Ordina qui l'edizione estiva

Haga – nessun rompicapo

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Ho un grande feeling per Steinar Lem, ma penso che manchi il bersaglio quando ritrae Åslaug Haga come il grande nemico dell'ambiente (Ny Tid n. 33). Breve giustificazione:

Haga partecipa a una coalizione di governo che è andata alle urne i.a. sul rafforzamento della ferrovia e sull'abbandono di una nuova autostrada E18 tra Asker e Oslo. Hagen guida il nostro peggior partito in autostrada e il nostro partito più anti-ferroviario; il suo collega di partito Kenneth Svendsen ha detto apertamente che Bergensbanen dovrebbe essere chiuso.

Il partito di Haga è favorevole alla riduzione delle emissioni di gas serra, certamente molto meno di quanto il panel delle Nazioni Unite sul clima ha calcolato sia necessario per la Norvegia. Il partito di Hagen nega ogni ricerca sul clima. Lo stesso presidente Hagen ha detto (in una riunione a Øygarden l'10/8-1997): "Il panel delle Nazioni Unite sul clima è composto da persone che hanno deciso di succhiare soldi dalle casse di vari paesi, spaventando le persone con problemi climatici. Propagano e fanno immaginare alle persone le loro affermazioni ciniche".

Sono completamente d'accordo con Lem che Sp. pessime forme particolari di “protezione” della fauna norvegese, ma anche qui Haga non può essere all'altezza di Hagen: “Quando parla di predatori, parla di vespe. Non capisce tutta questa cura per i lupi e gli orsi.

- Di solito uccido zanzare e vespe, io. Applaudi, poi se ne sono andati. Non vedo perché non dovremmo uccidere anche il lupo. Non è quindi di alcuna utilità per l'uomo. Un lupo dovrebbe essere più prezioso di una vespa. Non c'è quindi alcun motivo per preservare i lupi. (Aftenposten 30/8-97).

Il partito del presidente Hagen è l'esponente più chiaro della Norvegia (e forse dell'Europa) dell'automobilismo sfrenato, del consumo eccessivo e dell'anti-ambiente, inclusa l'estinzione delle specie in via di estinzione. In relazione ad Hagen, Haga si trova nella 3a divisione come uomo di autobus politico ambientale.

Paolo Jensen

Potrebbe piacerti anche