Occidente per nascondere questa realtà. Finora sono stati trascurati fatti che sono stati a lungo ben noti ... Se ti chiedessi come il mondo potrebbe inciampare nella terza guerra mondiale – proprio come fece in connessione con la prima guerra mondiale un secolo fa – guarda la rabbia associata all'Ucraina, che si è rivelata inaccettabile per fatti o ragione ".
Nel 1946, un procuratore del tribunale di Norimberga disse dei media tedeschi: "Il modo in cui i nazisti usavano i media nella guerra psicologica è ben noto. Prima di ogni attacco importante, con poche eccezioni basate sull'opportunità, lanciavano una campagna stampa per indebolire le vittime e preparare psicologicamente il popolo tedesco all'attacco ... Nel sistema di propaganda dello Stato Hitler, i giornali quotidiani e le trasmissioni radiofoniche erano le armi più importanti ".
In The Guardian del 2 febbraio, Timothy Garton-Ash ha effettivamente chiesto la guerra mondiale. "Putin deve essere fermato", si legge nel titolo, "ea volte solo i cannoni possono fermare i cannoni". Ha ammesso che la minaccia di guerra potrebbe "alimentare la paura russa di essere circondato", ma va bene così. Ha elencato l'equipaggiamento militare che il lavoro richiede e ha informato i suoi lettori che "l'America ha la migliore cassetta degli attrezzi".
Nel 2003, il professore di Oxford Garton-Ash ha ripetutamente ripetuto la propaganda che ha portato al massacro in Iraq. Saddam Hussein, scrisse, "ha, come documentato [Colin] Powell, immagazzinato grandi quantità di armi chimiche e biologiche, e ne nasconde ciò che ne resta. Sta ancora cercando di acquisire armi nucleari. Ha salutato Blair come un "interventista cristiano in stile liberale in stile Gladstone". Nel 2006 scrisse: "Ora dobbiamo affrontare il prossimo grande test per l'Occidente dopo l'Iraq: l'Iran".
Gli sfoghi – o, come preferisce Garton-Ash, la sua "dolorosa ambivalenza liberale" – non sono atipici per la parte dell'élite liberale transatlantica che ha raggiunto un accordo à la Faust. Il criminale di guerra Blair è il loro leader perduto. The Guardian, dove è stato pubblicato il testo di Garton-Ash, ha stampato un annuncio a tutta pagina per un bombardiere Stealth statunitense. Un'immagine intimidatoria del mostro della Lockheed Martin diceva: “L'F-35. OTTIMO per la Gran Bretagna. » Questo "strumento" americano costerà ai contribuenti britannici 1,3 miliardi di sterline, e i precursori del modello F hanno portato la morte in tutto il mondo. In linea con l'inserzionista, un editoriale del Guardian ha chiesto maggiori finanziamenti per i militari.
E ancora, ciò significherebbe che devi spendere per questi processi. I governanti del mondo non vogliono l'Ucraina solo come base per i missili; vogliono l'economia del paese. Il nuovo ministro delle finanze di Kiev, Nataliwe Jaresko, è un ex funzionario del Dipartimento di Stato americano responsabile degli investimenti statunitensi all'estero. Ha ottenuto rapidamente la cittadinanza ucraina.
Vogliono l'Ucraina a causa dell'abbondanza di gas del paese; Il figlio del vicepresidente Joe Biden siede nel consiglio della più grande compagnia ucraina di petrolio, gas e fracking. I produttori di semi geneticamente modificati, aziende come la famigerata Monsanto, vogliono il fertile terriccio dell'Ucraina.
Soprattutto, vogliono il potente vicino dell'Ucraina, la Russia. Vogliono balcanizzare o dividere la Russia e sfruttare i più grandi giacimenti di gas naturale della terra. Mentre il ghiaccio sulla Calotta settentrionale si scioglie, vogliono il controllo del Mare Nordico con le ricchezze energetiche presenti e della lunga costa artica della Russia. Il loro marito a Mosca era in precedenza Boris Eltsin, un ubriacone che ha dato l'economia del paese all'Occidente. Il suo successore, Putin, ha ristabilito la Russia come nazione sovrana; è il suo crimine.
La responsabilità che ricade su di noi è ovvia. È trovare e mostrare le bugie indifendibili dei signori della guerra, e non essere mai in una segreta intesa con loro. È una rinascita dei grandi movimenti popolari che hanno trasformato una fragile civiltà in stati moderni e sovrani. La cosa più importante è impedirci di essere conquistati: le nostre menti, la nostra umanità, il nostro rispetto di sé. Se restiamo in silenzio, la nostra sconfitta è garantita e sta sventolando un Olocausto.
Tradotto da Lasse Takle
pilger@nytid.no
Pilger è un giornalista pluripremiato e autore di numerosi dottorati onorari provenienti da università di tutto il mondo.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato