Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Autonomia con Big A

STORIA DI UN COMUNISTA. Di Toni Negri, con Girolami de Michele. Ponte alle Grazie, 2015

Storia di un communista.

Il filosofo Toni Negri difende le sue idee precedenti in una cronaca approfondita della storia politica italiana.
>
(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Toni Negri è nato nel 1933. Nelle sue parole nel mezzo della "Seconda Guerra dei Trent'anni" (1914-45): dove il primo fu combattuto contro i protestanti e i contadini, il secondo fu combattuto contro i socialisti e gli operai. Questo è ciò che dice all'inizio di questo libro, che rientra chiaramente nella categoria "memorie". Leggiamo di come Negri, che ha nove anni, perde il fratello di 18 anni, un presunto suicidio in circostanze poco chiare, e quanto poco dopo sperimenta la deportazione di un amico ebreo.

Si ottengono anche informazioni meno drammatiche, come Negri era uno sportivo attivo da giovane. A 15 anni è ancora completamente apolitico. Ma presto suo nonno, nato nel 1870, lo introdurrà al comunismo – "non come ideologia o come strumento di lotta, ma come stile di vita". Più tardi, Negri afferma che all'inizio della sua vita intellettuale ha iniziato a guardare verità "Non come oggetto, ma come stile di vita".

Per Negri, la democrazia dovrebbe anche essere il nome di un "modo di vivere" – invece di costruire uno "stato democratico", "democrazia" diventa il nome di un progetto per rendere lo stato meno opprimente. Questa frase, "forma di vita" (plasmare i bianchi), ha anche ricevuto un significato politico attuale da Giorgio Agamben, nel suo tentativo di pensare a nuove forme di resistenza alla comunità di controllo e sorveglianza (vedi l'articolo di Marit Grøtta "Vita in gioco" nel numero di pubblicazione di AGORA su Agamben, n. 4 / 2011).

La "democrazia" diventa un "modo di vivere" – invece di costruire uno "stato democratico", la "democrazia" diventa un progetto per rendere lo stato meno opprimente.

Meno male. Il libro di Negri è intellettuale memorie. Il tono è costantemente orale e facile da seguire. Il libro è caratterizzato dall'essere dettato a una stampante ombra. Altrimenti, il passaggio tra menzionare "Toni" in terza persona e parlare direttamente in prima persona è sorprendente. È come se Negri volesse distinguere tra una versione giovane e prepotente di se stesso e un ego che continuerà ad ammettere.

- annuncio pubblicitario -

A metà degli anni '1950, Negri era scettico nei confronti dell'autoritario e stalinista del Partito Comunista Italiano (PCI) – si stava avvicinando al movimento libero da alleanze. Nell'ottobre del 1956, nella sua città natale di Padova, si unì al Partito Socialista PSI, che capì essere "il meno malvagio".

All'inizio Negri rappresenta la sinistra nel Psi, ma si preoccupa sempre più della lotta operaia. A tutt'oggi Negri sostiene che le imprese controllate dai lavoratori sono "la vera chiave dell'organizzazione politica della classe operaia". Ci sono molte affermazioni di questo tipo nella tradizione radicale di sinistra italiana, e si può pensare che appaia più come incantesimi che come analisi. Per capire come tali pensieri generali possano essere percepiti come liberatori, dobbiamo conoscere il ruolo del Partito Comunista Italiano.

Induismo di lavoro. Il Partito Comunista PCI, nonostante sia stato a lungo escluso dalla cooperazione politica a livello nazionale, era una sorta di versione italiana del Partito laburista norvegese (DNA), anche se con una pronunciata opposizione all'adesione alla NATO. Possiamo confrontare il PCI sia con DNA che con LO in Norvegia, organizzazioni di massa che nel tempo in pratica hanno contribuito a mantenere lo status quo politico. LO è ancora un'organizzazione che lotta per gli interessi dei dipendenti, ma non è affatto uno strumento per una società veramente diversa. È di fronte a un simile Partito Comunista e ai sindacati affiliati che l'italiano operismo emerge – "operaio" che rende omaggio alla struttura organizzativa di ogni singolo gruppo di lavoratori autonomia.

Al centro del movimento per l'autonomia è l'idea che i grandi sindacati esistenti facciano parte di un compromesso di classe. Per Negri, "sviluppare l'autonomia della classe operaia" è il presupposto decisivo per la costruzione del partito. Secondo lui, i rappresentanti del Pci la pensavano al contrario: qui era il partito che doveva guidare le masse. Anche il PCI si rivoltò contro la rivolta studentesca del 1968, mentre il movimento autonomo eseguiva slogan come "Lavoratori e studenti uniti nella lotta!"

