Ordina qui l'edizione estiva

Giske è un codardo!

La Norvegia ha bisogno di un canone culturale. Ma non sarà come sembra pensare la maggior parte dei norvegesi.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[10. Marzo 2006] Il ministro della Cultura Trond Giske (Ap) è un codardo. Non osa difendere il variegato patrimonio culturale della Norvegia. Martedì, la portavoce della politica culturale del Partito del progresso, Karin Woldseth, ha chiesto un canone culturale norvegese, una definizione delle opere culturali più importanti del paese. Come in Danimarca, dove il ministro della Cultura ha permesso ai professionisti di trovare le dodici opere più importanti del paese in settori come la letteratura, l'architettura e la musica.

Le prime reazioni qui a casa sono state come previsto: scetticismo. La portavoce della politica culturale di Venstre, Trine Skei Grande, dice a NRK che non vede alcun motivo per fare una simile valutazione. Ed è sostenuta dal ministro della Cultura Trond Giske: "Non credo che dovremmo usare i nostri sforzi principali per classificare e classificare l'arte. Dovremmo piuttosto usarli per creare nuova arte”.

Questa è una visione straordinariamente semplice della cultura. Giske crea una contraddizione populista tra la creazione di nuova arte e la conoscenza del passato. Piuttosto, è un prerequisito per una pratica culturale innovativa che si conosca bene ciò che è stato precedentemente creato in patria e all'estero.

Quello che Grande e Giske non dicono è che temono che il FRP utilizzi una tale valutazione culturale per coltivare ciò che è "specialmente norvegese". In altre parole, può accadere come in Danimarca, dove la coltivazione culturale della nazione porta a un aumento dell'odio verso tutto ciò che è "straniero e diverso".

Ma il problema è che politici come Grande e Giske stessi sostengono un'idea così falsa della cultura norvegese come progetto di esclusione. Potrebbero invece dire: Sì, stabiliamo un canone culturale. Perché dimostrerà che non esiste qualcosa come "tipicamente norvegese", ma che i principali artisti norvegesi sono sempre stati ispirati dal mondo esterno. La Norvegia è multiculturale da oltre 1000 anni.

L'islandese Snorre ha registrato le saghe reali norvegesi – e ha scritto che i turchi stanno "più in alto e sono nobilitati con doni di ogni tipo, saggezza, forza, bellezza". Il drammaturgo Ludvig Holberg era tanto danese quanto norvegese. Henrik Wergeland è morto come discepolo credente di Allah, dopo essere stato convinto da due ebrei marocchini a Parigi. Henrik Ibsen ha dovuto andare all'estero e sperimentare la "Bellezza del Sud" per creare le sue grandi opere. Tidemand & Gude vivevano a Düsseldorf quando dipinsero "Brudeferden i Hardanger". Mentre il tesoro nazionale Ole Bull era un cosmopolita che amava gli Stati Uniti probabilmente quanto la Norvegia.

Un vero canone culturale norvegese mostrerà quanto questo paese sia sempre stato internazionale e multiculturale. Ciò di cui abbiamo bisogno ora è un ministro della cultura che abbia abbastanza conoscenze per dirlo.

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche