Ordina qui l'edizione estiva

Il bunad dell'ibrido

Un abito coreano andato storto. Margrethe Sandvand ha anche creato un costume nazionale per i norvegesi adottati.

(THIS ARTICLE IS MACHINE TRANSLATED by Google from Norwegian)

[moda] La bunade norvegese si basa sui costumi del 1700° e 1800° secolo, quando la moda dell'abbigliamento in Norvegia non era limitata solo dall'accesso ai materiali, ma anche geograficamente dalla parrocchia della chiesa. Era in chiesa che le persone si incontravano e si guardavano. Oggi, i designer di abbigliamento acquistano tessuti da Pechino e traggono ispirazione dal Senegal o da Seoul.

Margrethe Sandvand è stata adottata dalla Corea del Sud e, crescendo, ha notato il rapporto speciale del mondo esterno con il costume nazionale, che non era solo un indumento, ma un simbolo.

- Il bunade dovrebbe mostrare chi sei, ma non sono riuscito a trovare un abito adatto a me, dice.

Alla cresima ha posato in "hanbok", il bunad coreano.

- Non puoi indossarlo oggi, per me è sbagliato tanto quanto Bunad.

Nel 2005, Sandvand ha lanciato una terza alternativa, un abito che mostra esattamente quello che è: norvegese e coreano. Il fondatore ha scelto il meglio tra i costumi da festa delle due nazioni, e il risultato sono maniche di camicia norvegesi in seta coreana. Uno spacco sul collo e un'ampia cintura addominale. Gilet dal taglio norvegese, ma decorato con fantasie coreane. Forme curve, come in bunad.

- L'Hanboken è largo come una tenda. Volevo enfatizzare le forme femminili, dice Sandvand.

Gli abiti che vende sono cuciti in Corea. È così che vuole restituire qualcosa.

- Non perché mi sento in colpa nei confronti della Corea. Al contrario, le adozioni sono un argomento dolente per molti coreani. Ecco perché è importante per me dimostrare che mi è andata bene, dice Sandvand.

Circa 7000 bambini sudcoreani sono stati adottati in Norvegia dalla guerra di Corea. Sandvand ha ricevuto molti feedback riconoscenti sia da loro che dai loro genitori, che apprezzano la causa dell'adozione.

Il direttore Gunn Jensberg del Bunad and Folk Costume Council pensa che le persone dovrebbero poter indossare quello che vogliono il 17 maggio e ai battesimi, ma sottolinea che il costume di Sandvand non è un bunad.

- Dato che questa causa è libera immaginazione, non rientra nel nostro mandato. Il Bunad Council si concentra sui costumi secondo le vecchie usanze in costume di un'area specifica, afferma Jensberg.

È passato il tempo in cui il nostro circolo di movimento era limitato alla parrocchia della chiesa vicina. Non molte persone hanno più due genitori dello stesso villaggio.

- E se ricamo rose da telemark sul mio askerbunad?

- Nessuna legge norvegese lo proibisce, e non avrai nemmeno la "polizia bunad" sulla schiena, assicura Jensberg.

Potrebbe piacerti anche