Ordina qui l'edizione estiva

Bluff verde

La regolamentazione delle quote di emissione di CO2 da parte delle autorità non ha alcun effetto.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[19. maggio 2006] Il Consiglio norvegese per il controllo dell'inquinamento ha presentato un mese fa la buona notizia sul suo sito web: "Le aziende soggette a quote hanno emesso il quattro per cento in meno di CO2 nel 2005". Il sistema delle quote è entrato in vigore il 1° gennaio 2005 e avrebbe dovuto costringere le aziende norvegesi a ridurre le loro emissioni di gas serra. Alle società sono state assegnate quote pari al 95% di quanto rilasciato l'anno precedente e l'intenzione era ovviamente quella di ridurre le emissioni di CO2 del 40%. Le aziende che non lo facevano dovevano essere multate con un prezzo di XNUMX euro per tonnellata. L'allora ministro della protezione ambientale, Knut Arild Hareide, tifava per il paese leader, la Norvegia. L'attuale ministro dell'Ambiente Helen Bjørnøy vuole che anche la Norvegia sia coperta dalla direttiva sulle quote dell'UE a partire dal prossimo anno. In linea con gli obiettivi dell'accordo di Kyoto, le emissioni di gas serra pericolosi devono essere ridotte al minimo.

Ma le esperienze preliminari dei sistemi di quote non sono né verdi né belle. Se guardi più da vicino i dati del Norwegian Pollution Control Board (SFT), scoprirai che ci sono solo formalità tecniche che si nascondono dietro le cosiddette emissioni ridotte dello scorso anno. Ciò che sembra così buono sulla carta è in realtà un'emissione immutata dalla maggior parte delle aziende. Sebbene le società emettano più della loro quota assegnata del 95%, nessuna di loro ha dovuto pagare una multa dei 40 euro previsti per tonnellata. Invece, le aziende si sono avventurate nel mercato nero verde. Venerdì di una settimana fa, potevano acquistare quote in eccesso sul mercato europeo per soli nove euro a tonnellata. La regolamentazione delle quote non ha quindi portato a una riduzione delle emissioni, ma a un mercato nuovo e redditizio.

È positivo che il governo voglia controllare le attività ambientalmente ostili nel proprio paese. Ma è uno spreco di tempo e denaro organizzare un sistema che non funziona. Il regolamento sulle quote si è finora rivelato del tutto privo di significato e del tutto inefficace. Non è verde, ma ha gli occhi azzurri.

Potrebbe piacerti anche