Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il cervello non è solo

Una donna che guarda uomini che guardano donne
Forfatter: Siri Hustvedt
Forlag: Sceptre
Siri Hustvedt va a una difesa femminista delle metafore più morbide nella scienza.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

"Ciò che sembra lucido quando è articolato può in realtà essere oscuro quando è esaminato da vicino".

siri hustvedt

Nel suo quinto raccolta di saggi – la più ampia e forse la più ambiziosa fino ad oggi – Siri Hustvedt affronta il problema filosofico fondamentale "che cos'è la coscienza?" con pelle e capelli. La metafora del morto è qui appropriata, perché attribuisce un'importanza molto maggiore al corporeo rispetto ai suoi principali oppositori. Coloro con cui è fortemente in disaccordo sono rappresentati, tra gli altri, dalla divulgazione scientifica e dagli autori popolari Richard Dawkins e Steven Pinker. Intende i loro titoli eccessivamente sicuri come Come funziona la mente og Il gene egoista sono sia fuorvianti che ideologicamente problematici.

Scelta ironica del titolo. Se la coscienza è un tema centrale della raccolta di saggi, perché si chiama così? Una donna che guarda uomini che guardano donne? Me lo chiedo davvero. Perché l'editore ha scelto di utilizzare come titolo un saggio di 15 pagine, quando il contributo più impressionante e sostanziale è un testo di circa 200 pagine con una rassegna della ricerca sulla coscienza da Cartesio ai giorni nostri? Ironicamente, ciò rafforza la tesi femminista di Hustvedt secondo cui le donne non vengono prese abbastanza sul serio in un dibattito caratterizzato dalla cosiddetta ricerca scientifica "dura", perché le donne sono ancora associate a quella "morbida". Vorrei che l'editore avesse pubblicato separatamente i saggi femministi e quelli più orientati alla scienza, e che avesse usato il titolo del lungo saggio – "The Delusions of Certezza" – su quest'ultima raccolta. Avrebbe potuto anche avere il sottotitolo "Perché il cervello non è un computer" e in questo modo attirare l'attenzione dei fan di Pinker e Dawkins che, e questo ho osservato dopo molti anni nel settore, raramente sono attratti dallo scaffale del femminismo in la libreria.

Computerteori. È opinione diffusa che il cervello funzioni come un computer, che nel prossimo futuro potrà diventare più intelligente di quello umano, a condizione che gli vengano fornite informazioni sufficienti. Hustvedt ritiene che "i sistemi biologici reali non siano agenti razionali che ricevono input, calcolano logicamente e producono output" e che la popolare metafora del computer tralasci in modo inelegante un problema filosofico che non è ancora risolto. Questo problema è chiamato problema corpo/mente e riguarda il fatto che non sappiamo ancora cosa sia la coscienza e quindi non sappiamo cosa sia fatto di componenti fisici e in cosa consista ciò che non è fisico. The Computational Theory of Mind) ha guadagnato una base sicura nella scienza popolare, e le molte voci dissenzienti, inclusa quella di Hustvedt, non prevalgono.

Hustvedt punta sull'effetto placebo e sulle false gravidanze per mostrare come interagiscono il corpo e il cervello.

Neuroscienza. "Io sono perché tu sei", dice uno dei personaggi principali del romanzo di Hustvedt Quello che ho amato dal 2003. Siri Hustvedt si occupa da tempo di come le relazioni, il corpo e il linguaggio influenzano il nostro cervello, e negli ultimi anni ha sviluppato una solida conoscenza nel campo delle neuroscienze che le permette di coprire il suo quadro teorico da diversi punti di vista. Nella presente raccolta di saggi scrive, tra le altre cose, dell'interazione infinitamente complessa tra madre e figlio, e se ne serve per spiegare come l'interazione con il mondo esterno ci modella letteralmente: "Siamo soggetti corporei in relazione ad altri corpi soggetti." Cita anche, ad esempio, l'effetto placebo e le false gravidanze per mostrare come il corpo e il cervello interagiscono in modi che non rientrano nel modello CTM.

Genetica. L'autore attinge anche a credenze incomprese sui geni, e scrive che è difficile definire un gene come qualcosa di uniforme e che l'intera idea dei geni come codici innati (c'era di nuovo la metafora del computer, ovvio) non è scientifica: "L'idea L'idea che i geni possano codificare direttamente strutture complesse è stata uno dei malintesi più persistenti nella biologia moderna", afferma la biologa Mary Jane West-Eberhard, citata da Hustvedt.

Un computer si adatta alla scienza "dura": è fatto di parti pulite, dure e asciutte e non di una massa biologica bagnata, morbida e infetta da batteri.

Una domanda che sorge in questo contesto è perché sia ​​così difficile cambiare la convinzione delle persone nella MC e nei geni come codici innati quando ci sono obiezioni scientifiche così pesanti. Hustvedt ritiene che non si raccolgano fatti alternativi o non alternativi basandosi solo sul ragionamento logico, ma anche sulla base delle emozioni.

Metafore e simbolismo. Un riferimento coerente nella raccolta di saggi è quello di George Lakoff e Mark Johnson Metafore di cui viviamo. Hustvedt ritiene che sia difficile pensare senza metafore e che le metafore che preferiamo siano basate sulle emozioni. Come ho accennato all'inizio, il "duro" e il "morbido" sono una classica struttura metaforica per il maschile e il femminile. Un computer rientra nella cosiddetta scienza dura, perché è fatto di parti pulite, dure e asciutte, non di una massa biologica bagnata, morbida e infestata da batteri. Il "duro" è spesso abbinato al razionale, e probabilmente non è una novità che anche il razionale/irrazionale sia metafora ben utilizzata per il maschile e il femminile. Quando Hustvedt cerca di comprendere l'attrazione verso ciò che è duro e pulito, scrive: "Forse i confini netti e duri hanno una sensazione piacevole e logica e le interazioni intricate suggeriscono qualcosa di più disordinato, forse anche qualcosa di meno razionale".

Quindi finisce vi con un tocco ironico (a proposito, l'ironia non è così facile da cogliere neanche per un computer, basta provare Google Translate): apparentemente al servizio della razionalità, Dawkins, Pinker & Co usano simboli e metafore che funzionano principalmente come manutenzione di una struttura di potere antica e irrazionale. Ci sono sicuramente più persone che dovrebbero dare un'occhiata a quello scaffale del femminismo.

Potrebbe piacerti anche