La struttura partitica del PCI era in realtà una "struttura corporativa e socialdemocratica", sostiene Negri, e secondo lui l'opposizione al partito non aveva niente a che fare con l'anarchismo, il terzo mondo o il maoismo, piuttosto era una rinascita del leninismo. Per Negri e i suoi compagni, il PCI era un dinosauro in via di estinzione, mentre il loro comunismo era giovane e creativo. Dice, infatti.

L'insurrezione. Nel 1962 Negri era entrato a far parte della comunità attorno alla rivista Quaderni Rossi. Secondo lui il labourismo è nato con l'articolo di Mario Troni "La fabbrica e la società" (Quaderni Rossi n. 2/1962). Nel 1964 Renato Solmi traduce "Il frammento delle macchine" da Marx ' planimetrie, che poi diventa un testo di base per il classismo operaio. Ma Negri insiste sul fatto che lui stesso "è diventato comunista prima di diventare marxista". Un altro lavoro centrale in operismoil movimento era EP Thompsons La creazione della classe lavoratrice inglese.

Come Nanni Balestrini (anche lui presente in questo numero di New Times), Negri divenne attivo nel Potere Operaio alla fine degli anni '1960, dove il coro era: "La ribellione viene prima dell'organizzazione". Negli anni '1970 è attivo nel gruppo Lotta Continua.

L'autonomia con piccola a nasce negli anni '1960; con la grande A nel 1973, dice Negri. Afferma anche che lui ei suoi compagni avevano già capito nel 1973 che la società era esposta al potere neoliberista – che purtroppo erano gli unici a combattere in quel momento.

Una domanda che molti si porranno è se Negri sarà un po 'evasivo nella discussione se i movimenti radicali debbano armarsi all'inizio degli anni '1970 e nel rapporto con le Brigate Rosse.

A tutt'oggi Negri sostiene che le imprese controllate dai lavoratori sono "la vera chiave dell'organizzazione politica della classe operaia".

Continuazione? Toni Negri ha conquistato numerosi seguaci con le sue opere moderne, non ultima la tetralogia con Michael Hardt. Io stesso sperimento che le teorie a volte molto generali di Negri possono apparire pretenziose. In questo libro, tuttavia, si presenta in modo diverso, con una voce umana. Poi ci si può chiedere quanto sia interessante leggere della vita amorosa di Negri, dei suoi figli, della sua vita pesante da asmatico, che ama il teatro e la musica, beve vino e così via. Ma aggiorna la presentazione generale, che è prevalentemente caratterizzata da una cronaca politica in cui nessuna discussione è troppo piccola per essere menzionata, così come da molti passaggi puramente filosofici.

Colpisce che le memorie finiscano bruscamente nel 1979, quando Negri viene arrestato, sospettato di complicità nel rapimento del premier Aldo Moro. L'arresto è menzionato nell'introduzione e nell'ultima pagina del libro: viene quindi presentato come qualcosa di completamente incomprensibile.

In alcuni punti Negri fa riferimento alle sue posizioni filosofiche successive, ma per il resto poco o nulla si dice sul tempo da allora. Allo stesso tempo, nulla suggerisce che questo libro sia il primo di due. Ma forse ci sarà un sequel? Sembra più naturale vedere la delimitazione come un'affermazione che nel 1979 una battaglia significativa fu persa.

Negri ha ancora qualcosa da dare come teorico, ma in questa presentazione appare retrospettivo – come un contributore alla storia alla fine ben documentata del radicalismo di sinistra italiano negli anni '1960 e '1970. Ma con tutti i mezzi: una storia molto importante e istruttiva!

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Come l'effetto si è diffuso nel resto del mondo, gli autori, l'australiano Clive Hamilton e la tedesca Mareike Ohlberg, fanno luce nel libro.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
La forza mimetica / Padronanza della non padronanza nell'era della fusione (di Michael Taussig)Imitare un altro è anche un modo per ottenere potere sulla persona ritratta. E quante volte vediamo un'imitazione del cosmo in un bar in una strada laterale buia?
Radiazione / La maledizione di Tesla (di Nina FitzPatrick)I ricercatori del romanzo trovano la prova definitiva che parti della tecnologia moderna stanno distruggendo la biologia neurologica umana?
Foto / Helmut Newton – Il cattivo e il bello (di Gero Von Boehm)Il controverso status di culto del fotografo Helmut Newton persiste molto tempo dopo la sua morte.
Notifica / La Svezia e l'Inghilterra erano democrazieIl trattamento di Julian Assange è un disastro legale iniziato in Svezia e continuato nel Regno Unito. Se gli Stati Uniti riusciranno a ottenere l'estradizione di Assange, potrebbero impedire la pubblicazione di informazioni sulla grande potenza in futuro.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato