Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Canzoni d'amore gay

Consigli per gli innamorati
Forfatter: Julian Talamantez Brolaski
Forlag: Leif Høghaug Samlaget (USA/Norge)
Non è la poesia migliore quando ti perdi nel linguaggio, quando devi giocare con le premesse oscure di un poeta imprevedibile, gettarti nel deserto, solo per riconoscerti in qualcosa di sconosciuto, qualcosa di estraneo, e sì, pericoloso e minaccioso?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Canto forte sulla velocità

"L'amore è produttivo", scrive Leif Høghaug, una formica diligente nel campo della letteratura contemporanea norvegese, con raccolte di poesie, un'antologia della poesia operaia norvegese, e ora con un importante esercizio di re-poesia dell'americano Julian Talamantes Brolaski. È un amore produttivo per la letteratura che guida Høhaug. Non so nulla di Brolanski, quindi ho letto prima la postfazione, e lì – nella prosa entusiasta e ricca di riferimenti di Høghaug – incontro il poeta, linguista e artista country (!) Julian Talamantez Brolaski (nato nel 1978), che in una poesia orale tremante e diretta scrive: "Fottimi più forte, pezzo di merda dalla faccia nera come sai che sono una puttana niente, vieni a prendermi ora in montagna e in collina, ero furioso quando ero felice di vedere tua madre, hai dimenticato la pelle del tuo poeta e hai riso di te. Quando le persone mi prendono in giro, prendi la mia treccia di topo, vieni, tesoro, assicurati che sia tutto a posto, vestimi bene e chiamami la tua ragazza, liberati delle abitudini qua e là.

Brolaski usa una specie di linguaggio bastardo anarchico.

Herrejemini, che prendi in giro, tu, oh! gemello, tremo di desiderio e penso che ascolterò meno, tu. Quindi allacciami più forte che puoi, sto urlando piccola, fottimi più forte. Probabilmente è solo Øyvind Berg che ha scritto qualcosa di simile in questo paese.

Poeta erratico

"Ti dirò bastardo, quale amore è il tuo tappo che copre, così acceca il tuo cancello mentre rimani lì sospeso nella minacciosa landa selvaggia senza l'aiuto dell'equipaggio più coraggioso." In questa poesia tremante e cantata di Brolaski, puoi semplicemente dimenticare la sintassi normale e le parole perpendicolari, perché è ventosa e traballante, e il verso si muove rapidamente. Una canzone ad alto volume sulla velocità. E non è la poesia migliore quando ti perdi nella lingua, quando devi giocare con le premesse oscurate di un poeta imprevedibile, e buttarti nel deserto, solo per riconoscerti in qualcosa di sconosciuto, qualcosa di estraneo e sì, pericoloso e pericoloso? minaccioso? Sì, è possibile. Non dimenticare completamente l'esperto severo e razionale, può essere lì tenuto al guinzaglio dalla Risata, e poi percepire e urlare insieme all'amore. L'ingresso dell'amore non è proprio quello di perdersi, sedotti da qualcosa di sconosciuto, l'ignoto che ha una forza innata a cui non si può resistere? Gravitazione. E la gravità nella lingua, questo è vero qui.

Brutale come un inferno vivente, ed è una poesia con grandi rischi.

Le poesie di Brolaski sono ricche di riferimenti ad altri poeti; dalla poesia d'amore di Dante e Joyce, che conosceva davvero l'arte di creare il linguaggio, e il titolo è una parafrasi di Ovidio L'arte di amare (Ars Amandi). E il poeta del sonetto Shakespeare. Ovviamente. Høghaug scrive: "La poesia innovativa detta ulteriormente ciò che è già dettato". Il dettato è brutale e spiritoso, come quello citato sopra. Alan Ginsberg e i poeti beat sono nel ritmo e nel groove delle strofe, che si muovono rapidamente qua e là, e che tu rincorri freneticamente e con curiosità, per cogliere ciò che emerge dal martellante pulsare e dal "god's gutar" nella riga successiva, successiva versetto, pagina successiva e così via. È caldo e succoso. Brutale come l'inferno, corpi caldi e consonanti aspre, ed è una poesia con grandi rischi, perché è poesia senza "rete di sicurezza", come scrive Høhaug. E liberatorio, dritto al punto: "Quella tua rima rischiosa che credevi di aver scritto come più dura di un verso libero la fa leggere con ogni consonante colorata che sbatte fuori pozzanghera o astinenza, mentre la mia hora supera orgogliosamente un firmamento e afferra il dio degli dei per il reggicalze. »

Alto stile anarchico

Un libro sull'amore selvaggio, l'amore selvaggio e il desiderio brutale. E che distruggerà, o almeno deformerà, il quasi-linguaggio di cui sono gravati l’amore e le descrizioni dell’amore. Tutti sanno che l'amore è un duro lavoro. E anche delusioni, solitudine, nostalgia, rifiuto. Pensare che l’amore guarisca è un’illusione. L'amore è praticare la propria umanità in compiti possibili e impossibili. Sento l'eco di Bukowskij, Jean Genet e Fassbinder, che sbatte la porta in faccia a quegli sciocchi che pensano che l'amore sia un idillio, anzi è anche duro e violento e dannatamente antipatico. Per mettere in pratica le sue esperienze in un linguaggio credibile, Brolaski utilizza una sorta di linguaggio bastardo anarchico; slang, dialetto, costruzioni arcaiche, punteggiatura a orecchio, e distorce e distrugge le parole per ottenere ciò che vuole. Troppi fanno troppo per normalizzare e stabilizzare la loro lingua, viene lavata e strofinata e perde sempre più vita lungo la strada. Dare vita al linguaggio è compito del poeta, e quindi non deve solo essere formato secondo le leggi della grammatica e dell'abitudine; va innovato e rifatto come in un sogno, sogno che si trasforma nuovamente in qualcos'altro di terzo, in un linguaggio terz'ordine fuori dal normale. Un alto stile anarchico. Duro e morbido come un cazzo duro è questo inno di un libro d'amore.

I disegni a matita originali e surrealisti di Høghaug si adattano perfettamente al libro, sappiamo che i poeti spesso hanno la loro vena "non qualificata", per così dire, e si limitano a scherzare su come dovrebbe essere un disegno e favola liberamente con una matita che quasi cade da sola .

Terje Dragseth
Terje Dragseth
Autore e regista.

Potrebbe piacerti anche