Teatro della crudeltà

Asfalto più duro

I germogli non scoppiano più, esplodono.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Essere giovani non è mai stato super facile. Ecco due libri norvegesi e un film tedesco che indicano che è diventato anche peggio. E che il motivo si trova da qualche parte in un pasticcio di violenza, droghe e padri assenti.

I piccoli baccelli stanno presumibilmente perdendo i loro vari tipi di innocenza sempre prima, e le tristi statistiche stanno aumentando più velocemente di quanto si possa dire "club giovanile chiuso". È alla luce di questa diffusa percezione della crudezza della giovinezza che possiamo leggere Alt, oltre al curriculum, di Harald Rosenløw Eeg, Kaoskrigeren di Annette Münch, e guardare il telegiornale cinematografico del tedesco Detlev Buck Knallhardt!. Parlano di giovani uomini arrabbiati che camminano sul naso nella giungla di asfalto e dei loro tentativi di alzarsi in piedi. Senza papà.

La letteratura dei grandi titoli

Ricordo quando scoprii che qualcosa era cambiato sulle copertine dei libri che stavo leggendo. All'improvviso hanno assegnato il carattere più grande al nome dell'autore, invece che al titolo. Come se uscissi da un mondo in cui ciò che è accaduto conta di più e entrassi in un mondo in cui conta di più chi sei.

La letteratura giovanile, con i suoi grandi titoli e i suoi piccoli nomi, è piena di autori noiosi che scrivono di cose entusiasmanti. Preferibilmente crimine, amore, pubertà e saga familiare in un unico colpo grosso, senza le grandi ambizioni della word art. In questo senso, Harald Rosenløw Eeg è un fiore pregiato e raro. I suoi libri per ragazzi rispettano il fatto che anche i minori di 18 anni sono sensibili al simbolismo, alla sperimentazione linguistica.

Nel suo libro più recente, Tutto tranne il programma, l'autore descrive così un ragazzo: Ha "un diamante che gli lampeggia nell'orecchio e una sottile catena di brufoli gialli che gli brilla sul mento". La connessione tra gioielli e brufoli sembra allo stesso tempo cruda ed elegante, ed è un esempio della volontà di Rosenløw Eeg di sfidare la forma del leggero dramma giovanile.

Nel libro incontriamo Klaus, che si è appena trasferito a Oslo con la madre single, insegnante di scienze sociali. Prima che Klaus possa iniziare la sua strategia per piacere, la vita va in modalità centrifuga quando un ragazzo della classe viene ucciso dalla metropolitana. Klaus trova il diario elettronico del ragazzo e si rende conto che un paio di gufi si sono intrufolati nel sacco della farina di qualcuno. Klaus è intrecciato in una rete di segreti ed eventi sinistri, e ovunque si giri incontra il nome Caulfield.

Giovani arrabbiati

È, ovviamente, Holden Caulfield, il leggendario mafioso adolescente interpretato da J.D. Salinger in The Catcher in the Rye, a infestare le scene: l'incarnazione stessa della pubertà moderna. Come Caulfield, i ragazzi del libro di Rosenløw Eeg si sentono dalla parte della società, arrabbiati, irrequieti e senza direzione, tutto è sbagliato e tutti sono stupidi.

In Kaoskrigeren di Annette Münch incontriamo anche alcune copie di Caulfield, nello specifico un quartetto di diciassettenni appassionati di arti marziali. Il personaggio principale Tobias è stato appena abbandonato da suo padre. L'unica cosa che suo padre ha lasciato a lui e a suo fratello è un gruppo di gangster che ora stanno dando la caccia a Tobias per riscuotere i debiti di suo padre. È più o meno qui che inizia la carriera criminale di Tobias. Come Caulfield, inizialmente è intelligente, ma porta con sé una rabbia caustica che prevale sulla maggior parte dell'attività mentale.

Il guerriero del caos fugge tra dure battaglie, fast food e feste del caos, e il quadrifoglio resta intrappolato in una vertiginosa spirale di violenza. Münch riesce a sottocomunicare efficacemente i conflitti familiari più profondi e mantiene un linguaggio approssimativo e conciso. Ma dopo il quindicesimo litigio e la decima festa che mi sono completamente sfuggiti di mano, mi piacerebbe leggere qualcos'altro. Droga e tecnica di combattimento, ormoni furiosi e imbarazzante filosofia yin/yang si fondono in un testo fitto e ben strutturato ma prepotente. A Tobias manca l'aspro cinismo che ci fa tollerare tutto il servilismo di Holden Caulfield. Rispetto agli esperimenti stilistici di Rosenløw Eeg, il linguaggio diventa incolore.

Mollare come una cipolla

Il personaggio principale di Knallhardt!, il quindicenne Michael, è fondamentalmente più un toro Ferdinand che un Caulfield. Quando la sua giovane madre viene cacciata dal suo ricco fidanzato, Michael deve avviare una nuova scuola, in quello che l'agenzia cinematografica descrive come un "quartiere urbano ed etnico duro" (chiamatelo Language Council!). È il tipo di scuola in cui la minaccia degli insegnanti agli studenti turbolenti è "se lo fai ancora una volta, verrai deportato".

Per sfuggire ai bulli della scuola, Michael si allea con la mafia locale. Come spacciatore, la sua vita migliora, ottiene soldi, bei vestiti e, cosa più importante, qualcuno di cui fidarsi e che lo protegga. Ma la mafia, si sa, ha delle regole rigide, e le cose vanno come devono andare, malissimo.

Difficile! ha il potenziale per raggiungere un pubblico di età più varia rispetto ai libri sopra menzionati. Il film ha buone rappresentazioni ambientali, una forte recitazione del giovane David Kross e uno stile disadorno che gioca sul vuoto e sulla frustrazione dei personaggi piuttosto che sull'estetica della violenza a buon mercato. Cade un po' a pezzi verso la fine. Lo stesso si può dire di Anything but the Syllabus: una volta che il simbolismo di Caulfield svanisce e il grosso nodo viene sciolto, risulta essere più simile a una cipolla.

Padri assenti

La mancanza di modelli maschili cattivi è invadente in tutti e tre i lavori. I rispettivi padri di Tobias, Klaus e Michael sono tutti assenti. Anche le madri esistenti non forniscono una copertura posteriore particolarmente buona, e i ragazzi vengono lasciati in un vuoto esemplare. Centrale è la sensazione di insensatezza, di terra che si erode sotto i piedi.

Un giorno, Michael viene chiamato nell'ufficio del preside. Lungo la strada viene seguito da una dipendente della scuola che zoppica. Lungo le pareti del corridoio sono appese file di presidenti tedeschi. “Eccoli qui, tutti i nostri bravi presidenti tedeschi. La nostra storia», mormora debolmente. È una scena così bella e sottile, e l'ironia dell'affermazione sottolinea la dimensione più ampia del problema: qui abbiamo un'intera nazione senza modelli di riferimento, che preferirebbe dimenticare tutta la propria storia, che si vergogna solo degli uomini che sono venuti prima di loro. Eccoli lì, i presidenti, mentre i loro connazionali vengono schiacciati con il naso sull'asfalto. Che l'uomo bianco abbia problemi di identità durante il giorno è stato letto, superato, respinto e ripassato. E i figli? ?

Potrebbe piacerti anche