Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

I libri sono pellegrinaggi

PETER HANDKE: L'arte possiede una qualità indipendente che non può essere ignorata da un giudice supremo morale?
>
(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

  • Quest'anno il premio Nobel per la letteratura viene assegnato all'autore austriaco Peter Handke (nato nel 1942). Handke è uno dei più grandi scrittori di prosa viventi al mondo ed è stato per molto tempo. Avrebbe potuto ricevere il premio Nobel per tutto ciò che ha scritto prima del 1995. Tra il 1970, dove pubblica Paura del portiere di rigoree 1994, dove Il mio anno nella baia di nessuno pubblicato, scrive non meno di dieci opere eccellenti. Sarebbe bastato. Ma con la guerra nei Balcani, Handke cerca, attraverso viaggi, saggi, discorsi, ecc. Di sfumare quello che lui stesso ha definito un "dibattito non verniciato e unilaterale" sulle parti in guerra. Non ci riesce affatto. Handke si è compromesso in un modo che a sua volta ci costringe a sfumare il rapporto tra arte e politica. Un'ala sostiene che l'arte possiede una qualità indipendente (qui letteraria) che non può essere ignorata da un giudice supremo morale. Per l'altra ala, un'azione politica profondamente compromettente deve rendere impossibile l'assegnazione del Premio Nobel. La cosa interessante è che quest'ultimo argomento può anche affermare allo stesso tempo che la qualità artistica possiede un valore peculiare. Ma in cosa consiste allora l'argomento? Qui inizia a complicarsi. Perché è ovvio che gli esempi di compromesso politico degli autori su se stessi sono molti nel corso della storia – sia il rapporto di Hamsun con i nazisti, il rapporto di Sartre con Mao, il rapporto di Céline con gli ebrei, il rapporto di Heidegger con il nazismo o il rapporto di Handke con la Serbia. È solo questione di gradi. Da un punto di vista logico, non c'è motivo di omettere uno da un ottimo prezzo e non l'altro. Handke ha con la sua paternità ha aperto un nuovo terreno per un modo di pensare il mondo, proprio come Heidegger, e si possono leggere entrambi, in realtà contro se stessi, e ottenere nuove intuizioni sul mondo.

Il confine

Quindi il problema è un altro. Il problema è a quale livello vuoi impostare il confine tra arte e politica. Se parliamo di realpolitik e legislazione, c'è una netta differenza tra politica e arte. Se parliamo di politica a livello di idea di bontà umana e di bella vita, c'è una significativa sovrapposizione tra arte e politica. Platone, come sapete, voleva bandire gli artisti dal palazzo dello Stato, ma credeva anche che la bellezza fosse un argomento troppo serio per essere lasciato solo agli artisti.

Iris Murdoch ha chiamato la sua filosofia poesia. Ed è probabilmente perché c'è una connessione tra bontà, bellezza e metafisico che abbiamo difficoltà a trovare la gamba giusta su cui stare. Basandosi sull'esperienza che la pratica artistica è una devozione al mondo e alle cose e alle persone (a qualcosa di diverso da se stesso), Murdoch ha dichiarato che arte ed etica con poche eccezioni sono una cosa sola, poiché hanno la stessa essenza: l'amore. “L'amore è la scoperta sensata che esistono gli altri, la consapevolezza incredibilmente difficile che esiste qualcosa di diverso da se stessi. L'amore, e quindi l'arte e la moralità, è la scoperta della realtà ".

L'escursione

La voce unica di Handke viene ascoltata dalla società e dai margini della storia. A partire dal Ritorno a casa lento (1979) finita La ripetizione (1988) Il mio anno nella baia di nessuno (1994) e successivi La grande caduta (2011), Handke ha scritto grandi romanzi itineranti che si svolgono alla periferia della società, al di fuori delle grandi storie, al di fuori della comunicazione e dei discorsi sui media.

La sua attenzione microscopica alle manifestazioni concrete del mondo, senza entrare nell'ottica a un binario del pensiero utilitaristico, lo avvicina a un mondo in movimento. È il cammino come scrittura e la scrittura come camminare.

Il rapporto di Hamsun con i nazisti, il rapporto di Sartre con Mao, il rapporto di Céline con gli ebrei, il rapporto di Heidegger
relazione con il nazismo, o la relazione di Handke con la Serbia ...

- annuncio pubblicitario -

Handke divenne famoso in un colpo solo quando, in una riunione di scrittori nel 1966, dichiarò la vecchia generazione «descrizione impotente». Fino agli anni '70 è diventato famoso come drammaturgo, anche con libri come La breve lettera e il lungo addio e sceneggiature con un grande potenziale cinematografico, non da ultimo Il cielo sopra Berlino (1988, girato da Wim Wenders). Con la sua scrittura si inserisce in linea con scrittori del Novecento come Kafka, Beckett e Sebald, ma anche con una reinterpretazione del periodo romantico a Goethe.

La scrittura e la letteratura di Handke sono una profonda devozione alle cose e al mondo, che da questo punto di vista è sia artisticamente unico che morale: La grande caduta (2011), ad esempio, nel suo circolo paziente intorno a un abisso è una forte critica di un tempo in cui la costante "ricerca di" una vita guidata dall'utilità diventa una "fuga da" una vita più attenta portata dalla meraviglia, dalla scoperta e dalla simpatia per le cose e il mondo. I suoi libri sono pellegrinaggi in cui i personaggi passano dall'illusione a un maggiore contatto con la realtà. Qui sta un profondo umanesimo, che purtroppo non è in grado di vivere in altri contesti.

Leggi anche intervista con Handke: Un avventuriero nel mondo interiore

Alexander Carnera
Carnera è una scrittrice freelance che vive a Copenaghen.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Come l'effetto si è diffuso nel resto del mondo, gli autori, l'australiano Clive Hamilton e la tedesca Mareike Ohlberg, fanno luce nel libro.
Nawal el-sadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
La forza mimetica / Padronanza della non padronanza nell'era della fusione (di Michael Taussig)Imitare un altro è anche un modo per ottenere potere sulla persona ritratta. E quante volte vediamo un'imitazione del cosmo in un bar in una strada laterale buia?
Radiazione / La maledizione di Tesla (di Nina FitzPatrick)I ricercatori del romanzo trovano la prova definitiva che parti della tecnologia moderna stanno distruggendo la biologia neurologica umana?
Foto / Helmut Newton – Il cattivo e il bello (di Gero Von Boehm)Il controverso status di culto del fotografo Helmut Newton persiste molto tempo dopo la sua morte.
Notifica / La Svezia e l'Inghilterra erano democrazieIl trattamento di Julian Assange è un disastro legale iniziato in Svezia e continuato nel Regno Unito. Se gli Stati Uniti riusciranno a ottenere l'estradizione di Assange, potrebbero impedire la pubblicazione di informazioni sulla grande potenza in futuro.
Felicità / Produrre cittadini felici: come la scienza e l'industria della felicità controllano la nostra vita (di Edgar Cabanas, ...)La gioia è diventata di recente un grande e redditizio affare nella maggior parte del mondo occidentale. Il nuovo libro prende una saggia valutazione della ricerca della felicità da parte della società moderna e conclude che la felicità in molti casi è illusoria.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato