Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Chi ha paura dell'India?

Dietro il mito dell'India troviamo una superpotenza guerrafondaia.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[superpotenza] Qual è il mito più errato sull'India? Ho chiesto a un amico che guarda caso ha dentro di sé qualche goccia di sangue indiano. “Deve essere che l’India sia una nazione di pace. E' semplicemente una sciocchezza. Ci sono un sacco di esempi del contrario: armi nucleari, guerre contro il Pakistan, assassinii di capi di stato e così via”. "Non posso scriverlo", risposi sinceramente. L’India è Gandhi. Punto. "Sta a te. Ma questa è la verità.” Come se ci fosse qualche discussione.

Se un indiano mi avesse chiesto della Norvegia, probabilmente avrei risposto la stessa cosa: la Norvegia non è una nazione di pace. Gli stati-nazione sono predatori che mordono quando vengono feriti e minacciati. Vale per la piccola Norvegia. E questo vale per la grande India. Ma dobbiamo tutti essere profeti che si autorealizzano per noi stessi. I miti possono oscurare, ma possono anche mostrare la strada: dopo tutto, non è meglio che un miliardo di indiani credano di essere – e vogliano essere – pacifici, tolleranti e spirituali piuttosto che il contrario?

No, bisogna credere allo scrittore e diplomatico Pavan K. Varma, oggi direttore del Nehru Centre di Londra. Nel suo ultimo libro di dibattito, il bestseller Being Indian, ha deciso di affrontare i miti sull'India. E tutto è sbagliato, insomma. Gli indiani sono anche violenti, razzisti, corrotti, egoisti e materialisti. Solleva un mito, capovolgilo e sotto troverai la realtà indiana. È forte la tentazione di chiamarlo così

la vanga di un guerrafondaio realpolitik, ma dopo tutto è uno sport popolare intellettuale legittimo scavare il proprio terreno. E Varma ha una questione ben nascosta in tutti i suoi discorsi poco diplomatici. Ci sono pochi miti negativi su questa antica civiltà (andarono in Pakistan); L’India è cibo piccante, divinità colorate, donne sensuali e tolleranza pluralistica. L'India è scioperi della fame, meditazione e sitar appena accordati. L’India è troppo innocua per rappresentare una minaccia per qualcuno. Pertanto, Samuel P. Huntington difficilmente include l’Induismo nella sua grande teoria del conflitto di civiltà. Qualche anno fa Henry Kissinger snocciolò i superpoteri del futuro; Usa, Europa, Russia, Giappone, Cina “e forse India”. Forse?

Perché nessuno prende sul serio gli indiani? chiede Varma. In India ci sono più persone con un’istruzione superiore che residenti in Francia, e la classe media indiana è due volte più grande di quella americana. La diaspora indiana è la più numerosa al mondo dopo quella cinese. Il 30% dei medici negli Stati Uniti sono di origine indiana. Gli indiani dominano in aziende come IBM, Microsoft e NASA. Le esportazioni di software si dirigono verso i 50 miliardi di dollari all'anno. Il 40% delle 500 più grandi aziende del mondo hanno trasferito parti vitali delle loro attività in India. L’India è già un fattore di potere decisivo nel mondo e avrebbe dovuto avere già da tempo un posto permanente nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Varma non ha dubbi sul fatto che l’India diventerà la principale superpotenza del 21° secolo, ma ciò richiede un aggiornamento del concetto di cosa significhi essere indiano, a livello nazionale e internazionale. Possiamo essere d'accordo su questo, ma speriamo che il mio amico e Pavan K. Varma si sbagliano quando si tratta di guerra, pace e cose del genere. Abbiamo esperienze meno positive con feroci superpoteri. Potrebbe andar bene provarne uno pacifico, che capisca anche la cultura del cibo. L’India ha condizioni migliori rispetto alla maggior parte dei paesi. Se non nella realtà, almeno nei miti.

Potrebbe piacerti anche