Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

All'inizio era la bellezza

SAGGIO: Cerco la bellezza, di cui ho ancora ricordi corporei. Ma dov'è adesso?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Inizia con la luce che colpisce stranamente la pupilla e i toni profondi che si fanno strada nei condotti uditivi. Oppure c'è un tocco nuovo che si increspa irresistibilmente attraverso il corpo, un pezzo di cibo che esplode in bocca o il corpo stesso che ha iniziato a muoversi da solo a tempo con i toni, il tocco, la luce.
L'intensità aumenta.
La valle del fiume che vedo, il canto che sento, la carezza, il cibo, la danza o l'opera d'arte che ha afferrato e attivato tutti i miei sensi sta per cullarmi in uno stato di intensità e attenzione, come se fossi in un altro dimensione.
Dimentico me stesso. È come se fossi nel tempo prima del tempo, prima del linguaggio. Nella seconda volta. In un certo senso entro il tempo. "Succede", "esso" è.
Voglio che duri. Non può durare.
La condizione che mi ha colpito coinvolge tutti i miei sensi, sia che io sia presente fisicamente in ciò che sta accadendo o indirettamente attraverso una storia in un libro, un film o una musica suonata.
Le emozioni che le immagini, la visione, i sapori, gli odori, i toni hanno fatto vivere, richiamano sensazioni avute prima, di qualcosa prima profondamente stimolante, ma perché ora, di nuovo, lo vivo come se fosse la prima volta , con l'intensità che ogni prima esperienza porta con sé, il mio cervello corre avidamente incontro al fenomeno per riconoscere, interpretare e rafforzare l'irresistibile esperienza. Mi sento come se fossi tirato fuori da me stesso e dentro qualcosa di molto stimolante, nuovo ed estraneo, mentre in un modo strano sono tornato a casa, come se fossi nel mezzo del vivere, sì, quello che vive.
Non ho ancora la lingua per farlo. Non so che cosa sia. So solo che ora, in questo piacere, oblio di sé, euforia, riconoscimento, chiarificazione intellettuale (o come lo chiamerò), provo la bellezza. Il mondo là fuori è entrato in contatto con qualcosa di cruciale dentro di me e mi sta parlando. Oppure c'è qualcosa nel profondo dentro di me che ha preso contatto con il mondo là fuori e conversa con esso. Fuori di me? Dentro di me? Le parole non hanno senso. Io sono questo.

Quando è finito, quando l'intensità dell'esperienza è scemata, il potere è diminuito, quando la musica si è calmata, il gioco immersivo è cessato, il pasto, la messa, il raduno sono finiti, quando l'intensa concentrazione è diminuita, una calma, una chiarezza , stanchezza o pace. Alcuni di noi vanno al lavoro, altri si addormentano esausti, alcuni vogliono parlare dell'evento, elaborarlo, determinarne la qualità, altri hanno già iniziato i preparativi per riviverlo – ripeterlo. Perché appena si ripresenta l'occasione, appena la cerimonia, la danza, il dramma o la parte speciale del concerto ci travolge, appena ci troviamo di nuovo davanti all'altare, all'immagine, agli abiti o al oggetti che attivano irresistibilmente – afferrano – i sensi e il nostro intelletto, ne riconosciamo la bellezza. Vogliamo ritornarvi, cerchiamo di ritornarvi per poter essere in questa dimensione liberatrice. Molti lo sperimentano come assenza di ego, per alcuni è lo stadio più alto della considerazione disinteressata – contemplazione – per altri estasi tranquilla, puro essere, per altri ancora l'esperienza religiosa più profonda, il nucleo dell'amore. In certe culture, in certe narrazioni, l'incontro con il divino avviene in questo momento.
La bellezza ha molti volti, si manifesta in forme molto diverse, si esprime attraverso innumerevoli figure; dal gusto del caffè al mattino ai momenti d'amore più sublimi, dal gioco coinvolgente dei cuccioli di orso nella neve all'immersione distratta in un'opera d'arte. Animali e esseri umani hanno in comune il nucleo dell'esperienza della bellezza, essa è profondamente radicata in noi come il mangiare, il dormire e il procreare, senza la bellezza, e la sua ripetizione, non saremmo esistiti. Quando l’animale umano ha avuto la narrazione, abbiamo anche lo strumento per manipolare la bellezza, cambiarla, variarla e migliorarla.

Senza la bellezza, e la sua ripetizione, non saremmo esistiti.

Il bisogno di bellezza è per noi così fondamentale che, ovunque ci troviamo, mettiamo in scena le situazioni e ne ripetiamo le condizioni, per sperimentarla di nuovo.
Nel corso della storia, la bellezza ha preso molte strade diverse.

Il primo creata culturalmente, la bellezza che conosciamo – sicuramente ce ne sono state molte prima – vede la luce del giorno, o forse piuttosto l’oscurità delle torce della grotta, circa settantamila anni fa. Parole e formule, riti e canti si ripetono mentre i corpi ondeggiano. Durante lo stato di trance creato dai ritmi, il mondo esterno ci lascia gradualmente andare ed entriamo in contatto con la sfera della vita dove crediamo si trovino anche gli spiriti degli animali e della natura. L'esortazione rituale è il nostro linguaggio salvifico in un mondo altrimenti spietato; i malati devono essere guariti, la pioggia è assicurata, la preda è condotta ai cacciatori, la natura è ingannata, guidata, placata.
Tutti sono nella grotta, nella pianura, davanti al fuoco. Il battito dei piedi, i tamburi e il canto colpiscono contemporaneamente i nostri canali uditivi e vengono avvertiti, fisicamente, da tutti, allo stesso tempo. Impercettibilmente cadiamo nello stesso ritmo. All'improvviso i nostri corpi si muovono secondo un ritmo comune. Miracolosamente, il canto e il calpestio hanno coordinato i movimenti del nostro corpo e li hanno portati all'unisono. È un momento unico. In quella grotta, o su quella piana, attorno a quel fuoco, si genera, si crea la comunità. Facciamo lo stesso. Siamo uguali. In questo momento si crea anche l’individuo, poiché uno di noi esce dal canto all’unisono, esce dalla comunità che si è formata, sente il dolore, la solitudine, e ritorna nella comunità, come un altro.
Esortiamo e cantiamo prima e dopo la caccia, quando si distribuirà il cibo, quando si cullerà il bambino, quando si sposeranno i giovani, si seppelliranno i morti. Lasciamo segni nel paesaggio, dipingiamo sulle pareti delle caverne immagini delle forze con cui entriamo in contatto, decoriamo il tamburo degli sciamani e le armi dei cacciatori, decoriamo quelli pronti per il matrimonio con colori e simboli che donano fertilità e proteggono dalle forze del male, facciamo si decorano altari per gli spiriti, si dipingono i nostri corpi, si decorano case e oggetti domestici. Trasformiamo il dialogo tra le forze in noi e nella natura che ci circonda nella storia del mondo.
In questo processo si sviluppa la nostra autoconsapevolezza, la nostra capacità di vederci dall’esterno. Agiamo noi stessi nelle narrazioni che creiamo. Ci consideriamo estranei. Comprendiamo che moriremo. Perché siamo qui? La vita ribolle intorno a noi e in noi. Ma allo stesso tempo è completamente silenzioso. Nessuno risponde alle nostre domande. Ci allineiamo con un ordine simbolico nel mondo del silenzio.
Con il canto, la danza e le storie creiamo attraverso i millenni questa conversazione unica tra la natura e noi stessi in una complessa rete di fili del linguaggio della vita. Questo linguaggio deve cambiare continuamente.
Qualcuno guida il rito quando si vuole uccidere l'animale, raccogliere il grano e celebrare la vita, qualcuno organizza la cerimonia quando si devono risolvere i conflitti, vengono designati i nemici: la distribuzione del cibo e l'organizzazione della stanza impossessarsi presto della bellezza.

La celebrazione della comunità, della vita – della bellezza – si svolge ancora allo stesso modo in molte culture. Gli aborigeni decorano i loro corpi e cantano attraverso le storie del paesaggio, che sono anche le storie del singolo clan. Gli indiani amazzonici collegano la natura e le persone ballando attraverso le case; Il popolo Sen del deserto del Kalahari ricrea la comunità con mani curative che toccano vecchi e giovani nella danza notturna attorno al fuoco. I legami di ciò che vive devono essere garantiti ed equilibrati ancora e ancora.
Noi moderni investiamo cifre folli per entrare in contatto con la bellezza, ma è come se mancasse l'impatto interiore.
In Cina, erano i rituali fissi della poesia e della musica a legare insieme la terra, il cielo e le persone, mentre la profonda visione della natura assicurava la libertà interiore. Giorno e notte, tutto l'anno in India si evoca l'energia divina rasa nelle espressioni artistiche e nei festival che, con racconti, candele, danze, fiori e musica, ripristinano il contatto con il cosmo vivificante. Ebrei, musulmani e buddisti pregano ancora, cantano, ondeggiano ritmicamente nel divino.
L'esperienza di essere trasportati nel tempo, che la bellezza schiude, offusca le differenze. Il pensiero di perdita e guadagno scompare. Condividendo qualcosa di genuino e umano, l'individuo solitario dimentica momentaneamente la sua vulnerabilità e il suo dolore; diventando parte del mondo rafforziamo i nostri legami con la vita e con gli altri.

Può sembrare amore, ma non lo è. L'erotico può essere parte dell'esperienza, ma non è l'esperienza stessa. Può sembrare un'ossessione ardente, ma non lo è. Il desiderio può portare all'esperienza, ma non è l'esperienza.
La maggior parte dei nostri compiti hanno come obiettivo l'esperienza della bellezza in una forma o nell'altra; in mezzo al dolore e alla sofferenza, la bellezza rende la vita ardua degna di essere vissuta. La bellezza è la ragion d'essere della vita. La festa quotidiana, settimanale, mensile, annuale, l'incontro, il gioco, la fiera della vita o l'immersione artistica non è un atto che trascende la vita quotidiana, è il prerequisito della vita quotidiana.
Eppure, più ci sforziamo di sperimentare la bellezza, più denaro ed energia investiamo per esserne nuovamente riempiti, meno spesso noi moderni sperimentiamo effettivamente la bellezza.

Noi moderni investiamo quantità enormi delle risorse molto limitate della natura per entrare in contatto con la bellezza, ma è come se mancasse l'impatto interiore, sì, spesso sembra proprio che il vuoto si stia espandendo.

Quello che è successo? Abbiamo visto attraverso l'incantesimo, rivelato la nascita della folla cieca e ubriaca nella bellezza, e quindi ci siamo rifiutati di cedere? Oppure qualche astuto cerimoniere governativo ha incanalato i nostri bisogni in una circolazione “utile”, cosiddetta più sana? Oppure alcuni produttori di merci ancora più intelligenti, completamente a nostra insaputa, hanno preso il controllo separato su ognuno di noi e hanno reso irraggiungibile la bellezza da cui dipendiamo totalmente, relegandoci all’eterna procrastinazione, all’eterna insoddisfazione? Con quale motivo?
Ma se è vero che qualcuno ha acquisito un tale controllo su di noi, come possiamo riconquistare la bellezza, liberarci, riconquistare la comunità, il tempo, le nostre vite?


Kiøsterud è uno scrittore e saggista.

La sua ultima pubblicazione è il romanzo Henders verk (ottobre 2015).

Erland Kiøsterud
Erland Kiøsterud
Autore e saggista. Vive a Oslo. Guarda anche il suo sito web o wikipedia

Potrebbe piacerti anche