Ordina qui l'edizione estiva

Il calcio viene dalla Cina

Il calcio non è solo rotondo. Viene anche dalla Cina!

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Potrebbe sembrare una storia divertente, dopotutto, la Cina non è nemmeno qualificata per la Coppa del Mondo di calcio di quest'anno in Germania. O come provocazione contro l'Inghilterra, che questa settimana è felice di essere passata dalla fase a gironi. Perché il calcio non è stato creato quando alcuni gentiluomini si sono incontrati a Londra in un giorno di ottobre del 1863, quindi, come i tifosi norvegesi ei media danno per scontato?

No, non secondo il nuovo insegnamento ufficiale dell'International Football Association Board (FIFA). Dopo diversi anni di ricerca, il presidente Joseph S. Blatter, in occasione dei 100 anni della FIFA a Pechino il 15 luglio 2004, ha dichiarato che lo sport del calcio è nato nella città di Linzi, nella provincia dello Shandong, sulla costa nord-orientale della Cina.

"Grazie Cina, la culla del calcio. Il calcio è nato in Cina e il futuro di questo sport appartiene all'Asia", ha dichiarato Peter Veleppan della Confederazione calcistica asiatica.

Lo stesso Pelé ha poi tenuto una manifestazione davanti alla Grande Muraglia cinese, dove ha mostrato quanto il "caju" simile sia l'arte calcistica di oggi, meglio interpretata dai brasiliani.

Anacardi? Sì, è il primo nome documentato – che si traduce direttamente in "calciare il pallone" – per lo sport del calcio che ormai sta devastando il mondo intero. Fu preparato per la prima volta durante il periodo Han dal 206 a.C. Sia la narrativa, gli annali militari e l'arte in vaso testimoniano lo sport popolare. Sia il pubblico in generale, la classe superiore e gli imperatori come Huan-Ti (132-168) amavano il calcio, ei giocatori guadagnarono uno status elevato nella società.

Un pallone di cuoio è stato utilizzato su un campo rettangolare, dove l'obiettivo per le due squadre era segnare su ogni porta della rete tra due pali. Ed era consentito usare solo i piedi, il petto e le spalle, proprio come fa oggi Ronaldinho.

Durante la dinastia Tang (618-906), lo sport si sviluppò ulteriormente in quanto il pallone ora conteneva una camera d'aria piena d'aria, che aumentava il livello di precisione. Illustrazioni e descrizioni del 1322 mostrano che la misura della rete era allora alta 10 metri. Nel 1389, il gioco era così popolare che l'imperatore della dinastia Ming Zhu Yanzhang dovette vietarlo, in modo che le persone potessero dedicare il loro tempo a cose più sensate.

A quel tempo, lo sport si diffuse verso ovest in un'Europa che si stava gradualmente aprendo al mondo – e in un'Inghilterra dove, per alcuni secoli, le persone avrebbero ancora usato le mani nella buona tradizione del rugby britannico.

Sì, ma è il calcio moderno che conta, direbbe qualcuno. Ma anche allora, il calcio non sarà tipicamente inglese. A parte una dubbia vittoria casalinga quattro decenni fa, l'Inghilterra ha fatto molto male ai Mondiali. E se teniamo presente che il calcio è uno sport femminile, ancora una volta la Cina ha la meglio. Non solo la Cina ha ospitato la prima Coppa del mondo di calcio femminile nel 1990, e l'imminente nel 2007. Sono anche le donne cinesi che hanno partecipato più frequentemente alla Coppa del mondo e alle finali olimpiche, battute solo dagli Stati Uniti. Si unisce a una lunga tradizione storica, poiché il caju era uno sport diffuso tra le dame cinesi, come dimostrò nel XV secolo il pittore Du Jin dello Zhenjiang.

Le parole del poeta Li You (55-135) sono attuali oggi come lo erano 2000 anni fa:

"La palla è rotonda, il campo è rettangolare,

Con un cuore onesto e pensieri equilibrati/

Nessuno può trovare da ridire su decisioni sbagliate

Se il calcio è regolamentato in questo modo/

Quanto questo significa per la vita di tutti i giorni.”

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche