Teatro della crudeltà

Pace con Freud 

In una Siria devastata dalla guerra civile, Rafah Nached ha continuato il suo lavoro di psicoanalista. Le costerebbe caro.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Rafah Nached è piccolo di statura, ha i capelli rossi ed è ben vestito. La prima psicoanalista siriana, nata nel 1944 ad Aleppo, vive in esilio a Parigi per il terzo anno; fu mandata in esilio per il suo lavoro e per i suoi libri, testi e conferenze. Nel 2011 è stata arrestata all'aeroporto di Damasco, apparentemente senza motivo. Ufficialmente, si diceva che si fosse opposta al governo di Assad e avesse cospirato contro lo stato siriano

In Siria democrazia, dialogo, libertà di espressione e uguaglianza davanti alla legge sono diventate parole straniere. Anche la lingua è in crisi; le parole hanno perso il loro potere e le armi sono usate al loro posto.

Nached preferisce non parlare della guerra nel suo paese d'origine. Inoltre non vuole parlare di politica: il dolore è troppo grande e i suoi cari sono colpiti troppo gravemente. Forse anche lei è traumatizzata. e l'occultamento è la migliore protezione contro un trauma personale e nazionale. "Posso solo dire qualcosa su ciò a cui ho assistito io stessa", sottolinea: "I media raccontano costantemente una storia sulla Siria diversa da quella che conosco".

L'arresto di Nached è avvenuto dopo che lei aveva dichiarato in un'intervista che tutti, indipendentemente dal punto di vista politico, erano i benvenuti nel suo centro di psicoanalisi in Siria, per condividere i loro sentimenti e le loro paure riguardo alla situazione attuale nel paese. È stata rinchiusa in una prigione femminile vicino a Damasco, dove ha condiviso una cella con 15 donne e bambini per 62 giorni.

In Siria anche la lingua è in crisi; le parole hanno perso il loro potere e al loro posto vengono usate le armi.

Nached è stato rilasciato su cauzione dopo che una petizione internazionale ha raccolto 10 firme a favore del regime siriano. La petizione era guidata dalle autorità francesi e da un gruppo internazionale contro le violazioni dei diritti umani nelle carceri siriane, e l'allora first lady Carla Bruni-Sarkozy si fece portavoce del caso sui media.

Chiedo a Nached se ha paura per la sua sicurezza. «Non adesso che sono qui a Parigi da un po'. Ma sto molto attento a quello che dico e a dove vado. Né sto parlando di cose che potrebbero essere pericolose per chi è rimasto in Siria; quando così tante persone ne parlano, non ne ho bisogno. Ma mi piace discutere il problema della Siria da un punto di vista globale. Adesso ci concentriamo sulla Siria come se il Paese non facesse parte del mondo. Tuttavia, il problema siriano non è regionale; è internazionale. La grande politica ha voluto, ed è riuscita, a isolare la Siria. Sembra che tutti i problemi del mondo siano finiti lì."

Nached è cresciuto in una famiglia musulmana sunnita ad Aleppo. Ha studiato filosofia in Libano presso un'università cattolica, prima di recarsi a Parigi e sostenere l'esame ufficiale di psicologia. A volte sposava il suo connazionale Fayssal Abdallah, professore di storia con la Mesopotamia come campo speciale. Insieme, la coppia sposata ha lasciato la bella vita parigina in favore della propria terra natale.

Nached ha iniziato la sua carriera come psicoanalista nel 1985. All'inizio degli anni 2000, ha fondato la sua scuola a Damasco, l'École Damascène de Psychoanalyse, visitata da molti psicoanalisti internazionali. Nached, che ha scritto ampiamente sulla teoria e sulla pratica analitica, con particolare enfasi su Lacan e Freud, è stato colui che ha introdotto la psicoanalisi in Siria.

Torniamo alla situazione nella Siria di oggi.

"In Siria, all'epoca della rivoluzione, era come preparare il terreno prima della semina: si prende il terreno da qualche parte in profondità e lo si mette in alto in modo che il campo sia fertile. In questo modo gli strati profondi vengono in superficie e allo stesso tempo si possono eliminare le erbacce."

È importante capire quale ruolo può svolgere la psicoanalisi in politica.

Come potresti contribuire come psicoanalista?

"Noi psicoanalisti eravamo nel mezzo di tutto ciò. Mi sono chiesto quale atteggiamento dovremmo avere: restare lì con i nostri pazienti in panchina, oppure fare domande in base ai movimenti sociali che ci circondano? Dovremmo essere coinvolti in quello che è successo?

In Siria si stava verificando un grande sconvolgimento per quanto riguarda le dinamiche tra le persone. Quando le persone hanno manifestato nelle strade, hanno cercato di presentare un nuovo progetto politico: libertà, dignità e unificazione di tutti i siriani. Con questo volevano dire: 'Così vivremo insieme.'"

Allo stesso tempo, ci sono state massicce repressioni e violenze da parte delle autorità, quindi tutti coloro che hanno manifestato hanno dovuto fare i conti con la morte ovunque – un flusso continuo di morti."

Chiedo allo psicanalista dove si trova il suo soggetto ad oggi entrambi in Medio Oriente e in altre parti del mondo.

"La rivoluzione ha sollevato nuove domande su cosa dovrebbero fare gli psicoanalisti nel mondo di oggi, una questione molto importante. Non si tratta se gli psicoanalisti debbano impegnarsi in politica, ma di capire quale ruolo la psicoanalisi può svolgere all’interno della politica, cioè delle relazioni sociali in una data società, compresa quella internazionale. Voglio che la psicoanalisi svolga un ruolo maggiore in politica.

Non c'è soluzione. Ma c’è una ricerca comune di una soluzione, che è nata con la creazione delle Nazioni Unite. Ora, però, assistiamo a una sconfitta internazionale”.

Ho letto che in Siria non si può dire “io” o “no”. È giusto? 

"Era davvero una questione di 'io' e 'noi', che ha influenzato la psicoanalisi ovunque nel mondo. Questo “io” e questo “noi” hanno luogo nel subconscio, con il quale la psicoanalisi ci permette di lavorare un po'. In questo modo, può mostrare l’impatto della guerra sull’individuo e sulla società. Ecco perché credo che la psicoanalisi debba alzare la voce nella Siria di oggi."

In un mondo di bugie, ribellione, corruzione, guerra e terrore, Nached ha cercato di stabilire una piattaforma per la pace tra i popoli e il dialogo come terreno fertile per lo sviluppo, la libertà e l’interazione. Ha sfidato tutto ciò che rappresentano la dittatura della Siria e il regime di Assad, attraverso il lavoro della sua vita per la libertà di parola, l'io individuale e la psiche umana in un paese completamente bombardato dopo cinque anni di guerra civile. L’unica cosa che le è rimasta è una fatwa e l’esclusione dalla società siriana. Quando ciò accadde,
aveva lavorato per una Siria migliore per 26 anni.

"La Primavera Freudiana" è la mia visione per una Primavera Araba e un futuro nuovi e migliori.

Si dice che lei creda in una primavera freudiana in Medio Oriente. Puoi cambiare il mondo attraverso il tuo lavoro con l'individuo? 

“Non sto cambiando il mondo – sarebbe pretenzioso affermarlo. Ma posso dire qualcosa in più su ciò che accade nel mondo e nelle persone, e contribuire così a rendere il mondo un posto migliore – un luogo dove l’individuo non è manipolato dalla famiglia o dalla politica, ma può essere indipendente e libero nel profondo. se stesso e capace di dire "sì" e "no". 'La Primavera Freudiana' è la mia visione per una Primavera Araba e un futuro nuovi e migliori."

L'intervista è un estratto abbreviato e modificato dal libro Uncensored, stampato con il permesso dell'autore e dell'editore. 

Potrebbe piacerti anche