Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il rapporto tra antropologia e immagini in movimento

Visioni ampliate: una nuova antropologia dell'immagine in movimento
Forfatter: Arnd Schneider
Forlag: Routledge, (Storbritannia)
ANTROPOLOGIA / Arnd Schneider dell'Università di Oslo prescrive una nuova antropologia artistica, partecipativa, inclusiva. Scegliamo qui di presentare approfondimenti tratti dai capitoli del libro sull'interessante uso del documentario per l'osservazione e l'interpretazione nella società di oggi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nel suo libro Visioni ampliate: una nuova antropologia dell'immagine in movimento fornisce al professore di antropologia sociale dell'Università di Oslo, Arnd Schneider, diverse prospettive sul rapporto tra antropologia e immagini in movimento ed esplora nuove possibilità per la ricerca audiovisiva. Questo libro è l'ultimo della serie di lavori di Schneider sull'intersezione di antropologia e forme di arte visiva. I suoi contributi sul campo sono molti, incluso Arte alternativa e antropologia: incontri globali (2017) e Arte, antropologia e patrimonio contestato (2020), di cui è stato redattore.

I temi principali esplorati nel libro sono quanto sia commovente immagini e gli approcci cinematografici sperimentali possono essere utilizzati per sfidare e trasformare i modi convenzionali di pensare all’antropologia. Integrando elementi audiovisivi nella ricerca e nella rappresentazione, gli antropologi possono acquisire una comprensione più sfumata dei loro argomenti.

Cinema, arte e antropologia

Visioni ampliate è diviso in otto capitoli, ciascuno con la propria prospettiva sul rapporto tra cinema, arte e antropologia. I capitoli traggono esempi da lavori sperimentali e forniscono una panoramica di come le immagini in movimento vengono utilizzate per espandere i confini della ricerca e della rappresentazione etnografica.

Comprende un capitolo sul cinema partecipativo e "An Anthropology of Abandon: Art – Ethnography in the Films of Cyrill Lachauer", che considera come il film possa essere utilizzato per esplorare i temi dell'abbandono, dello spostamento e della perdita culturale. Il capitolo analizza il lavoro dell'artista e regista tedesco Cyrill Lachauer, i cui film Schivare le gocce di pioggia
– Una realtà separata
(2017) Amerika (2020) e Città sommerse, cieli fluttuanti (2020) sono utilizzati come casi di studio. Schneider ritiene che i film di Lachauer siano efficaci perché combinano una varietà di tecniche visive e narrative per creare un ritratto complesso e ricco di sfumature di persone, luoghi e paesaggi. I film di Lachauer presentano una varietà di voci, dalle narrazioni dell'artista alle interviste con la popolazione locale, e utilizzano varie tecniche visive, tra cui inquadrature statiche, inquadrature in movimento e primi piani di oggetti e paesaggi, per creare un'esperienza visiva ricca e coinvolgente. In tutto il capitolo viene sottolineata l'importanza della sperimentazione e dell'ibridità nei film di Lachauer. Combinando elementi di arte, etnografia e cinema Lachauer in grado di creare un modo nuovo e innovativo di raccontare storie visive. Una simile esplorazione di temi complessi e ricchi di sfumature sarebbe stata difficile o impossibile da realizzare attraverso forme di rappresentazione più convenzionali.

Fotofilmer

Nel capitolo "Fotografie che si muovono: fotofilm e antropologia", Schneider discute l'uso del fotofilm, una forma di documentario che combina immagini fisse e suono, in antropologia.

Una serie di immagini fisse di un corteo funebre rivelano le complesse dinamiche sociali e religiose in gioco nella città.

Sostiene che le pellicole fotografiche offrono un modo più sostanziale di guardare il mondo, poiché combinano gli aspetti visivi e temporali della pellicola con l'immobilità e il dettaglio delle fotografie. Utilizzando pellicole fotografiche, gli antropologi possono creare un nuovo tipo di rappresentazione visiva che amplia la nostra comprensione del mondo e delle persone studiate. Il capitolo si avvale di esempi specifici, tra cui il lavoro nella città indiana di Varanasi, che mostrano come le pellicole fotografiche possano rivelare aspetti nascosti o traslati del soggetto. Ad esempio, una serie di immagini fisse di un corteo funebre rivelano le complesse dinamiche sociali e religiose in gioco nella città. Si sostiene che scomponendo l'immagine in una serie di immagini fisse, combinate con il suono, la pellicola fotografica risultante è in grado di creare una rappresentazione del soggetto più sfumata e dettagliata rispetto alla pellicola o alla fotografia tradizionale.

We Are Unarmed, basato su filmati trovati, Cyrill Lachauer, Germania/USA, 2020. Per gentile concessione di Cyrill Lachauer e Sammlung Goetz, Monaco di Baviera

Immagini viventi nelle mostre museali

L'ultimo capitolo del libro, "La pellicola può ripristinare? Visioni ampliate di immagini in movimento per oggetti museali ai tempi della decolonia', esplora l'uso delle immagini in movimento nelle mostre museali. Chris Marker e il film di Alain Resnais Anche le statue muoiono (1953) è considerato uno dei primi esempi di film anticoloniale e un'opera influente nella filosofia di Gilles Deleuze. Il film utilizza un formato neo-montaggio che consente ai realizzatori di manipolare lo sguardo dello spettatore e sfidare le tradizionali narrazioni museali. L'esplorazione del film sulla mercificazione e appropriazione dell'arte africana nei musei e nei negozi europei (cioè l'arte perde la sua autenticità perché è in vendita, nel senso di Deleuze) è in linea con la filosofia di Deleuze dell'immagine come strumento per destabilizzare le ideologie dominanti. La narrazione frammentata del film, le immagini composite e il commento parlato creano una nuova rappresentazione che sfida le nozioni preconcette dello spettatore sull'arte africana e sul colonialismo. Analizzando l'impatto del formato costruttivo del film e la sua corrispondenza con la filosofia di Deleuze, il capitolo "Can Film Restitute? Visioni ampliate di immagini in movimento per l'osservazione museale
progetti ai tempi della decolonia" promuovono una comprensione più sfumata del patrimonio culturale.

La restituzione degli oggetti saccheggiati nella loro posizione originale.

In linea con questo, importanti opere vengono discusse in immagini in movimento (come Theo Eshetus Il ritorno dell'obelisco di Axum, 2009) che problematizza il ritorno dei manufatti saccheggiati alla loro posizione originale – in questo caso un antico obelisco rubato dai fascisti italiani nel 1937 e restituito in Etiopia solo nel 2008. Le organizzazioni che lavorano sulla restituzione dei manufatti hanno avuto un notevole vento in poppa ultima volta. L'Horniman Museum di Londra ha restituito sei manufatti saccheggiati da Benin City all'attuale Nigeria nel novembre 2022. Sfortunatamente, il British Museum, l'ultimo boss dei manufatti saccheggiati, a negare l'accesso a Marker e Renais' Anche le statue muoiono (in qualche modo) successori ideologici Se per gli altri (2013) del regista Duncan Campbell – impegnato sull'argomento fino a nuovo avviso. E nemmeno la maggior parte dei musei e dei collezionisti privati ​​americani.

Come il cinema influenza la società studiata

Nel capitolo e nel caso studio centrale “Sul set di un film cinematografico in a mapuche Prenotazione», Schneider spiega come il processo cinematografico abbia influenzato la società studiata. Si sostiene che il processo di realizzazione di un film non riguardi solo la cattura di immagini, ma anche la creazione di relazioni e lo scambio di conoscenze. Esaminando la relazione tra registi, attori e la società studiata, l'autore mostra come le immagini in movimento possano essere utilizzate per creare una forma di rappresentazione antropologica più collaborativa e partecipativa.

Una riuscita integrazione di questo approccio evita di finire nella preoccupazione principale del libro, l'"iperrealismo". Cioè quando l'immagine stessa diventa più autorevole di ciò che viene presentato. Considerando la partecipazione diretta di Schneider sul set e il coinvolgimento intrinseco a livello di produzione, il capitolo serve in gran parte come avvertimento contro le routine esistenti e le realtà economiche della produzione cinematografica tradizionale.

Il libro esplora anche le possibilità di utilizzare le immagini in movimento in modi più sperimentali, come nel capitolo "Una scatola nera per il cinema partecipativo: fare film con Vicinato a Saladillo, Argentina". In questo capitolo – che contrasta con le avvertenze contenute in "Sul set..." – l'autore descrive un progetto cinematografico partecipativo in cui anche la comunità locale oggetto di studio è stata coinvolta nel processo di realizzazione del film. La scatola nera funge da piattaforma in cui i soggetti possono prendere il controllo della produzione della propria vita, offrendo sia a loro che al pubblico un'esperienza più coinvolgente. Questo approccio sfida la rappresentazione antropologica tradizionale creando una forma di rappresentazione più collaborativa e partecipativa che riflette le prospettive e le esperienze delle persone studiate, con conseguente comprensione più profonda delle prospettive culturali. Molti di coloro che hanno familiarità con l’etica moderna nella produzione di documentari sanno quanto sia importante la partecipazione culturale nella produzione di saggistica. È un aspetto importante di un film documentario giusto ed equilibrato, soprattutto quando si tratta di questioni riguardanti i gruppi emarginati. In breve, le comunità locali devono essere in grado di raccontare le proprie storie.

Valore interdisciplinare

Visioni ampliate sostiene che il cinema può essere un potente strumento culturale rappresentazione, che conferisce alla ricerca antropologica un nuovo approccio e consente una forma di rappresentazione più sfumata, empatica e inclusiva. Schneider sottolinea inoltre l’importanza di sperimentare e rivalutare i metodi tradizionali di rappresentazione, in particolare in connessione con la decolonizzazione e gli studi postcoloniali.

Ma ho difficoltà con le domande sulla natura apparentemente assoluta della rappresentazione: la rappresentazione è definitiva? La produzione partecipativa è definitiva? Oppure è liquido? Se sì, come si può percorrere un percorso fluido senza utilizzare linee guida obsolete, anche se una volta erano appropriate? Mi chiedo (ad alta voce, di tanto in tanto) perché identità così spesso rappresentato come qualcosa di definitivo e assoluto nei contesti sociali odierni. L'identità personale non cambia con l'età, l'esperienza, il luogo, ecc.? Personalmente temo che la natura assoluta di questi dibattiti contemporanei alla fine vada contro i loro stessi interessi. Insieme a Visioni ampliate Continuo a chiedermelo.

Visioni ampliate potrebbe tuttavia rivelarsi una risorsa preziosa sia per studenti che per ricercatori in antropologia, cinema e arti visive. Con il rapido aumento dei media immersivi (VR/AR), dell'intelligenza artificiale e di approcci ancora più tattili come la stampa 3D e la mappatura di proiezione, il passo successivo nel percorso accademico di Schneider non è sicuramente lontano.

Rickinson lavora come responsabile delle comunicazioni presso Modern Times Review.
Tradotto dall'inglese dall'editore di MODERN TIMES.

Potrebbe piacerti anche