Teatro della crudeltà

Il libero scambio in crisi

Chi rappresenta cosa nei negoziati dell'OMC e quali conseguenze avrà un collasso?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

L'agricoltura rappresenta solo il tre per cento della produzione mondiale e il dieci per cento del commercio mondiale, ma allo stesso tempo l'agricoltura è il settore più distorto dell'economia mondiale. L'eliminazione delle barriere commerciali e il taglio dei regimi di sovvenzione porterà quindi grandi benefici ai paesi poveri. Il premio Nobel per l'economia, il professore americano Joseph Stiglitz, ritiene che l'UE e gli Stati Uniti abbiano perso un'occasione d'oro per un commercio più equo quando hanno scelto di avviare i negoziati a Doha da zero dopo il crollo di Seattle nel 1999. Ritiene che un accordo vincolante sul pieno accesso al mercato è la soluzione. Secondo la Banca Mondiale, il 60 per cento dei benefici previsti durante la riunione ministeriale di Doha proverrà dall'agricoltura.

Grande distanza

Gli americani, attraverso il loro rappresentante commerciale Rob Portman, hanno avanzato una nuova proposta. Propone un taglio tariffario del 90% sui prodotti agricoli e taglierà del 60% i sussidi che più distorcono il commercio. L’UE ha risposto proponendo tagli drastici ai sussidi che distorcono il commercio, ma la proposta prevedeva tagli tariffari così modesti che non è stata accolta così seriamente dalla maggior parte dei commercianti. Il commissario europeo al Commercio Peter Mandelson ha presentato un nuovo piano in cui propone di tagliare le tariffe in media del 46%, contro la proposta americana che avrebbe dato un taglio medio del 39%. A prima vista la proposta sembra migliore di quella americana, ma non lo è. Gli americani hanno messo a punto un pacchetto molto più ambizioso e andranno molto oltre in una serie di settori.

Inoltre l'UE vuole poter definire “sensibili” fino all'20% di tutti i prodotti agricoli e quindi avere regole diverse per questi. Secondo gli analisti della Banca Mondiale, questa proposta neutralizza qualsiasi beneficio che i paesi poveri trarrebbero dall’accordo. Il G20 e gli Stati Uniti hanno respinto la proposta dell’UE. Il G75, che comprende numerosi grandi paesi esportatori di prodotti agricoli come Cina, Brasile e India, ha da parte sua presentato una proposta per ridurre le tariffe del XNUMX%. Un altro problema che rende tutto molto confuso è che i diversi pacchetti operano con definizioni diverse. Ciò significa che i singoli beni, dopo essere stati ridefiniti in un altro gruppo, non sono coperti da un dato aggiustamento al ribasso della tariffa.

Mandelson è alle prese con molte opposizioni interne e, tra gli altri, il presidente francese Jacques Chirac ritiene che Mandelson abbia già promesso troppo. Chirac ha minacciato di porre il veto su qualsiasi proposta che richieda ulteriori modifiche rispetto a quanto già concordato. Mandelson, a differenza degli altri rappresentanti commerciali, può negoziare solo sulla base del mandato che ha ricevuto dall'UE. Altri rappresentanti sono più liberi, ma devono “vendere” l'accordo ai rispettivi governi e popolazioni.

Nessuna concessione

Il G20 si è rifiutato di concedere qualsiasi tipo di concessione all’industria o al settore dei servizi finché non si vedrà un reale progresso sui prodotti agricoli. È proprio nel settore dei servizi che l’UE è andata più lontano nell’offrire incentivi. Per avere successo a Hong Kong, l’UE deve cedere sulle tariffe agricole mentre il G20 deve offrire qualcosa sull’industria e sui servizi. Per garantire ciò si sono tenuti numerosi incontri prima di Hong Kong. Non hanno portato avanti. Se uno di essi dovesse fallire a Hong Kong, potrebbe di fatto essere la fine dell’OMC come forum negoziale.

Ora ci sono più parti coinvolte in questi negoziati oltre all’UE, agli Stati Uniti e al G20, e altri gruppi potrebbero finire per spingere nel fosso anche l’OMC. La Norvegia e il Giappone, ad esempio, sono protezionisti almeno quanto l’UE nella politica agricola, ma sono contenti di lasciare che l’UE combatta questo problema in seno all’OMC. Tuttavia, non è chiaro cosa accadranno se l’UE andrà oltre nel soddisfare le richieste del G20 e degli Stati Uniti. Anche molti paesi poveri che hanno accordi speciali con l’UE temono di perdere il mercato europeo se i loro benefici venissero meno.

La distanza sembra lunga fino agli anni '90, quando si parlava in modo caloroso e positivo della "globalizzazione" e di come questa avrebbe risolto tutti i possibili problemi. Oggi il pendolo è tornato verso le politiche protezionistiche. Il presidente George W. Bush ha una scadenza fino alla metà del 2007, quando il Congresso dovrà accelerare la negoziazione di un accordo commerciale. Successivamente entrerà in vigore la procedura ordinaria, che quasi certamente garantirà che l'accordo almeno non verrà approvato prima delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti nel 2008.

Stiglitz ritiene che il rischio che i negoziati nell'OMC di Hong Kong falliscano è forte. Secondo lui i paesi ricchi dovrebbero compiere un gesto simbolico per dimostrare che sono interessati a negoziati reali e non vogliono imporre un cattivo accordo ai paesi poveri.

Ingiusto

I paesi ricchi sono oggi favorevoli alla liberalizzazione del commercio di beni industriali attraverso il sistema dell’OMC, impedendo allo stesso tempo una politica simile sui prodotti agricoli in cui l’Africa ha un cosiddetto vantaggio comparativo. Inoltre, potenti istituzioni come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale stanno facendo pressione sui governi africani affinché rimuovano il modesto sostegno ai piccoli agricoltori poveri e ad un’industria emergente. Gli stessi paesi industrializzati hanno sviluppato la loro industria attraverso una politica protezionistica. Una strategia simile è oggi impossibile da seguire per le autorità africane sotto il regime internazionale prevalente.

Stiglitz è in Inghilterra per promuovere il suo nuovo libro Commercio equo e solidale per tutti, che tratta dei negoziati dell'OMC. In un'intervista al quotidiano inglese The Independent dice che il mondo ricco ha deluso i poveri tornando alle promesse di eliminare i sussidi agricoli. Questi sussidi portano indirettamente diversi milioni di persone a vivere in povertà. Stiglitz vede nei sussidi americani ai produttori di cotone la sfida più grande. Questi sussidi aiutano 25.000 grandi agricoltori americani, ma danneggiano quasi un milione di persone in Africa. Stiglitz afferma che questo caso potrebbe far fallire i negoziati. Egli ritiene che gli Stati Uniti, e in misura minore l'UE, rappresentino un problema in questa materia.

I 148 membri dell'OMC hanno la scadenza del dicembre 2006 per raggiungere un accordo. Sempre più persone credono che non saranno in grado di farlo, e un gruppo crescente crede che non dovrebbero riuscirci. Focus sul Sud globale dice nel suo manuale degli attivisti:

"Qualsiasi accordo che emergerà dai negoziati in corso contribuirà a rafforzare il controllo delle grandi aziende nazionali e multinazionali sulla capacità mondiale in termini di agricoltura, industria, tecnologia e infrastrutture".

In ogni caso: un fallimento dei negoziati potrebbe portare a una politica ancora più protezionistica a livello mondiale.

Potrebbe piacerti anche