Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Foucault e il neoliberismo

Agora nn. 3–4
Forfatter: Agora
Forlag: Aschehoug (Norge)

FILOSOFIA: Poco dopo la magnifica pubblicazione di Agora sul populismo, la rivista fa seguito a una pubblicazione ancora più densa. Questa volta si tratta di Michel Foucault e della sua serie di conferenze pionieristiche sul neoliberismo.

È sempre affascinante incontrare nuovi tentativi di illuminare i concetti e le analisi di Foucault. Mi muovo in questo paesaggio da 25 anni. Lungo la strada, ho pubblicato un libro introduttivo sull'universo analitico di Foucault, mentre la mia ricerca è stata sempre più influenzata dalle sue serie di conferenze sulla storia dell'arte del management, tenute nella primavera del 1978 e del 1979.

In altre parole, mi trovo in un terreno familiare. Tuttavia, i testi riescono Agora n. 3–4 2020 per creare nuove riflessioni. In diversi punti, penso che gli elementi che vengono evidenziati, il punto di vista in cui sono visti e le interpretazioni a cui porta, siano entrambi stimolanti, eccitanti e arricchenti.

La lunga storia dell'arte del management

È importante avvicinarsi alla scrittura di Foucault con una mente aperta. I suoi testi non sono creati per persone non verniciate che vogliono risposte chiare e teorie fisse. Al contrario, incontriamo un autore che viene costantemente spinto avanti, che pone nuove domande e cerca nuove sfumature. Foucault si riferisce a se stesso in linea con il granchio, che si muove di lato e quindi può guardare la stessa cosa da angolazioni sempre nuove.

In questo paesaggio ricco di sfumature e in movimento, non esiste una formula semplice che riassuma il progetto di Foucault. Questo è ovvio se lo sguardo spazia sull'intera paternità, ma lo vediamo anche quando Agora si concentra sulle conferenze neoliberiste del 1979. Oltre alle traduzioni di due conferenze di Foucault, nonché a una serie di saggi e recensioni di libri, la rivista contiene sei testi scritti di recente. Cinque di questi riguardano il neoliberismo, uno dei quali è stato scritto da me. Ovviamente non devo valutarlo.

- annuncio pubblicitario -

Prima di entrare nei singoli testi, si può dire che tutti hanno una rivisitazione delle lezioni neoliberiste di Foucault. La varietà delle presentazioni apre sia all'apprendimento che alla riflessione e alla discussione. Inoltre, alcuni di noi hanno incluso le conferenze del 1978, che abbracciano la più lunga storia dell'arte di governare, dal potere pastorale attraverso Gesù e la Chiesa cattolica all'emergere della ragione statale e quindi del liberalismo. Molti dei contributi si ricollegano anche ad argomenti trattati nei libri precedenti di Foucault, come la disciplina e il biopotere – mentre il suo pensiero è visto in rilievo, tra le altre cose, il marxismo e la teoria critica.

Economia dell'innovazione

Con questo sfondo, facciamo un attento tuffo negli articoli di Arne Johan Vetlesen, Knut Ove Eliassen, Sigurd Oppegaard e Kristin Asdal. Cominciamo con l'outsider. Lo stesso Arne Johan Vetlesen afferma di entrare nella materia dall'esterno e di dedicare tempo a una lettura approfondita delle lezioni neoliberiste. Fa un grande e consapevole tentativo di capire Foucault, ma quando considera ciò che ha letto, diventa chiaro che non è completamente dentro la sostanza. Per esempio, dice che c'è una netta distinzione tra idee e conseguenze nell'analisi di Foucault, ma questo non è vero. L'analisi non è una pura analisi dell'idea. Ciò che mette in evidenza sono le pratiche discorsive, dove sono precisamente gli effetti che modellano la realtà che sono importanti.

Aumentiamo il nostro capitale umano e ci configuriamo come un'azienda che massimizza i profitti.

Il mio consiglio a Vetlesen è quindi di leggere l'articolo di Kristin Asdal, mentre cerca di chiarire il metodo di Foucault: cosa sta cercando di ottenere? Qual è la sua strategia di ricerca? Come procede a fare le sue analisi? Il vantaggio del suo punto di vista è che non rimaniamo bloccati in ciò che disse Foucault nel 1979. Per me, questo è un punto cruciale. Chiunque voglia essere ispirato da Foucault non può elevare i suoi concetti, analisi e conclusioni a verità eterne. Se vogliamo prendere sul serio il suo pensiero, dobbiamo essere in grado di porre le nostre domande, ai nostri contemporanei.

Quando Asdal fa questo, il suo pensiero porta nella direzione che dovremmo piuttosto parlare di "economia dell'innovazione" piuttosto che di neoliberismo. Le caratteristiche che scrive qui sono in gran parte legate agli elementi evidenziati da Foucault, come il capitale umano, l'enfasi sul fatto che dovremmo essere tutti imprenditori e che le dinamiche dell'economia devono essere applicate nella società nel suo insieme. Ma non è un dato di fatto le relazioni tra questi elementi sono gli stessi oggi. Questo è analiticamente importante. Può essere lo stesso, ma quando i collegamenti cambiano, la realtà diventa diversa.

Riflessione e strumenti

Un buon modo per evitare di essere troppo miopi è guardare i diversi pensatori l'uno contro l'altro. Sigurd Oppegaard apre qui una porta interessante, mentre confronta l'analisi del neoliberismo di Foucault con la teoria della società di controllo di Gilles Deleuze. Nell'incontro tra questi due, capiamo che ciò che viene illuminato è una forma di potere che non riguarda né disciplina né totalizzazione. Piuttosto, ci troviamo di fronte a un potere volto a stimolare un'attività dinamica, in cui aumentiamo il nostro capitale umano e ci modelliamo come imprese che massimizzano il profitto.

In linea con l'arte della pittura, l'arte del controllo richiede non solo il pensiero e la riflessione, ma
anche strumenti e tecniche.

Quando Oppegaard traduce "mentalità governativa" (o "governamentalità") in razionalità governativa, devo ancora protestare. Questo concetto chiave è un gioco di parole che intreccia due parole diverse. È stato creato per catturare una pratica, qualcosa che facciamo quando partecipiamo a riflessioni e modelliamo misure di controllo complesse (ad esempio, contare i margini nel mondo accademico o le quote climatiche in campo ambientale). Non esiste una buona traduzione norvegese del termine, ma se dovessimo scegliere qualcosa, preferisco art. In linea con l'arte della pittura, l'arte del controllo richiede non solo pensiero e riflessione, ma anche strumenti e tecniche. È così che veniamo introdotti in un mondo che non fa distinzione tra conoscenza e potere, riflessione e pratica, ma abbraccia entrambe le parti, in reciproca rottura, scambio e simbiosi tra loro. Questo è importante per chiunque voglia capire il pensiero di Foucault.

Troviamo questa prospettiva in uno dei grandi del paesaggio norvegese di Foucault. I testi di Knut Ove Eliassen sono esigenti da leggere, ma tanto più istruttivi e chiarificatori, forse soprattutto per quelli di noi che hanno letto un po 'di Foucault da soli. L'articolo di Eliassen riesce a presentare l'impatto teorico del neoliberismo in modi che mi fanno pensare "certo, è così". In particolare, l'enfasi sul mercato, la concorrenza e il capitale umano come concetti chiave apre a buone riflessioni. Allo stesso tempo, trovo sfumature che valga la pena di problematizzare, ma sono troppo complesse per essere discusse in una breve recensione.

In breve: mi sono divertito molto a leggere l'ultima Agora. Qui sono stati forniti testi significativi non solo per la comprensione di Foucault, ma anche per riflessioni sul nostro tempo.

Svein Hammer
Hammer è un dr.polit. in sociologia e revisore regolare in Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Ultimi articoli

Giornalismo / Il giornalista di scavo Seymour Hersh – un modelloTra i migliori, regna il giornalista americano Seymour Hersh (83). È annerito sia sul fianco destro che su quello sinistro, ma non si pente di nulla.
Notifica / Il governo non ha rafforzato la protezione degli informatoriIl governo non ha dato seguito alla proposta del comitato di notifica, né al proprio difensore civico per le notifiche né al proprio comitato di notifica.
Finanza / Socialismo nordico – Verso un'economia democratica (di Pelle Dragsted)Dragsted ha una serie di suggerimenti su come i dipendenti possono ottenere una quota maggiore della "torta della comunità" – ad es. chiudendoli nelle stanze dei dirigenti aziendali.
Il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite / Segreti ufficiali (di Gavin Hood)Katharine Gun ha fatto trapelare informazioni sulla richiesta della NSA al servizio di intelligence britannico GCHQ di spiare i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in relazione alla prevista invasione dell'Iraq.
3 libri sull'ecologia / I gilet gialli hanno il pavimento, ... (di Mads Christoffersen, ...)Dai Gilet Gialli vennero nuove forme di organizzazione all'interno delle funzioni di produzione, alloggio e consumo. E con "Decrescita", a partire da azioni molto semplici come la protezione dell'acqua, dell'aria e del suolo. E il locale?
Società / Crollo (di Carlos Taibo)Ci sono molte indicazioni che si avvicina un crollo definitivo. Per molte persone il crollo è già un dato di fatto.
Chic radicale / Desiderio postcapitalista: le lezioni finali (di Mark Fisher (ed.) Introduzione di Matt Colquhoun)Se la sinistra vuole diventare di nuovo dominante, deve, secondo Mark Fisher, abbracciare i desideri che sono emersi sotto il capitalismo, non solo respingerli. La sinistra dovrebbe coltivare tecnologia, automazione, giornata lavorativa ridotta ed espressioni estetiche popolari come la moda.
Clima / 70 / 30 (di Phie Amb)Il film di apertura al Copenhagen DOX: i giovani hanno influenzato le scelte climatiche della politica, ma Ida Auken è il punto focale più importante del film.
Saggio / Ero completamente fuori dal mondoL'autrice Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale porta, tra le altre cose, al cervello che non è in grado di smorzare impressioni ed emozioni.
Prio / Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricercaMolti di coloro che mettono in dubbio la legittimità delle guerre statunitensi sembrano subire pressioni dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Istituto per la ricerca sulla pace (PRIO), che ha avuto ricercatori che sono stati storicamente critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che a malapena sono appartenuti agli amici intimi delle armi nucleari.
Spagna / La Spagna è uno stato terrorista?Il paese riceve aspre critiche internazionali per l'ampio uso della tortura da parte della polizia e della guardia civile, che non viene mai perseguito. I ribelli del regime sono imprigionati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.
Covid19 / Vaccino coercitivo all'ombra della crisi della corona (di Trond Skaftnesmo)Non c'è un vero scetticismo da parte del settore pubblico sul vaccino coronarico: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive riguardo al vaccino. Ma l'abbraccio del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?
Militare / I comandanti militari volevano annientare l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si mise in mezzoCi concentriamo sul pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà completata da una guerra biologica?
Bjørneboe / NostalgiaIn questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno conosciuto di suo padre.
Blocco a Y / Arrestato e messo su cella liscia per blocco Y.Ieri sono stati portati via cinque manifestanti, tra cui Ellen de Vibe, ex direttore dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y finì in contenitori.
Tangen / Un ragazzo cesto perdonato, raffinato e untoL'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.
Ambiente / Il pianeta degli umani (di Jeff Gibbs)Per molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.
Mike Davis / La pandemia creerà un nuovo ordine mondialeSecondo l'attivista e storico Mike Davis, i bacini selvatici, come i pipistrelli, contengono fino a 400 tipi di coronavirus che stanno solo aspettando di diffondersi ad altri animali e umani.
Unità / Newtopia (di Audun Amundsen)L'aspettativa di un paradiso libero dai progressi moderni è diventata l'opposto, ma soprattutto Newtopia riguarda due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.
Anoressia / AUTORITRATTO (di Margreth Olin, ...)spudorato usa il corpo torturato di Lene Marie Fossen come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel documentario AUTORITRATTO e nella mostra Gatekeeper.