Ordina qui l'edizione estiva

Congratulazioni, signora Ministro

Kristin Halvorsen ha risolto in modo intelligente i problemi relativi al suo primo budget statale.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[6. ottobre 2006] Non è mai stato presentato un bilancio statale più costoso di quello presentato oggi. Decine di miliardi in più rispetto a prima sono distribuiti con precisione rosso-verde in modo da garantire la reputazione del governo come equo distributore dei benefici della società. Ce n'è assolutamente bisogno, dopo un periodo in cui i partiti al governo hanno lottato con la credibilità, sia in relazione alle loro questioni centrali che alla propria piattaforma di governo. Il bilancio dello Stato è stato a lungo sbandierato come la prova stessa di un nuovo corso. Questo è

Il grande test da apprendista del ministro delle Finanze e leader del partito Kristin Halvorsen.

Trond Giske ha ottenuto il meglio dalle fughe di notizie in anticipo. Non perché abbia mosso la maggior parte delle corone, ma perché ha abilmente lasciato trapelare ai media un flusso costante di piccole cose encomiabili ultimamente. Ma vorremmo strappare l'immagine patinata che è stata presentata sui giornali mercoledì, di Giske che "cede il potere". Lo fa trasferendo dal bilancio dello Stato al Consiglio della Cultura la somma di giornali e riviste più piccoli, cioè media come Ny Tid, Morgenbladet e Dag og Tid. Lo consideriamo un puro disclaimer per le pubblicazioni che da tempo richiedono schemi di supporto migliori e più prevedibili. Temiamo un destino lontano dagli occhi, lontano dalla mente.

Il processo ora avviato da Øystein Djupedal per mantenere la promessa di libri scolastici gratuiti è una questione simbolica più importante per il governo, ei 373 milioni stanziati per questo saranno ben percepiti dagli elettori e ne trarranno beneficio direttamente. E la stessa ministra delle finanze ha superato la questione simbolica più importante del bilancio: mantiene la promessa di una copertura completa dell'asilo per il prossimo anno e ottiene i miliardi necessari per mantenere la promessa. Questo è un importante e reale impulso per la politica di welfare norvegese.

Quando le tasse saranno aumentate al livello del 2004 ei più ricchi saranno puniti di più, la divisione tra destra e sinistra nella politica norvegese entrerà in gioco. Ma del risparmio più importante e controverso nel bilancio dello Stato, bisognerà attendere il 1° novembre per vederne le conseguenze.

Quindi il comitato con il governo e le organizzazioni della vita lavorativa troveranno la loro soluzione su come risparmiare 2,5 miliardi nel regime di indennità di malattia. La questione, e la sua gestione, hanno reso impopolare il governo in circoli allarmanti, ma il suo rinvio renderà la presentazione del bilancio dello Stato stesso un affare molto più positivo di quanto sarebbe stato altrimenti. Qui il governo è stato così intelligente che forse non se ne sono resi conto da soli.

Potrebbe piacerti anche