Teatro della crudeltà

Privati ​​del permesso di soggiorno dopo la rottura

Dopo anni di gravi abusi, Zufan ha fatto il grande passo e si è staccata dal marito violento. La risposta della Norvegia è di mandarla fuori dal paese.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Dopo diversi anni di abusi mentali e fisici, Zulfan riuscì finalmente a staccarsi dal matrimonio. Era venuta in Norvegia per il ricongiungimento familiare dall'Etiopia nel 2010, e quindi aveva chiesto un permesso di soggiorno in autonomia dopo la rottura.

Ma poiché il marito ha perso il lavoro dopo che Zufan è arrivato in Norvegia e quindi non soddisfaceva la base di reddito per il ricongiungimento familiare, il caso della donna maltrattata non è stato trattato nel merito fino a quando il suo permesso di soggiorno non è stato annullato. Ora Zufan rischia di essere espulsa dalla Norvegia senza che il suo caso venga esaminato.

“Mio marito mi ha trattata come se fossi una schiava. Controllava tutto quello che facevo e mi usava quando voleva. Mi ha costretto a fare tutto per lui. Mi ha distrutto mentalmente e mi ha detto più volte quanto fossi brutto e stupido. Mi ha fatto star male," dice Zufan a Ny Tid.

Parla a bassa voce e tiene gli occhi fissi sul tavolo davanti a lei. Per paura di essere riconosciuta ha scelto di usare un altro nome in questo articolo. Da quando ha divorziato dal marito nel 2013, vive con un amico nella stessa città. Gli anni di abusi mentali e fisici l'hanno portata a essere spesso curata da uno psichiatra, oltre a ricevere cure farmacologiche. Ha ancora paura di incontrare il suo ex marito per strada. "Non oso uscire da sola, ho tanta paura di incontrarlo. Provo dolore fisico e mentale quando parlo di ciò a cui mi ha esposto. Anche solo essere qui oggi è una sfida. Ho paura che mi contatterà", dice Zufan.

Lei e il suo ex marito si sono conosciuti tramite conoscenti comuni in Etiopia e si sono sposati nel 2010. L'anno successivo il marito, che già viveva in Norvegia, ha chiesto il ricongiungimento familiare, così Zufan poteva venire a vivere lì con lui. Zufan ha viaggiato dal piccolo negozio che gestiva in Etiopia alla Norvegia, dove suo marito la stava aspettando.

"All'inizio sembrava un uomo gentile e buono. Non ho avuto remore ad andare in Norvegia a vivere con l'uomo che avevo sposato. La vita in Etiopia era bella, non ho dovuto lottare con gli stessi problemi che ho adesso," spiega Zufan.

Tuttavia, non passò molto tempo prima che la situazione cambiasse. "Quando sono arrivato in Norvegia, non mi ha dato le chiavi di casa e sono dovuto restare a casa tutto il tempo. Mi era proibito uscire, tranne le volte in cui andavo a un corso di norvegese. Se avessi fatto qualcosa che non gli piaceva, le conseguenze sarebbero state enormi. Non riuscivo a dormire e sono diventato gravemente depresso," dice Zufan. Spesso stava fuori casa e aspettava che suo marito tornasse a casa per aprire la porta.

Col passare del tempo, Zufan divenne sempre più degradato. È stata licenziata dal corso di norvegese che frequentava e non ha più funzionato nella vita di tutti i giorni. Alla fine, la situazione di Zufan era così grave che un'amica che aveva conosciuto tramite quell'uomo ha deciso di andarla a prendere. "Zufan era molto malata quando l'ho portata a prendere", dice la sua amica Warku. “Adesso sta meglio. Si sta andando avanti lentamente. Ma c’è anche molta strada da fare”, dice.

Rifiuto. Zufan dice che la famiglia del suo ex marito in Etiopia l'ha giudicata duramente a causa del divorzio e che teme che le faranno qualcosa se dovrà tornare lì. "In Etiopia divorziare non è comune, non è accettato. Il mio ex marito ha parenti in Etiopia e so che sono arrabbiati con me per aver scelto di divorziare. Se scoprono che sono in Etiopia, ho paura che mi uccidano", dice Zufan.

Fu nel 2013 che Zufan, dopo che Warku entrò in azione, decise di separarsi dal marito. Nel dicembre dello stesso anno ha presentato domanda alla Direzione dell'Immigrazione (UDI) per ottenere la residenza in Norvegia su base indipendente. Nel frattempo, però, l'uomo era diventato disoccupato e quindi non soddisfaceva più i requisiti di reddito per le persone che desiderano il ricongiungimento familiare in Norvegia, come avveniva quando Zufan arrivò nel paese. Come regola generale, una persona che desidera richiedere il ricongiungimento familiare in Norvegia deve avere un reddito minimo di 251 NOK all'anno. Il permesso di soggiorno ottenuto da Zufan a seguito del ricongiungimento familiare è stato quindi revocato dalle autorità norvegesi. Ciò l'ha privata anche della possibilità di richiedere la residenza in modo indipendente. Nel febbraio di quest’anno, la smentita è arrivata dall’UDI:

"L'UDI non ha deciso se il richiedente abbia subito maltrattamenti durante la convivenza ai sensi della legge sull'immigrazione. Segnaliamo che le condizioni per l'autorizzazione secondo questa disposizione non sono ancora soddisfatte. …”

Quando la cosiddetta disposizione sugli abusi è stata approvata come legge nel 2010, è stata posta particolare enfasi sulla fiducia delle donne coinvolte in relazioni violente di poter staccarsi dai matrimoni violenti senza timore di perdere il permesso di soggiorno in Norvegia. Nei lavori preparatori della legge, il Ministero della Giustizia ha scritto, tra l'altro, quanto segue:

"Il Dipartimento attribuisce un'importanza decisiva al fatto che le persone esposte a maltrattamenti non debbano percepire il provvedimento come una linea di condotta incerta, e rimanere così in una convivenza dannosa per paura di perdere il permesso di soggiorno. È quindi importante che la disposizione appaia come una chiara disposizione di diritti nei confronti del gruppo target."

Il risultato è stato che la disposizione sui maltrattamenti è diventata la sezione 53 della legge sull'immigrazione sul "Permesso di soggiorno continuativo su base indipendente". Questa sezione stabilisce che al soggetto di derivazione a cui è stato concesso un permesso di soggiorno per ricongiungimento con il coniuge o convivente deve essere rilasciato in via autonoma un nuovo permesso di soggiorno se la convivenza è cessata e vi è motivo di ritenere che vi sia stato un abuso nella relazione. Ciò vale anche nel caso in cui la persona possa avere problemi nel proprio paese d'origine a seguito della separazione.

Dal 2010, tuttavia, dei 509 che hanno fatto domanda di residenza in Norvegia su questa base, 253 persone si sono viste respingere la domanda.

Effetto opposto. Georg Schjerven Hansen dell'organizzazione Self-help for Refugees (SEIF) è preoccupato per l'elevato numero di rifiuti in questi casi. "In questo caso è particolarmente spaventoso che le autorità creditizie utilizzino le formalità come scusa per non decidere nemmeno se la donna ha subito abusi nella relazione", dice Schjerven Hansen a Ny Tid. "Lo scopo del provvedimento era quello di tutelare giuridicamente contro gli abusi, e non doveva avere niente a che vedere con il reddito dell'uomo. Invece vediamo che le autorità per l’immigrazione trovano costantemente nuovi modi per rifiutare," dice.

Schjerven Hansen afferma che la SEIF ha assistito più volte a casi in cui le autorità per l'immigrazione si sono rifiutate sulla base di "dubbi sul fatto che la donna sia stata maltrattata ai sensi della legge sull'immigrazione", o che il maltrattamento "non sia durato abbastanza a lungo" ed è cancellati come incidenti isolati e disaccordi nel matrimonio. "Ma il fatto che l'abuso non venga nemmeno preso in considerazione perché l'aggressore ha perso il lavoro è la cosa più importante", dice. La sua esperienza è che, in generale, ci vuole molto per ottenere la residenza ai sensi della sezione 53 dell'Immigration Act. "Da quando esiste questa disposizione, abbiamo visto molti tentativi creativi sia da parte dell'UDI che da parte dell'Immigration Board (UNE). aggirare questa sezione», dice, e sottolinea che questo atteggiamento evasivo colpisce un gruppo già molto vulnerabile: «Molti degli immigrati maltrattati nella loro relazione hanno paura di non essere creduti, non conoscono le regole e hanno paura di rivolgersi alla polizia. I segnali che le autorità creditizie inviano rifiutando per motivi come questo portano ancora meno persone a scegliere di rivolgersi alla polizia. Ciò è completamente in contrasto con gli obiettivi politici", afferma Schjerven Hansen.

Aumento del requisito di residenza? Il 15 maggio è scaduto il termine per la consultazione sulla proposta del governo di modificare da tre a cinque anni la durata del permesso di soggiorno permanente in Norvegia. La proposta ha ricevuto critiche da diverse organizzazioni che lavorano con le questioni relative all’immigrazione e all’asilo. Schjerven Hansen teme che il provvedimento renda più difficile la rottura delle relazioni violente. "Si tratta di una stretta che darà maggiore incertezza alle persone in situazioni difficili. Per le donne e gli uomini vittime di abusi la rottura con l'aggressore sarà ancora più difficile", afferma Schjerven Hansen.

Il Ministero della Giustizia e della Preparazione alle Emergenze dice a Ny Tid di avere fiducia che l’amministrazione per l’immigrazione applichi le normative nel modo giusto. "Il dipartimento presuppone che le autorità per l'immigrazione trattino questi casi secondo le norme attuali", afferma il consulente per la comunicazione del dipartimento presso Andreas Skjøld Lorange. "Le decisioni sui rifiuti dell'UDI possono essere impugnate presso l'UNE. I rifiuti dell'UNE possono essere portati davanti al tribunale", dice. Egli sottolinea che nella lettera di consultazione inviata in relazione alla possibile modifica del tempo di soggiorno, il Ministero tiene conto in particolare delle conseguenze negative che un cambiamento della legge può avere per le persone esposte alla violenza nelle relazioni: "In Nella lettera di consultazione, il ministero ha chiesto specificamente agli organi di consultazione un contributo relativo a eventuali conseguenze negative della proposta per gli stranieri che subiscono maltrattamenti nelle relazioni di convivenza, compreso un contributo su possibili misure attenuanti", conclude Schjøld Lorrange.

Carima Tirillsdottir Heinesen
Carima Tirillsdottir Heinesen
Ex giornalista in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche