Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Dall'oscurità dell'anima

A livello internazionale, è considerato una leggenda, ma in Norvegia pochi hanno sentito parlare del fotografo di guerra Stanley Greene, morto all'inizio di quest'anno.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Come vivere una vita normale dopo aver coperto gli atti di guerra più crudeli?

Viene mostrato uno degli ultimi giorni del film del South Festival di Oslo Gli ultimi uomini ad Aleppo dal regista Feras Fayyad. È quasi incomprensibile che la città che ho visitato nel novembre 2008 sia ora in rovina. A quel tempo ho sperimentato un calore nei residenti di Aleppo che rivedo nel documentario acclamato dalla critica, dove ci avviciniamo a "The White Helmets" – un gruppo di uomini che cercano di salvare i civili dopo gli attacchi aerei. Gli ultimi uomini ad Aleppo è un ritratto unico di amicizia e presenza in un terribile giorno di guerra con la perdita quotidiana di qualcuno che ami.

Stanley Greene, AFP Photo / Valery Hache

La capacità di vedere. Come il regista del film, il fotografo Stanley Greene, recentemente scomparso, ha ritratto la situazione ad Aleppo durante gli anni della guerra. Entrambi mostrano la capacità di vedere davvero le persone che ritraggono prendendo sul serio loro e la loro situazione di vita. La fotografia e il cinema sono mezzi potenti che, senza passare attraverso le possibili insidie ​​delle parole, influenzano direttamente la nostra vita emotiva. Per creare una buona immagine sono necessari intelligenza, un cuore presente e impegnato e, cosa più importante, un atteggiamento umano, ha detto Greene.

Dal 1989 fino alla sua morte, il fotografo ha consegnato le ultime notizie dai paesi devastati dalla guerra ai lettori di giornali americani ed europei. Ha lasciato ad altri per coprire i lati più piacevoli della vita; anche lui voleva puntare la telecamera verso la stanza più buia dell'anima. Le immagini di Greene sono crude e dirette, ma non solo. Molti hanno anche qualcosa di poetico su di loro o portano una storia. La conoscenza della pittura di Greene è chiaramente presente in molti dei dipinti. Il fotografo ha anche fornito ritratti di donne in guerra, soprattutto dalla Cecenia, che conosceva bene dopo aver lavorato nel paese per un decennio. "Ogni volta che mi veniva offerto un lavoro in Cecenia, ero pronto a partire in men che non si dica", scrive nel libro Passaporto nero (2010).

- annuncio pubblicitario -

Ridare. Greene (1949–2017) è nata a New York, figlia di genitori di attori politicamente attivi. Da giovane, è stato coinvolto nel gruppo per i diritti civili Black Panthers, che ha combattuto per maggiori diritti per gli afroamericani come lui. Tramite la sua allora ragazza, è stato presentato alla leggenda della fotografia W. Eugene Smith, che gli ha consigliato di studiare fotografia. Dopo la laurea, Greene si recò a Parigi, che divenne la sua base fino alla sua morte. Negli anni '80 lavorava come fotografo di moda, ma la morte per AIDS di un amico e il ricordo delle parole del mentore sull'importanza della restituzione hanno portato Greene a cambiare rotta e dedicare il resto della sua vita al fotogiornalismo.

"Il cerchio è finito quando sono morto per me stesso."
Stanley Greene

Durante i successivi dieci anni di lavoro in Cecenia, Greene ha sentito il dilemma di qualsiasi fotografo di guerra: come vivere una vita normale dopo aver coperto gli atti di guerra più atroci? Dopo aver assistito a eventi drammatici, una vita nel normale forte può sembrare superficiale e priva di significato. Gli stress e le tensioni, come quelli di Goma, si stabiliscono nel midollo spinale. Immagini e ricordi di cadaveri in decomposizione ti perseguitano.

Greene lottava con la coscienza sporca ogni volta che si divertiva e non voleva parlare di ciò che aveva visto, ma si chiudeva. Alla fine, tuttavia, riuscì a calmarsi e ad accettare com'era il mondo. Ha iniziato a giocare con l'idea di una vita normale, di sposarsi, avere figli. Ma poi è andato a Falluja, in Iraq, nel marzo 2004.

Dal Museo Paul-Dupuy di Tolosa, giugno 2017 durante il festival fotografico di Tolosa. FOTO AFP / ERIC CABANIS

Un'altra situazione. Quando è arrivato a Fallujah, quattro imprenditori americani della compagnia Blackwater sono stati uccisi la stessa mattina. Mentre Greene era presente come uno dei pochissimi giornalisti occidentali, i corpi sono stati dati alle fiamme. Le persone intorno stavano in piedi quasi come si fa intorno a un barbecue, in attesa del cibo. Alcuni hanno iniziato a tagliare i cadaveri per ottenere souvenir. Cosa stavano pensando gli abitanti del posto, dove alcuni guardavano altrove, altri sorridevano? Che gli americani avessero ottenuto ciò che si meritavano? I corpi bruciati una volta erano persone viventi; ora non erano niente. Come hanno gestito Greene ei suoi colleghi situazioni come questa? E le persone che crescono in tali condizioni? Quanto sono giovani quando "muoiono" emotivamente? Possono evitare di diventare insensibili, immuni a eventi in cui la vita umana non ha valore? Greene ha fotografato senza emozione, si disse, preoccupato di comporre correttamente le immagini. Le foto sono state inviate a casa: erano esclusive e lui ci ha guadagnato molto. "Il cerchio è finito quando sono morto per me stesso." Le sue foto erano troppo lunghe per essere stampate sul giornale del mattino: i cadaveri americani maltrattati non vengono mostrati a colazione.

Per creare una buona immagine sono necessari intelligenza, un cuore presente e impegnato e, cosa più importante, un atteggiamento umano, ha detto Greene.

Cosa possiamo tollerare? Una delle immagini di Fallujah di Greene è stampata nel libro di Michael Kamber Fotoreporter sulla guerra. Le storie mai raccontate dall'Iraq (2013), con interviste e foto di 39 fotografi iracheni. I testimoni di guerra altrimenti silenziosi descrivono qui le condizioni di lavoro in cui vivono i giornalisti di guerra, in guerre senza prima linea e con azioni sanguinose in mezzo alla gente comune. Greene afferma che le condizioni di lavoro sono cambiate molto dal 1989 ad oggi. "All'inizio eravamo romantici, ma non puoi più romanticizzare i talebani e Hezbollah [Loro] hanno i loro programmi e possono cambiare emotivamente in pochissimo tempo".

Stanley Greene è stato attivo fino a tempi recenti. Ad aprile, il mese prima di morire, si è recato nella parte settentrionale della Russia per avviare un progetto in occasione del centenario della rivoluzione russa.

Kaisa Ytterhaug
Ytterhaug è un libero professionista a Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.