Teatro della crudeltà

Israele è diretto verso la guerra civile?

Israele mantiene il conflitto con la Palestina, perché il paese ha bisogno che il conflitto esista. La divisione meno visibile tra gli ebrei sta diventando molto profonda.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Qualcosa di strano accade ai capi del servizio di sicurezza interna israeliano Shin Bet dopo il loro ritiro. Il servizio di sicurezza è per definizione un pilastro dell'occupazione israeliana. È ammirato dagli israeliani (ebrei), temuto dai palestinesi e rispettato dagli esperti di sicurezza professionisti di tutto il mondo. L'occupazione non potrebbe esistere senza di essa.
E questo è il paradosso: quando i capi di questo servizio di sicurezza si dimettono, diventano improvvisamente fautori della pace. Come mai?

È davvero logico. Gli agenti dello Shin Bet sono gli unici nell'establishment ad avere un contatto diretto e quotidiano con la realtà palestinese. Interrogano i sospetti palestinesi, li torturano e cercano di trasformarli in informatori. Raccolgono informazioni, penetrano nelle parti più remote della società palestinese. Sanno sui palestinesi più di chiunque altro in Israele (e forse anche in Palestina).
Quelli intelligenti tra loro riflettono anche in una certa misura su ciò che scoprono. Arrivano a conclusioni che spesso non sono accessibili ai politici: che siamo di fronte a una nazione palestinese, che questa nazione non scomparirà; che i palestinesi vogliono il proprio Stato e che l’unica soluzione al conflitto è uno Stato palestinese accanto a Israele.

Perché qui segue un altro strano fenomeno: quando i capi dello Shin Bet si dimettono, uno dopo l’altro diventano apertamente sostenitori della cosiddetta soluzione dei due Stati. Lo stesso accade con i comandanti del Mossad, il servizio di intelligence esterno israeliano: il loro compito più importante è combattere gli arabi in generale e i palestinesi in particolare. Ma nel momento in cui lasciano il servizio, diventano sostenitori della soluzione dei due Stati, completamente in contrasto con le politiche del Primo Ministro e del governo.

Tutti quelli che lavorano in questi due servizi segreti sono, beh, segreti. Tutti tranne i capi. (A proposito, è merito mio. Quando ero membro della Knesset, ho presentato un disegno di legge secondo il quale i nomi dei capi del servizio dovrebbero essere resi pubblici. Il disegno di legge, ovviamente, è stato respinto perché tutte le mie proposte lo erano, ma poco dopo il Primo Ministro ha approvato che i nomi dei comandanti fossero resi pubblici.) Qualche tempo fa, la televisione israeliana ha trasmesso un documentario intitolato I portieri, dove a tutti gli ex comandanti dello Shin Bet e del Mossad ancora in vita è stato chiesto come pensavano che il conflitto potesse essere risolto. Tutti sostenevano – con intensità diversa – la pace basata sulla soluzione dei due Stati. Tutti erano d’accordo sul fatto che non ci sarà pace finché i palestinesi non avranno un proprio Stato nazionale.

A quel tempo, Tamir Pardo era a capo del Mossad e non poteva esprimere apertamente le proprie opinioni. Ma dall’inizio del 2016 è tornato ad essere un privato. Ora ha aperto bocca in pubblico per la prima volta.

Come suggerisce il nome, Pardo è un ebreo sefardita, nato 63 anni fa a Gerusalemme. La sua famiglia proveniva dalla Turchia, dove molti ebrei cercarono rifugio dopo l'espulsione dalla Spagna 525 anni fa. Non appartiene quindi all'"élite ashkenazita", disprezzata così violentemente nella parte "orientale" della società ebraico-israeliana.

Il punto principale di Pardo era un avvertimento: Israele si sta avvicinando a una situazione di guerra civile. Non siamo ancora arrivati, ha detto, ma ci stiamo sicuramente arrivando. Secondo Pardo, questa è oggi la principale minaccia per Israele. In effetti, ha affermato che questo è l’unico pericolo rimasto.

Questa affermazione significa che il capo del Mossad, recentemente scomparso, non vede alcuna minaccia militare per Israele – da parte dell’Iran, dell’ISIS o di chiunque altro. Questa è una sfida diretta all'argomento principale della politica di Netanyahu: che Israele è circondato da nemici pericolosi e minacce mortali. Ma Pardo vede un pericolo ben più grande: la divisione all'interno della comunità ebraica israeliana. Non abbiamo ancora una guerra civile. Ma "siamo sicuramente sulla buona strada".

Guerra civile tra chi? La risposta più comune è: tra "destra" e "sinistra". Come ho sottolineato prima, destra e sinistra non significano la stessa cosa in Israele che nel resto del mondo. In Inghilterra, Francia e Stati Uniti, il divario tra destra e sinistra riguarda gli affari sociali ed economici. In Israele, ovviamente, abbiamo anche molti problemi socioeconomici, ma la divisione tra “sinistra” e “destra” in Israele riguarda quasi esclusivamente la pace e l’occupazione. Se vuoi la fine dell’occupazione e la pace con i palestinesi, sei “di sinistra”. Se volete l’annessione delle zone occupate e l’espansione degli insediamenti siete “di destra”.

Ma ho il sospetto che Pardo stia parlando di una spaccatura molto più profonda, senza dirlo direttamente: la spaccatura tra ebrei europei (“ashkenazi”) ed ebrei “orientali” (“mizrahim”). La comunità sefardita ("spagnola"), alla quale appartiene Pardo, è considerata appartenente agli orientali.
Ciò che rende questo scisma così potenzialmente pericoloso, e che spiega il severo avvertimento di Pardo, è che la stragrande maggioranza degli ebrei orientali sono "di destra", nazionalisti e almeno moderatamente religiosi, mentre la maggioranza degli ebrei ashkenaziti sono "di sinistra", più pacifico e laico. Dato che gli ebrei ashkenaziti sono generalmente anche socialmente ed economicamente più ricchi degli orientali, questa distinzione è molto profonda.

Al momento Pardo (1953), chi di noi era già a conoscenza di questa incipiente frattura può consolarsi nel fatto che si tratta sicuramente di una fase passeggera. Questo tipo di disaccordo è comprensibile dopo l’immigrazione di massa, ma il “melting pot” fa il lavoro, i casi di matrimoni misti contribuiscono e dopo una o due generazioni l’intero problema scomparirà.

Ebbene, ciò non è accaduto. Al contrario, la spaccatura è sempre più profonda. Vediamo segnali di odio sempre più chiari da entrambe le parti. Il discorso pubblico è pieno di disgusto. I politici, soprattutto quelli di destra, basano le loro carriere su appelli settari all’azione illegale e sono guidati dal più grande provocatore di tutti, Netanyahu.

Il punto principale di Pardo era un avvertimento: Israele si sta avvicinando a una situazione di guerra civile.

I matrimoni misti non aiutano. Ciò che accade è che i figli e le figlie di coppie miste di solito scelgono una parte o l'altra, preferibilmente gli estremi.

Un sintomo quasi comico è che il Partito conservatore, che (con brevi interruzioni) è al potere dal 1977, si comporta ancora come una minoranza oppressa e incolpa “le vecchie élite” per tutti i problemi che devono affrontare. Ciò non è del tutto ridicolo, perché le “vecchie élite” sono ancora sovrarappresentate nell’economia, nei media, nei tribunali e nelle arti.
La resistenza reciproca cresce. Lo stesso Pardo ne è un esempio inquietante: il suo avvertimento non ha scatenato una tempesta. Passò quasi inosservato: un breve servizio al telegiornale, un piccolo articolo ben visibile sui giornali, e basta. Perché non c'è motivo di emozionarsi, vero?

Un sintomo quello Ciò che potrebbe aver allarmato Pardo, è che anche l’unica forza unificante per gli ebrei nel paese – l’esercito – è vittima della divisione. L’esercito israeliano è nato molto prima dello stesso Israele, nel movimento clandestino dell’era pre-indipendenza, e si basava sul kibbutz socialista ashkenazita. Negli strati superiori si possono ancora percepire le tracce di questo passato. I generali sono principalmente ebrei ashkenaziti.

Ciò potrebbe spiegare il fatto alquanto sconcertante che, 43 anni dopo l’ultima vera guerra (la guerra dello Yom Kippur del 1973) e 49 anni dopo che l’esercito è diventato una forza di polizia prevalentemente coloniale, l’esercito rimane più moderato dell’establishment politico.

Ma un nuovo esercito sta emergendo dal basso: un esercito in cui molti giovani ufficiali indossano la kippa, un esercito le cui nuove reclute sono cresciute in case simili a quella in cui è cresciuto Elor Azariya, e che sono state educate nel sistema scolastico nazionalista israeliano. che ha creato Elor Azariya.
Il processo militare contro Azariya continua a tormentare Israele per due anni, molti mesi dopo il suo inizio, e mesi prima che si concluda con un verdetto. Molti ricorderanno che Azariya è il sergente che ha sparato e ucciso un aggressore arabo gravemente ferito che giaceva già a terra inerme.

Giorno dopo giorno questo caso continua a sconvolgere il Paese. La leadership dell'esercito è minacciata da quella che comincia ad assomigliare ad una ribellione. Il nuovo ministro della Difesa, il colono Avigdor Lieberman, sostiene apertamente il soldato, mentre Benjamin Netanyahu, come al solito, è un codardo politico e sostiene entrambe le parti.
Questo processo ha da tempo cessato di riguardare questioni morali o disciplinari ed è diventato parte della profonda divisione della società israeliana. L'immagine dell'assassino dall'aspetto infantile, con sua madre seduta proprio dietro di lui in aula che gli dà una pacca sulla testa, è diventata il simbolo dell'incombente guerra civile di cui parla Pardo.

Molti israeliani lo hanno fatto hanno iniziato a parlare di “due comunità ebraiche” in Israele – alcuni addirittura parlano di “due popoli ebrei” all’interno della nazione ebraica israeliana. Cosa li lega insieme? Il conflitto, ovviamente. L'occupazione. Il perdurare dello stato di guerra.
Yitzhak Frankenthal, un padre che ha perso il figlio e che è un sostenitore del movimento pacifista israeliano, ha trovato una formula illuminante: non è che il conflitto arabo-israeliano sia stato imposto a Israele. In realtà è il contrario: Israele perpetua il conflitto – perché il Paese ha bisogno che il conflitto esista.
Questo potrebbe anche spiegare l’occupazione infinita. Si adatta bene anche alla teoria di Pardo sull'avvicinarsi della guerra civile. Solo il senso di unità – creato dal conflitto – può impedirlo. Il conflitto – o la pace.


Avnery è un ex membro della Knesset e un commentatore regolare di Ny Tid.

avnery@actcom.co.il
avnery@actcom.co.il
Commentatore a Ny Tid. Avnery è un ex membro della Knesset in Israele. Giornalista israeliano e attivista per la pace (nato nel 1923).

Potrebbe piacerti anche