Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Grazie Trump

Chiamali con i loro veri nomi: American Crisis (And Essays)
Forfatter: Rebecca Solnit
Forlag: Haymarket Books (USA)

Call Them by Their True Names fa luce sulla brutta verità sulla realtà in cui viviamo dopo che Trump è diventato presidente. Solnit chiede un'azione immediata – prima che il pianeta bruci.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Nella raccolta di saggi politici Chiamali dai loro veri nomi (2018), l'autrice, storica, attivista e femminista americana Rebecca Solnit (nata nel 1961) scrive in modo ponderato e non filtrato sulla crisi degli Stati Uniti e del mondo, in retrospettiva della vittoria elettorale di Donald Trump. Solnit ritiene che possiamo cambiare il nostro mondo distopico cambiando la storia e la lingua con cui lo descriviamo – "chiamandoli con i loro veri nomi".

Donald Trump, "l'uomo più deriso del mondo", è il protagonista di Chiamali dai loro veri nomi. Per ogni saggio che ho letto, il legame tra Trump e The Women's March sarà il 21 gennaio 2017, il movimento metoo negli Stati Uniti nell'autunno del 2017 e l'assegnazione del premio Nobel per la pace di quest'anno il 5 ottobre a Nadia Murad e Denis Mukwege per la loro lotta contro la violenza sessuale contro le donne, più chiaramente.

Trump – che con la sua bianchezza, ricchezza, potere e atteggiamenti oppressivi nei confronti delle donne è il principale rappresentante del patriarcato – ha dato vita a questo movimento femminile potente, mondiale e inarrestabile. Grazie, Trump, per aver reso il mondo più consapevole di quanto siano pericolosi uomini come te per le donne e per la natura: da quando sei diventata presidente, sia il movimento delle donne che il movimento per il clima hanno ottenuto maggiore sostegno e potere.

Violenza contro il pianeta

- annuncio pubblicitario -

Quando Trump è salito al potere, ha chiarito che "il cambiamento climatico non è causato dall'uomo e quindi non può essere prevenuto". Solnit, invece, pensa il contrario. Descrive come tutto è collegato: «Ciò che esce dal tuo tubo di scappamento o dalla tua ciminiera o dal tuo sito di fracking che perde contribuisce al mutevole mix di atmosfera, dove quantità crescenti di anidride carbonica e altri gas a effetto serra fanno sì che la terra trattiene più calore che proviene dal sole, il che non si traduce solo in quello che chiamavamo riscaldamento globale, ma porterà al caos climatico ».

Temo che abbia assolutamente ragione sul fatto che il caos climatico si stia avvicinando, specialmente dopo l'estate di quest'anno, con un'ondata di caldo record sia in Norvegia che nel resto del mondo. Nell'Europa orientale, dove mi trovo, il clima estivo era molto mutevole: in un periodo dell'anno in cui di solito è stabile e caldo, potrebbe improvvisamente schiarirsi e tuonare con la grandine. Il clima estivo ha avuto un forte effetto sul mio umore, ea volte volevo solo stare a letto tutto il giorno. Dopo lo schizofrenico clima estivo a Vienna, la profezia del giorno del giudizio di Solnist secondo cui "il caos climatico brucerà il pianeta" sembra inquietantemente vicina.

Scrive che il cambiamento climatico e i conflitti internazionali sono collegati, sulla base di un comunicato stampa di un gruppo sul clima che annuncia: "Gli scienziati dicono che esiste un legame diretto tra il cambiamento del clima e un aumento della violenza". Come risultato del caos climatico, l'istinto di sopravvivenza negli esseri umani porterà a conflitti e, infine, alla fame. Conclude: “Il cambiamento climatico è violenza su scala globale, contro i luoghi e le specie viventi così come contro gli esseri umani. […] La rivolta contro la brutalità inizia con una rivolta contro il linguaggio che nasconde quella brutalità ».

Abbiamo il potere

Il libro appare come un appello politico in cui incoraggia le persone – gli elettori – a scegliere la strada giusta. Nel saggio Venti milioni di narratori scomparsi (2018) scrive: "Possiamo iniziare raccontando una storia che contano milioni di elettori scomparsi e lavorando per rimettere in gioco quegli elettori".

Possiamo cambiare il mondo cambiando la sua descrizione.

Entro l'8 ottobre 2018, mi imbatterò nell'articolo "Abbiamo 12 anni per limitare la catastrofe del cambiamento climatico, avverte l'ONU", scritto da Jonathan Watts su The Guardian, su Facebook. Lo trasmetto velocemente, al suono del mio battito cardiaco, pensando a mia figlia di nove mesi. Il tempo in cui viviamo è cruciale per il suo futuro. Non voglio che cresca in un mondo con una catastrofe climatica devastante e pericolosa per la vita. È come se la realtà mi colpisse in faccia. L'estate di quest'anno ha cercato di dirci qualcosa: dobbiamo svegliarci da questo torpore e agire – immediatamente.

Come scrive Solnit, i giornalisti hanno una grande responsabilità nel diffondere e sensibilizzare sulla pericolosa crisi climatica. Mi assumo parte di questa responsabilità con questo testo. Scrive inoltre che siamo noi, le persone, che sediamo insieme con il più grande potere di cambiare il futuro. Dobbiamo iniziare adesso, prima che sia troppo tardi.

Leggi anche: Tempestiva sveglia a Fahrenheit 11/9

Pinar Ciftci
Ciftci è giornalista e attore.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato