Ordina qui l'edizione estiva

I salvatori dell'hip-hop

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

L'hip-hop è nato nel Bronx a New York, ma sono stati tre adolescenti del Queens a curare le loro malattie infantili con la musica. Ora i primi quattro rivoluzionari album di Run-DMC vengono pubblicati in versioni deluxe con bonus track e saggi informativi.

Taglio netto

La rivoluzione viene spesso da ambienti inaspettati. L'hip-hop è cresciuto alle feste e ai club nel ghetto del Bronx negli anni '1970, ma sono stati i tre rapper sconosciuti della Sugarhill Gang ad avere il primo successo hip-hop globale nel 1979 con "Rappers' Delight". È durato 14 minuti e Chuck D di Public Enemy ha detto di essere rimasto sorpreso da quanto tempo cartina era. Per lui e per la maggior parte degli altri nell'ambiente negli anni '1970, il rap non era qualcosa che si potesse attaccare per registrare groove e vendere in negozio. Un rapper era un maestro di cerimonie che teneva viva una festa che durava per ore. Registrare e vendere una canzone hip-hop era un pensiero nuovo.

Il successo della Sugarhill Gang ha portato a un flusso costante di singoli hip-hop, ma la maggior parte ha visto la musica come una tendenza di breve durata, un divertente spin-off della disco. Sebbene artisti come Kurtis Blow e Grandmaster Flash and the Furious Five abbiano registrato album solidi, molti credevano che l'hip-hop avesse una vita lunga quanto i balli che nascevano costantemente nei club. L'hip-hop era solo un nuovo "trambusto", un nuovo "pollo funky".

Poi arrivarono i Run-DMC con il singolo "It's Like That/Sucker MC's" nel 1983. Erano fortemente ispirati da pionieri come Afrika Bambaataa e Grandmaster Flash, ma i produttori Russell Simmons e Larry Smith non avevano la stessa sofisticata attrezzatura di registrazione che aveva Bambaataa utilizzato su "Planet Rock". E i rapper Joseph "Run" Simmons e Darryl "DMC" McDaniels non avevano lo stesso background da ghetto dei ragazzi del Bronx, ma provenivano da ambienti neri e borghesi a Hollis, nel Queens. Proprio per questo motivo, i testi sono diventati un po' più concreti e meno duri, mentre la musica è diventata più minimalista. Allo stesso tempo, Run-DMC ha preso le distanze dai guanti da discoteca svolazzanti e dallo stile edonistico da festa verso cui l'hip-hop si è spostato dopo essere stato abbracciato dalla gente alla moda di Manhattan.

Run-DMC ha riportato sia la musica che l'immagine al semplice e duro. La loro posa, l'abbigliamento pulito e l'uso del colore hanno stabilito per anni lo standard per la moda hip-hop, e così ha fatto la musica.

Il rap incontra il rock

Nel 1983, il 40% delle stazioni radio R&B e il 100% delle stazioni pop si rifiutarono di trasmettere rap. Allo stesso modo, il singolo di debutto ha venduto 250 copie, e ora i rapper hanno portato DJ Jason "Jam Master Jay" Mizell, seguito da due nuovi singoli di successo. La canzone "Rock Box" deve essere menzionata qui, dove il produttore Larry Smith ha prevalso sull'uso della chitarra rock contro la volontà del resto del gruppo. Questa è la prima canzone rap/rock e ha portato MTV a mettere in rotazione il video come prima canzone rap nella storia del canale. I Run-DMC hanno continuato la tendenza su brani come "King of Rock" e la collaborazione con gli Aeorosmith "Walk This Way", che ha dato al gruppo la svolta globale nel 000.

L'hip hop nei primi anni '1980 era principalmente un genere per singoli, e dopo tre singoli successi consecutivi, la Profile Records decise di pubblicare il primo album della compagnia. Run DMC (Profilo/SonyBMG 1984) era tutt'altro prima album hip-hop, ma ha messo in ginocchio lo status di leadership del trio e ha parcheggiato i pionieri per sempre. Ha fatto la stessa impressione sulla generazione hip-hop di Incontra i Beatles! ha fatto sulla generazione rock nel 1964, come affermato nel nuovo saggio di accompagnamento.

Nel 1984, l'aria stava per uscire dai più vecchi artisti hip-hop, ma i Run-DMC presero il testimone, parcheggiarono tutti i discorsi volanti di 1985 ore e mostrarono che l'hip-hop era qui per restare. Sono stati gli unici rapper ad arrivare al Live Aid nel XNUMX, e il trio ha continuato a dimostrare che i gruppi hip-hop suonavano altrettanto naturalmente a casa su MTV, nell'arena dei concerti, alla radio e sullo scaffale degli album. In rapida successione pubblicarono i classici Re del Rock (Profilo/SonyBMG 1985), Alzare l'inferno (Profilo/SonyBMG 1986) e Più forte che in pelle (Profilo/SonyBMG 1988). Quest'ultimo ha iniziato a scivolare un po', soprattutto se si considera che la prossima generazione di artisti – Public Enemy, Eric B. & Rakim e Boogie Down Productions – aveva iniziato a prendere il sopravvento. Quindi Tornato dall'inferno (Profile/SonyBMG 1990), l'avventura Run-DMC era effettivamente finita e nel 2002 Jam Master Jay fu assassinato nel suo studio, a soli 37 anni.

Tutti gli artisti hip-hop che hanno seguito Run-DMC sono profondamente in debito con questi quattro fantastici dischi. Che è diventato ancora migliore solo nella nuova confezione autunnale. I predecessori del trio avevano assicurato che la porta dell'industria musicale fosse spalancata per le persone hip-hop, ma è stato Run-DMC che l'ha spalancata.

Potrebbe piacerti anche