Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Quali principi etici si celano dietro le prime vaccinazioni?

Steingrimur Njalsson
Steingrímur Njálsson
Scrittore e docente all'Oslo City Steinerskole
ETICA / Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Sei una di quelle persone che stanno a casa e sognano e persino sperano? Sognare e sperare che presto sarà il tuo turno di fare il vaccino contro il corona?

Tuttavia, ottenere il vaccino non è così facile. La vaccinazione richiede molto tempo. Il 25 marzo, circa 595 avevano ricevuto la prima dose di vaccino, ma solo 000 avevano ricevuto la seconda dose. A Pasqua alcuni comuni si sono addirittura presi una vacanza dalla vaccinazione. Il coordinatore del vaccino nel comune di Bærum ha dichiarato: "Si tratta di sfruttare l'opportunità di santificare la Pasqua". Mentre le persone anziane che non vedevano l'ora di rivedere finalmente i loro nipoti dopo aver ricevuto la dose due dovevano ancora rimanere a casa da sole, il comune ha trascorso la Pasqua praticando l'orwelliano nuovo discorso.

Altrettanto problematico è il modo in cui le autorità hanno scelto di distribuire il bene limitato. Domenica 27 dicembre 2020 in Norvegia è stata somministrata la prima dose di vaccino. In linea con le priorità delle autorità sanitarie, a ricevere il primo vaccino è stato un residente della casa di riposo. La definizione delle priorità ha avuto come criteri l'età e la probabilità di un decorso grave della malattia. Prima i più vulnerabili, poi i più anziani, poi i secondi più anziani e così via.

Critiche da più parti

Questa definizione delle priorità ha raccolto critiche da più parti. L’Associazione degli infermieri norvegesi è tra coloro che fin dall’inizio si sono chiesti perché il personale sanitario non fosse nel gruppo con la massima priorità, e nella prima settimana di gennaio, il leader dell’Associazione per l’istruzione ha chiesto che anche gli insegnanti avessero la priorità, poiché devono essere considerati parte del servizio di prima linea della società. Anche se gli insegnanti sono stati accolti con una buona dose di scetticismo, il leader dell'Associazione per l'Istruzione Steffen Handal ha ragione nel dire che gli insegnanti sono stati più esposti al contagio rispetto a molti altri gruppi professionali. Ma che dire delle persone in posizioni socialmente critiche a cui altrimenti sarebbe stata data una considerazione speciale di seguito? la pandemia, perché non è stata data loro la priorità? E perché non si tiene conto dell’aspettativa di vita e si vaccinano i giovani contemporaneamente agli anziani?

Se l’obiettivo era ridurre il numero di contagi, perché non vaccinare coloro che si diffondono di più?
infettare?

Per quanto riguarda gli infermieri, le autorità sanitarie hanno accolto con favore le critiche e hanno affermato che gli operatori sanitari avranno la priorità. Sebbene gli insegnanti non siano stati consultati, la strategia vaccinale è stata modificata più volte nel corso del percorso. Tra l'altro pubblicizzato Istituto nazionale di sanità pubblica (FHI) il 9 marzo che dovrebbero iniziare a "somministrare più dosi di vaccino alle aree particolarmente suscettibili all'infezione". La FHI ha inoltre precisato di aver introdotto "una nuova chiave di distribuzione dei vaccini ai comuni in base al numero di persone maggiori di 18 anni".

Dietro le strategie del governo non ci sono solo decisioni mediche, ma anche etiche. L’anno della corona tra marzo 2020 e marzo 2021 è stato pieno di dilemmi etici. È quindi rilevante chiedersi quale tipo di principi e pensieri etici ne siano alla base. Prima però dobbiamo chiarire alcune teorie etiche.

Le teorie etiche non sono solo ariosi castelli di pensiero dalla torre d’avorio accademica: sono usate come strumenti per riflettere su decisioni importanti che riguardano le persone reali. Per gli agenti di polizia, gli infermieri, i giornalisti, gli educatori dell'infanzia, gli psicologi, i medici e gli insegnanti, le teorie etiche generali sono incluse nell'istruzione di base. Nella misura in cui queste teorie ci aiutano a comprendere meglio sia le situazioni decisionali generali sia le nostre stesse decisioni, è più corretto riferirsi ad esse come modi di pensare etici. Possiamo considerarli anche come prismi che ci fanno vedere le cose sotto una nuova luce.

Etica del dovere, etica delle conseguenze ed etica della virtù

In parole povere, distinguiamo tre gruppi principali di modi di pensare etici: etica del dovere, etica delle conseguenze ed etica della virtù. Nell’etica del dovere, il pensiero è che il dovere dovrebbe guidare le nostre scelte. Ciò che è decisivo nella decisione è il pensiero che sta dietro ad essa e se abbiamo seguito o meno una regola o un principio. O come dice Immanuel Kant: se il principio che abbiamo seguito possa diventare una regola generale. Ad esempio, la maggior parte delle persone penserebbe che abbiamo il dovere di aiutare le persone che si feriscono nel traffico, il dovere di seguire le leggi, di dire la verità e simili. Il pensiero dietro quello che fai conta di più.

Gli esperti di etica delle conseguenze credono che gli esperti di etica del dovere prestino troppo poca attenzione alle conseguenze che le nostre azioni potrebbero avere. Seguire ciecamente i propri doveri può persino produrre conseguenze indesiderate. Può anche succedere che in alcune situazioni dobbiamo astenerci dal dire la verità anche se lo consideriamo un dovere importante, come ad esempio quando durante la guerra si è mentito sugli ebrei nascosti o sui combattenti della resistenza. L’etica del dovere deve essere integrata dalla riflessione sulle conseguenze. La forma di consequenzialismo più conosciuta e utilizzata è chiamata utilitarismo. Il principio generale per valutare se le decisioni e le azioni sono eticamente buone – formulato da filosofi come Jeremy Bentham e John Stuart Mill nel XIX secolo – è che le conseguenze di un’azione dovrebbero portare la massima felicità o il massimo benessere possibile. numero di persone. Sì, abbiamo l’obbligo di combattere la povertà e fornire aiuti ai paesi in via di sviluppo, ma nel modo che ne trae i maggiori benefici. Quando cerchiamo di fare del bene, non dobbiamo dimenticare di essere razionali.

L’etica della virtù non è orientata alle azioni individuali come gli altri due modi di pensare. Qui si tratta più di diventare una brava persona e in generale di contribuire a una buona società. Agiremo giustamente se possediamo le giuste virtù, pensavano sia Platone che Aristotele, che definivano le virtù come atteggiamenti o norme. Esempi di virtù classiche sono il coraggio, la determinazione, la sobrietà, la giustizia e la prudenza. Un etico della virtù non valuterà se una decisione è basata sul dovere o sul calcolo delle conseguenze, ma piuttosto si chiederà: è stata una decisione saggia?

Quali conseguenze ha avuto la strategia?

Vista attraverso questi prismi, come appare la strategia di vaccinazione? In una prospettiva consequenzialista, dobbiamo esaminare quali conseguenze buone e meno buone la definizione ufficiale delle priorità può avere o ha effettivamente avuto. Una conseguenza ovvia e positiva è che gli anziani e i malati riceveranno la protezione tanto necessaria. Allo stesso tempo, possiamo chiederci, in nome dell’utilitarismo, se noi come società abbiamo scelto la strategia più adatta per fermare il contagio il più rapidamente possibile.

Sorge quindi una domanda successiva: se l’obiettivo era ridurre il numero dei contagi, perché non vaccinare coloro che diffondono maggiormente l’infezione? Non sono i residenti delle case di cura e delle case di cura a diffondere l’infezione alle feste. Che ne dici di lasciare che i giovani che hanno pochi sintomi, ma che possono diffondere l’infezione senza saperlo, vadano avanti in coda? Se i gruppi che diffondono maggiormente l’infezione venissero vaccinati per primi – dato che i vaccini che ci è stato permesso di acquistare prevengono effettivamente l’infezione – ciò andrebbe a beneficio dell’intera società, compresi i più vulnerabili.

Questa incoerenza è sintomo di una più generale confusione etica in politica?

La domanda dell'etico della virtù sarà: la definizione delle priorità di oggi è giusta? Si basa su decisioni sagge? Se la strategia vaccinale, ad esempio, provoca una rivolta popolare perché la gente la percepisce come ingiusta, queste non sono decisioni sagge. Come accennato, più persone hanno sostenuto che non fosse saggio non iniziare vaccinando il personale sanitario, come fanno molti altri Paesi europei, consiglio che le autorità sanitarie hanno saggiamente accolto. Inoltre, i giovani appartenenti ai gruppi a rischio, con prospettive di vita più lunghe rispetto agli ottantenni, possono giustamente sostenere che è ingiusto che non siano inclusi nel primo pool. Smussare il dibattito su come ponderare la possibile aspettativa di vita. Si può anche dire che è ingiusto nei confronti dei giovani dare la priorità agli anziani perché durante la pandemia sono i giovani a sopportare il peso maggiore, poiché le loro vite – relativamente parlando – sono le più ridotte. La via d'oro di Aristotele passa forse attraverso la presa in considerazione sia degli anziani che dei giovani, intesi come gruppi vulnerabili.

Un caos etico

Possiamo affermare che la priorità pubblica è in accordo con diversi valori etici su cui la società concorda: tutti vogliamo una società calda e premurosa – una civiltà può essere misurata da come tratta i suoi vulnerabili. Considerato in questa prospettiva, può sembrare che ci sia anche un pensiero basato sul dovere dietro la definizione delle priorità da parte delle autorità: abbiamo il dovere di aiutare i nostri malati e i nostri anziani che non possono più aiutarsi da soli, e dobbiamo farlo senza esitazione.

Inoltre, si può sostenere che la distribuzione del vaccino si basa su un principio di uguaglianza, poiché inizialmente dovrebbe essere distribuito equamente a tutti i comuni. Ma questa parte della strategia è stata criticata e la chiave di distribuzione è stata modificata in modo da dare maggiore priorità alle aree con un elevato livello di infezione.

La conclusione è che esiste un caos etico nella gestione da parte delle autorità del numero limitato di vaccini entrati a far parte della Norvegia. La strategia sembra semplicemente mal concepita. Perché questa miriade di principi eticamente parzialmente contraddittori? Questa incoerenza è sintomo di una più generale confusione etica in politica?

Sì, presumibilmente la confusione è sintomatica. Il fatto è che i politici scelgono tra principi etici quando giustificano decisioni diverse; in un caso la decisione si basa sull'utilitarismo, nel successivo sull'etica del dovere. Qui si può obiettare che sarebbe del tutto irragionevole aspettarsi che i politici seguano sempre un determinato modo di pensare etico, o che tutte le decisioni debbano essere eticamente sane: la politica è e sarà l'arte del possibile! Allo stesso tempo, sarebbe sicuramente positivo se i politici fossero più consapevoli della dimensione etica della politica. Perché nonostante l’avideologizzazione generale, ci si aspetta che tutti i funzionari eletti sostengano determinati valori etici.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Un accordo di pace ideale che metta fine alla guerra una volta per tutte

FRED: Trecento anni dopo la nascita di Immanuel Kant, gli argomenti del filosofo prussiano a favore di un pacifismo razionale e lungimirante sono più attuali che mai. L’Europa è recentemente diventata un luogo in cui l’opposizione tra bene e male viene regolarmente invocata per giustificare una brutalità irresponsabile e dove i tamburi di guerra suonano sempre più forte. Kant è conosciuto come l'autore di uno dei saggi contro la guerra più famosi della storia della filosofia: La pace eterna. Il cosmopolitismo di Kant si fonda sul possesso originario e comune della terra da parte dell'uomo e implica il riconoscimento del “diritto” a visitare tutti i luoghi senza essere trattati con ostilità.

Dov’è la certezza giuridica?

COMMENTO: Dall'11 febbraio 2023 Ilaria Salis è detenuta a Budapest per il tentato omicidio di due militanti neonazisti. Si dichiara non colpevole. L'accusa ha chiesto 11 anni di reclusione, 24 anni se non confessa. E l'Ungheria?

Il linguaggio della donna maledetta

SESSISMO: Quando morì di cancro l'anno scorso, all'età di 51 anni, Michela Murgia era diventata un'icona femminista in Italia. Come scrittrice e drammaturga, ha vinto premi di alto profilo negli anni 00 prima di iniziare a vedere la scrittura come uno strumento di attivismo. Come giornalista e femminista, ha veramente compreso il potere della simbiosi tra suono e scrittura. Le parole contano, possono dividere e possono contagiare.

"La nostra cultura è costituita da pezzi di pietra rotti, ma la luce del sole del presente cade costantemente su di essi, e in ciò risiede la speranza."

POESIA: TEMPI MODERNI presenta qui il filippino Cirilo F. Bautista. È un internazionalista, influenzato dall'alto modernismo europeo e americano. Per Bautista, non c’è altro modo per comprendere la politica filippina contemporanea se non raccontandone la storia.

Politica estera femminista – teoria e pratica

FEMMINISMO: In Why the Future of Foreign Policy is Feminist, Kristina Lunz cerca di dare un contenuto concreto alla politica estera femminista. Svezia, Canada, Germania, Francia e Messico hanno introdotto le proprie politiche estere femministe. Ma non esiste un legame automatico tra l’aumento della rappresentanza femminile e il miglioramento delle condizioni delle donne in generale.

Un patrimonio di conoscenza spudorato

RIVISTA: Le riviste in quanto parte del pubblico letterario rischiano di essere cancellate? La critica indagatrice, quella che osa essere letteratura indipendente, osa essere autoreferenziale, introspettiva e autoimplicativa.

Dag Hammarskjöld era gay?

FILM: L'umorismo, il dramma, il calore, l'azionismo, la rabbia, l'ironia, gli incontri con la stampa e i giovani di Hammarskjöld, le sue riflessioni spirituali e piene di sentimento formano possibilità infinitamente ricche e affascinanti che il regista Per Fly tocca solo eccezionalmente in questo nuovo film.

Postcoloniale e critico nei confronti del potere

VINCITORE DEL PREMIO HOLBERG: I libri di Achille Mbembe ruotano tutti attorno al modo in cui le persone negli stati postcoloniali vengono tenute a freno ed emarginate. Ma anche di come la democrazia oggi non funzioni perché minacce, violenze e omicidi tengono le persone lontane dalla sfera pubblica, dai dibattiti, dal poter dire quello che si pensa per paura di perdere il lavoro, di essere messi in prigione o uccisi.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.