Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Fuori controllo


(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Comprendiamo davvero le conseguenze a lungo termine della nuova attenzione degli Stati sulle armi autonome e sull'uso dei droni?

Il drone che gli Stati Uniti hanno inviato il mese scorso nel territorio iraniano che è stato abbattuto viene utilizzato politicamente dagli americani mentre altrimenti spingono la frenesia militare-industriale del mondo. Al momento in cui scriviamo, gli Stati Uniti hanno reso il mondo un posto più pericoloso dove stare. Ora sono riusciti a provocare l'Iran a lanciare l'arricchimento dell'uranio per le armi nucleari. Bene, oggi il globo può essere spazzato via in 7-8 minuti. (Vedi anche i nostri due articoli su Giorno del giudizio universale)

Ma questo non è il mio punto con il titolo "Fuori controllo". In un clima mentale pubblico in cui ci si deve sentire costantemente offesi e indignati – i mass media contribuiscono psicologicamente come meglio possono con tali sentimenti – si è costantemente alla ricerca di nemici. E con un numero sufficiente di nemici o "terroristi" dietro l'angolo, questo legittima l'uso di un incredibile 16 miliardi di corone all'anno per mantenere in vita l'industria militare. In un tale clima, vengono sviluppati anche nuovi sistemi d'arma come i droni senza pilota.

spie

Ad esempio, il tempo delle spie ostili come la notte che nuota a terra dai sottomarini è presto finito. I droni prendono il sopravvento. La Marina americana ha sviluppato sistemi eterogenei collaborativi senza pilota (HCUS), in cui uno o più carichi utili incapsulati provengono dai sottomarini. O inviato banchi di droni sottomarini in attesa di ordine – per identificare acusticamente navi da guerra e sottomarini nemici.

- annuncio pubblicitario -

Come cita l'Economist il 22 giugno, i droni – forse il prossimo sull'Iran – saranno in grado di sganciare una serie di sensori ad energia solare, camuffati da rocce, che da diverse posizioni rimandano informazioni dalla telecamera e dal microfono, o intercettano il traffico radio e i segnali nell'area.

Si presume inoltre che sia possibile realizzare droni che si riforniscono di carburante e armi e quindi di ripetere le azioni. Sciami di droni devono anche essere in grado di cooperare e adattarsi alle situazioni, nella battaglia tra macchina e uomo.

Sappiamo già come i droni armati senza pilota (come BlackWing) dall'aria possono annientare veicoli, arsenali di armi locali o individui designati. A differenza delle spie vive che possono essere catturate su un territorio ostile, i droni sono "materiali di consumo" economici che sono difficili da rintracciare il mittente.

Divieto. Ricercatori, imprese e politici hanno recentemente firmato una campagna per sviluppare armi autonome mortali – i cosiddetti robot per uccidere. Toby Walsh (Professore, Università del New South Wales), che ha visitato l'Università OsloMet a giugno, ci ha detto che hanno firmato 4500 ricercatori attivi nel campo dell'intelligenza artificiale e dei robot, oltre a quasi 30 altri. E il vicerettore dell'Oslo Met Morten Irgens ha detto che qui in Norvegia abbiamo già 000 firme di accademici, dai direttori universitari ai ricercatori del settore. La speranza è che proprio come le armi chimiche, le mine terrestri e le munizioni a grappolo sono state bandite, il prossimo potrebbe essere il divieto di armi autonome mortali.

“Le macchine con potere e discrezione per prendere vite umane sono politiche
inaccettabile, moralmente riprovevole e dovrebbe essere vietato dal diritto internazionale ".

Come sottolinea il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, l'intelligenza artificiale potrebbe innescare una nuova corsa agli armamenti – fuori controllo: "Le macchine con il potere e la discrezione di togliere vite umane sono politicamente inaccettabili, moralmente riprovevoli e dovrebbero essere bandite dal diritto internazionale". All'ONU, 28 paesi, tra cui Austria, Brasile e Cile, hanno preso l'iniziativa nella promozione di un divieto, che è stato tipicamente bloccato da Stati Uniti, Israele e Russia, tra gli altri.

Allo stesso tempo, alcuni credono che le macchine che combattono efficacemente possano essere migliori degli umani caratterizzati da aggressività e paura. E se avessimo creato algoritmi che si basavano sulla Convenzione di Ginevra sulle armi disumane e altre leggi, in modo che tale guerra potesse salvare la vita dei civili? Più controllo? Sì, perché non permettere le guerre "robot killer" tra loro? O forse lasciare che i nemici giochino le loro guerre sulla scacchiera?

Ma alla conclusione del seminario, non è il modo in cui i leader del mondo stanno conducendo la guerra. Tuttavia, Walsh spera che Oslo sia in grado di guidare di nuovo, dato che abbiamo iniziato la campagna contro le armi a grappolo nel 2007.

Google

L'analista militare Cecilie Hellestveit era a Oslo, dubita che un divieto sia applicabile come lo era con le armi a grappolo. È membro del Consiglio etico del Norwegian Petroleum Fund, coinvolto in relazione agli investimenti del Fondo e da quale di questi all'interno del complesso militare-industriale della Norvegia dovrebbe ritirarsi.

No, non puoi facilmente vietare l'intelligenza artificiale, quindi sono necessarie ulteriori recensioni. E alla mia domanda a Walsh se davvero credesse che gli stati con interessi di potere militare avrebbero ascoltato un tale divieto dal basso, menziona i dipendenti di Google che hanno protestato, con i civili come modelli di riferimento. Hanno fermato il progetto Pentagono di Google. E se cerchi, puoi anche vederlo Google ha introdotto "regole etiche" per il controllo dell'intelligenza artificiale: Oltre a servire scopi socialmente vantaggiosi e il diritto alla privacy, Google non lavorerà con le armi, "tecnologie che danneggiano o violano il diritto internazionale e i diritti umani" o "tecnologia di sorveglianza che viola le norme internazionali".

attivismo

Ma cosa succederebbe se le nuove armi dell'esercito potessero esserci restituite in futuro – da attori non statali? Armi autonome programmate per compiere azioni non reversibili, finiranno un giorno nelle mani di terroristi o gruppi militanti fuori controllo. Ciò che verrà dal governo e dai militari sarà anche un mezzo per "contrattaccare".

25 anni fa, l'IRA ha attaccato l'aeroporto di Heathrow con bombe in tre giorni diversi. Nessuno è morto, anche se l'aeroporto è stato chiuso per alcune ore. Il mese scorso Extinction Rebellion (XR) ha minacciato lo stesso aeroporto di inviare droni economici da 1000 corone per impedire il traffico aereo, dove 1300 aerei volano ogni giorno con 220 passeggeri. L'azione era una protesta contro la costruzione di una terza pista. Bene, il giorno prima della data dell'azione del 000 giugno, hanno annullato l'azione, ma minacciano che potrebbe tornare più tardi. Pericoloso? XR ha suggerito che dovrebbero volare solo a pochi metri dal suolo nella zona dei cinque chilometri ...

Un aeroporto può davvero proteggersi da tale disobbedienza civile del sabotaggio previsto, che può anche portare alla perdita di vite umane innocenti? Oggi, tuttavia, ci sono oltre 200 sistemi antidrone per rilevare e rintracciare tali. Utilizza avanzate radio jamming, dirottamento di droni elettronici o reti legate – e persino attaccando uccelli come falchi e aquile.

E altre azioni civili? I droni possono essere equipaggiati per una più innocua spruzzatura di graffiti, ma anche per la lotta antincendio e con pistole montate. In Venezuela, qualcuno ha cercato di uccidere il presidente con uno. E secondo The Economist (15.6 giugno), un attivista ha fatto atterrare un drone di materiale radioattivo sulla proprietà del primo ministro giapponese – senza essere scoperto in un paio di settimane.

Le armi autonome dirette richiederanno tempo per svilupparsi, quindi abbiamo ancora del tempo prima che questo si diffonda. Se ci preoccupiamo del divieto.

Buona estate!

Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi gli articoli precedenti di Lie i Le Monde diplomatique (2003-2013) e Morgenbladet (1993-2003) Vedi anche part lavoro video di Lie qui.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato