Ordina qui l'edizione estiva

Da Bretton Woods all'OMC

L'Organizzazione Mondiale del Commercio deve sopportare molte critiche. Ma cos'è l'OMC?

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Prima della seconda guerra mondiale, non esisteva alcuna organizzazione o accordo che fornisse regole e accordi di cooperazione per l'economia e il commercio internazionale. C'era un gran numero di accordi bilaterali e le autorità del singolo paese potevano introdurre esse stesse misure che ritenevano necessarie per salvaguardare i propri interessi economici. Questo è stato spesso utilizzato per proteggere la produzione del paese dalla concorrenza esterna, sotto forma di misure di limitazione delle importazioni, deprezzamento continuo delle valute e simili. Alla base erano spesso considerazioni a brevissimo termine per i singoli settori. Il risultato è stato un circolo vizioso in cui la maggior parte delle persone ha perso, con conseguenti recessioni economiche e disoccupazione di massa.

Queste esperienze portarono un certo numero di paesi a incontrarsi a Bretton Woods nel New Hampshire negli Stati Uniti nel 1944 – i cosiddetti negoziati di Bretton Woods – che miravano a stabilire le regole del gioco sia per il commercio che per la politica economica. I negoziati hanno portato, tra l'altro, alla creazione della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale (FMI). Nel settore del commercio, i negoziati si sono arenati sull'opposizione del Congresso degli Stati Uniti. Sono quindi finiti con l'Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT) invece di un'Organizzazione del commercio internazionale (ITO). Il GATT era principalmente un quadro formalmente vincolante in cui le parti concordavano obblighi reciproci sulle riduzioni tariffarie per le merci insieme ai principi commerciali di base. Il GATT è stato firmato il 30 ottobre 1947 ed è entrato in vigore il 1° gennaio 1948. La Norvegia è stata coinvolta fin dall'inizio.

Il sistema commerciale multilaterale si è evoluto attraverso otto cosiddetti "round". I primi round si sono concentrati sulle riduzioni tariffarie per i beni industriali. A partire dal Tokyo Round negli anni '1970, il corpus di accordi si è gradualmente sviluppato per contenere anche regole in settori quali ostacoli tecnici al commercio, licenze di importazione, sovvenzioni, antidumping e altro ancora. L'Uruguay Round negli anni '80 e '90 è stato una pietra miliare nello sviluppo del sistema commerciale multilaterale. L'OMC è stata istituita il 1° gennaio 1995. È stata elaborata una serie di regolamenti per il commercio di servizi basati sugli stessi principi del commercio di merci. È stato inoltre negoziato un accordo agricolo separato. È stato elaborato un regolamento per la protezione dei diritti intellettuali legati al commercio (TRIPS) ed è stato notevolmente rafforzato il sistema di risoluzione delle controversie. L'istituzione dell'OMC ha segnato anche la fine dell'Uruguay Round. Oggi, l'OMC è l'unica organizzazione globale che regola il commercio tra Stati. Con l'istituzione dell'OMC, i membri si sono impegnati a negoziare un'ulteriore liberalizzazione e relative regole, principalmente nel settore dei servizi e dell'agricoltura. L'agricoltura in particolare, tuttavia, si è rivelata un problema.

Organo per la risoluzione dei conflitti

Le procedure di risoluzione delle controversie dell'OMC pongono grande enfasi sulla consultazione tra le parti. In un certo numero di casi, le parti trovano soluzioni amichevoli nell'ambito dei regolamenti dell'OMC. Se un membro non rispetta le regole, gli altri membri possono sottoporre il caso specifico all'organo di risoluzione delle controversie dell'OMC. Il sistema di risoluzione delle controversie nell'OMC copre tutti e tre i pilastri principali, beni, servizi e TRIPS. Il processo può svolgersi in più fasi, dalle consultazioni informali alla decisione in un "panel" o eventualmente a uno speciale organo di ricorso. Sia il collegio che l'organo di ricorso sono composti da esperti indipendenti. L'OMC è molto più potente rispetto al suo predecessore GATT, in quanto nel GATT vi era un requisito per l'unanimità al fine di adottare una relazione da collegi/corpi d'appello. In seno all'OMC, la relazione viene ora adottata automaticamente dall'organo di risoluzione delle controversie se non vi è accordo contrario.

Sono state fissate scadenze chiare per il follow-up nazionale di tali segnalazioni, ad esempio sotto forma di revoca delle misure ritenute contrarie ai regolamenti. Uno Stato membro che eventualmente non si conforma alle conclusioni di tale trattamento, o non fornisce un risarcimento, sarà legalmente soggetto a misure punitive. Tutti i membri utilizzano il sistema di risoluzione delle controversie. Questo sistema è esso stesso soggetto a modifiche in linea con gli altri sviluppi dell'organizzazione.

Un principio guida è quello di garantire condizioni quadro prevedibili e che nessun partner commerciale debba essere discriminato. Due termini sono fondamentali:

Migliore elaborazione dei termini (Most Favored Nation Treatment – MFN): i benefici concessi a un membro (es. riduzione o esenzione da dazi doganali o tasse) devono essere applicati a tutti gli altri membri dell'OMC.

Trattamento nazionale: i beni e servizi importati non devono ricevere un trattamento meno favorevole attraverso leggi e regolamenti nazionali rispetto a quello concesso ai corrispondenti beni e servizi nazionali.

Sono consentite eccezioni al principio della parità di trattamento quando i membri, individualmente o in gruppo, si spingono oltre nella liberalizzazione delle loro relazioni economiche stipulando accordi di libero scambio regionali o bilaterali, come, ad esempio, la Norvegia e l'UE hanno fatto nell'accordo SEE. Un'altra eccezione è la discriminazione positiva a favore dei paesi in via di sviluppo.

Sesto di fila

L'organo supremo dell'OMC è la Conferenza ministeriale, che si tiene ogni due anni. La prima si è svolta a Singapore nel 1996, la successiva è stata abbinata alle celebrazioni del 50° anniversario nel 1998 e si è svolta a Ginevra. La terza conferenza ministeriale si è tenuta a Seattle nel 1999. La quarta conferenza ministeriale si è svolta a Doha, in Qatar, alla fine del 2001. La quinta conferenza ministeriale si è tenuta a Cancùn, in Messico, nel 2003. La sesta si terrà a Hong Kong adesso. Le attività quotidiane sono gestite dai rappresentanti degli Stati membri nel consiglio principale e nei suoi organi subordinati. I membri sono assistiti dal segretariato dell'OMC, guidato da un direttore generale. L'attuale direttore generale dell'OMC è il francese Pascal Lamy, ed è il quinto direttore generale consecutivo.

33 si uniranno

L'espansione dell'OMC riflette lo sviluppo globale che ha portato la maggior parte dei paesi del mondo ad aderire al sistema commerciale internazionale aperto e basato su regole. L'OMC conta attualmente 148 membri. Nell'elenco dei candidati troviamo 33 paesi. Questi attualmente soddisfano solo lo status di osservatore. Tra questi troviamo Bosnia, Russia, Arabia Saudita, Iran, Iraq, Sudan, Ucraina, Vietnam e Yemen.

L'aumento del numero dei membri dell'OMC ha portato la maggior parte dei membri a essere paesi in via di sviluppo. La loro quota nel commercio mondiale è ancora piccola, ma i membri lavorano insieme per integrarsi maggiormente nel commercio internazionale. Ciò accade, tra l'altro, perché i paesi in via di sviluppo beneficiano di disposizioni transitorie per avere più tempo per adempiere ai propri obblighi a livello nazionale, pur conservando tutti i diritti. I paesi industrializzati si sono impegnati a fornire assistenza tecnica e professionale ai paesi in via di sviluppo.

Potrebbe piacerti anche