Teatro della crudeltà

In che direzione sta andando l'ONU con le multinazionali più ricche del mondo come partner?

Covid 19: il grande reset
FORUM ECONOMICO MONDIALE / Il libro Covid-19: The Great Reset parla di una trasformazione di una struttura sociale in cui lo stato nazione è fuori e la governance globale è dentro.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Klaus Schwab, fondatore e presidente del World Economic Forum, aveva già pronto un ampio manoscritto di un libro tre mesi dopo la chiusura del mondo nel marzo 2020. Insieme al coautore Thiery Malleret vede la pandemia come un'opportunità di cambiamento. Schwab, 83 anni, che ha influenza sia sui politici che sui leader aziendali, da oltre 50 anni guida il think tank globale World Economic Forum (WEF), che ha circa 1000 delle più grandi multinazionali del mondo come partner. Schwab forma inoltre i capi di stato del mondo. Come il titolo Il grande reset indica, si tratta di una "impostazione zero" con covid-19 come catalizzatore. Poi una "nuova normalità", chiamata anche "Build Back Better". Capi di stato in tutto il mondo, tra cui Boris Johnson, Joe Biden, Justin Trudeau e Erna Solberg, usa questa espressione. Qual è la cosa nuova da costruire? Nel libro le parole d'onore compaiono una dopo l'altra. Agenda 2030, uguaglianza, spostamento verde. Ma cosa significa in realtà?

Automazione e monitoraggio

Klaus Schwab è un grande sostenitore della digitalizzazione, del monitoraggio e dell'intelligenza artificiale in tutti i settori. IN Covid-19: il grande reset afferma che l'86% dei posti di lavoro nei ristoranti potrà essere automatizzato entro il 2035. Nel settore della vendita al dettaglio, afferma che il 75% può essere automatizzato, e nel settore della cultura e dell'intrattenimento ritiene che l'automazione raggiungerà il 59%.

Schwab afferma inoltre che il distanziamento sociale e fisico continuerà anche dopo la pandemia stessa. A causa dell’igiene e della paura di infezioni ed epidemie di covid-19 o di un altro virus, il ritmo verso l’automazione accelererà. Per evitare che le persone si avvicinino, lo è sorveglianzastecnologia già introdotta su luoghi di lavoro, tra le altre cose in India. È promossa come tecnologia innovativa positiva sul sito web del WEF – dove si dice anche questo Scompariranno 85 milioni di posti di lavoro.

FN

Puoi chiedertelo FN ancora quello che abbiamo imparato a scuola dopo Il World Economic Forum ha stipulato un accordo di partnership con l'organizzazione il 13 giugno 2019? Per le multinazionali più grandi del mondo è ovviamente un colpo di genio entrare nell'ONU, un'organizzazione mondiale che ha anche una grande influenza sui 193 paesi membri. Con la pandemia abbiamo visto come la linea decisionale è passata dall'OMS (il “Ministero della Salute” dell'ONU) ai vari Paesi. Ad esempio, la strategia TISK. Schwab non vuole tornare a quella che definisce “la vecchia normalità”, ma ritiene che le grandi aziende siano la chiave per uscire dalla pandemia. Ha un atteggiamento positivo nei confronti dei partenariati pubblico-privati ​​(PPP), che negli ultimi anni si sono moltiplicati. Ciò significa che le grandi aziende stringono una partnership con un’istituzione pubblica come l’ONU. Ma cosa comporta questo per la democrazia? Ad esempio, dice il Partito Laburista nel suo programma: "Vogliamo che le iniziative e le decisioni internazionali avvengano sempre più attraverso l'ONU". Dov'è la discussione sulla direzione che stanno prendendo le Nazioni Unite, con le multinazionali più ricche del mondo come partner?

«Le multinazionali sono fondamentali per uscire dalla pandemia.»

Nel libro Schwab usa il termine "capitalismo degli stakeholder", nel senso che le multinazionali si assumono la responsabilità sociale e si impegnano a tutti i livelli. Ma gli attori economici impegnati nelle aziende pubblico-private si prenderanno cura principalmente dei cittadini del mondo o avranno altri obiettivi? Saranno le multinazionali all'interno Big Tech e Big Pharma in collaborazione con l’ONU potrebbero influenzare le decisioni in vari ambiti? Dalla sanità e istruzione alla produzione alimentare, all’ambiente e ai media? Una maggiore governance globale comporterà lo spostamento del potere dai rappresentanti eletti e dagli Stati sovrani a una gestione aziendale globale – come un’élite ai vertici dell’ONU/Forum economico mondiale? Come dovrebbero l’uomo e la donna di Senja o di Maputo cercare di influenzare la propria vita quotidiana in un sistema globale così non eletto?

Alcune persone preferiscono…

Oltre alla società senza emissioni, un'altra delle visioni future di Schwab è l'e-equità, cioè l'uguaglianza. A prima vista, potrebbe sembrare buono. Ma come per la maggior parte delle cose nel libro di Schwab, bisogna grattare via le parole di elogio per vedere il quadro reale. Per quanto riguarda la "somiglianza" nel libro di Schwab, potrebbe ricordare il maiale Napoleone I Orwells Telecamere Napoleone, che dice: "Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri". Nei due anni di pandemia, sappiamo che i più ricchi si sono arricchiti, sia gli oligarchi che le grandi aziende del Big Tech e Big Pharma, come Google, Amazon e Microsoft, Pfizer, AstraZeneca e Moderna. Tutti questi sono anche partner del World Economic Forum.

Mentre gli oligarchi sono diventati più ricchi, milioni di persone sono state portate alla povertà. Le aziende e le imprese familiari sono state spazzate via dalla pandemia. Come possono Schwab e i suoi seguaci vedere la crisi come una crisi così grande? possibilità quando milioni di persone perderanno i loro mezzi di sussistenza, il lavoro della loro vita e moriranno di fame?

E cosa significa il WEF secondo cui tutto ciò che utilizziamo dovrebbe essere affittato e non posseduto? Guardate questo video sulle previsioni del WEF per il 2030. Sarai felice di non possedere nulla, dicono. In tal caso, chi sarà il proprietario delle case? È Napoleone il maiale e i suoi amici?

Incontri annuali di Davos

Schwab e il World Economic Forum sono forse meglio conosciuti per i loro incontri annuali di Davos in cui i più ricchi del mondo arrivano con jet privati ​​per parlare del cambiamento verde. Dalla sua sede centrale a Ginevra con 500 dipendenti, e con l'ex ministro degli Esteri norvegese Børge Brende come presidente, esercita regolarmente pressioni sui governi di tutto il mondo. Molti capi di stato, uomini d'affari e reali del mondo hanno frequentato il "banco di scuola" di Schwab. Sia la tedesca Angela Merkel, il francese Emmanuel Macron, il canadese Justin Trudeau, Bill Gates e il principe ereditario Haakon hanno partecipato al programma Young Global Leaders, organizzato dal World Economic Forum.

L'implementazione di Agenda 2030 è un obiettivo importante sia per l'ONU che per il WEF ed è ampiamente discusso nel libro di Schwab. Ma l’Agenda 2030 è esclusivamente un piano green e positivo? I registi americani Michael Moore / Jeff Gibbs hanno affrontato sia la deforestazione che altri tipi di distruzione del pianeta che avvengono in nome delle fonti energetiche rinnovabili – nel film Il pianeta degli umani. Il film è stato visto da più di 8 milioni prima di essere censurato da YouTube, ma rimane su altre piattaforme. "La censura è un tentativo di impedire una discussione seria su quella che viene chiamata energia rinnovabile", afferma Gibbs Il guardiano. In Norvegia ci si chiede sempre più se le turbine eoliche sulla terraferma che distruggono gli animali e la natura rappresentino un vero cambiamento verde.

Il libro di Schwab può certamente essere utilizzato come punto di partenza per un importante dibattito su dove sta andando la società in termini sia di definizioni di spostamento verde sia di cosa succede quando le grandi aziende hanno una posizione importante nella governance globale.

Vedi anche: 

https://www.bcg.com/publications/2020/8-ways-companies-can-shape-reality-post-covid-19?fbclid=IwAR0yXwXMaOhcJFBKQl78meY9HYlRwjGNaK1upSwHaWyB0lK406qv-kujZZI

Potrebbe piacerti anche