PRIMA E DOPO L'ESPLOSIONE: Come rattoppare una città

Beirut
TRIPOLI/BEIRUT / Uno dei registi libanesi più controversi, Lucien Bourjeily, ha inserito il paese nella mappa teatrale internazionale attraverso le sue produzioni teatrali.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Sei anni fa, due gruppi di milizie libanesi si incontrarono sul palco, in uno spettacolo sulla loro stessa vita. Lo spettacolo ha trasformato gli ex acerrimi nemici in simboli nazionali su come ricostruire una città bombardata. Nell'ottobre 2014 nella città libanese sono scoppiati i combattimenti più aspri degli ultimi anni Tripoli, tre miglia a sud del confine con la Siria. La guerra civile nel paese vicino aveva alimentato antiche tensioni tra le due parti rivali della città, separate dalla temuta Shari' Souriyya, Syriengatan.

Poche settimane dopo, questa strada si è trasformata in una prima linea invisibile in una piccola sala riunioni, arredata con sedie di plastica bianca. In linea c'era il regista teatrale Lucien Bourjeily. Ai suoi lati sedevano 16 giovani delle due fazioni in guerra e l'atmosfera era tesa. I loro volti sembravano pieni di incredulità mentre Lucien Bourjeily cercava di convincerli a creare uno spettacolo teatrale sotto la sua direzione, insieme ai loro nemici nella fila opposta di posti.

I giovani hanno iniziato a parlarsi, si sono resi conto di quanto siano simili.

«Il primo giorno entrambi i gruppi sono venuti con le armi, perché avevano paura l'uno dell'altro. Non si erano mai incontrati e conosciuti qualcuno dell'altra parte. Ho dovuto cercare di convincerli che avrebbero vinto facendo teatro insieme», dice Lucien Bourjeily.

Qualche mese prima aveva ricevuto una telefonata dall'organizzazione pacifista libanese March. Immaginavano un progetto dal basso che potesse aiutare a spezzare la spirale di violenza a Tripoli. Lucien Bourjeily ha pensato che fosse un'ottima idea usare il teatro come forma.

Quando i 16 giovani provenienti da ogni parte del Syriengatan si sono incontrati sulle loro sedie di plastica bianca, non avevano mai visto uno spettacolo teatrale. Alcuni avevano abbandonato prematuramente la scuola, altri non si erano mai seduti sui banchi di scuola. "Se fossi entrato e avessi parlato di analisi della scena, di Molière e di Shakespeare, sarebbero usciti dalla stanza", ha detto Lucien Bourjeily in un'intervista al quotidiano britannico The Guardian, prima della prova generale. Ha quindi deciso di costruire la storia insieme agli attori e di partire dalle loro storie personali, invece di dare loro una sceneggiatura finita.

«Serve a due scopi. In parte, era un metodo di risoluzione dei conflitti, poiché li univa e li costringeva a cooperare. In parte è servito come ispirazione per il contenuto dell'opera, che è stata poi rappresentata da loro stessi.»

La maggior parte dei partecipanti aveva trascorso gran parte della propria giovane vita con armi automatiche sulle spalle. Entrambi i gruppi si sono combattuti a più riprese dai tempi della guerra civile libanese, durata dal 1975 al 1990. Fin dalla prima prova, i giovani hanno ricevuto minacce di morte e le persone intorno a loro li hanno definiti traditori.

«La riconciliazione è un argomento tabù perché coloro che governano oggi il Libano sono gli stessi che governavano durante la guerra civile. Chi è al potere sa che le persone temono gli altri più di loro e non vogliono che gli vengano ricordati gli abusi commessi. Coloro che disapprovano il progetto sono coloro che detengono il potere, coloro che fanno da intermediari, coloro che guadagnano dal protrarsi dei combattimenti.»

Gli anni della guerra non furono mai seguiti da tribunali o commissioni di verità. Basta un semplice appello da parte dei leader del Paese: cercate di dimenticare quello che è successo. In questo modo, dice Lucien, la guerra non sarebbe mai finita.

Lucien e i suoi connazionali non hanno potuto dimenticare. I ricordi dei rifugi, in cui Lucien ha trascorso una parte significativa dei suoi primi 18 anni, fanno sì che egli rinunci felicemente ai teatri bui o ai palcoscenici sotto il livello del suolo. Crede che molti libanesi evitino il teatro per lo stesso motivo: "Poiché la maggior parte delle persone non ha visto uno spettacolo, pensa che sia qualcosa di molto noioso".

Attori di entrambe le parti

In Amore e Guerra sul tetto deciso Luciano Bourjeily fare un passo indietro e lasciare che i giovani giochino con se stessi. Ha intervallato le scene dello spettacolo provato con discussioni e atti che mostravano il loro viaggio da attori in un conflitto sanguinoso, ad attori e co-creatori: "Durante la costruzione dello spettacolo, un partecipante ha raccontato di come si è innamorato di una ragazza del parte rivale di Tripoli. Decisero di sposarsi, ma le proteste furono così forti che il conflitto tra i quartieri aumentò, proprio a causa loro. Quella storia è servita a gettare le basi per la trama principale dell'opera», dice Lucien Bourjeily.

Il risultato è stata una commedia su Tripolislang, su come gli attori di entrambi i lati del Syriengatan, come gli stessi partecipanti, cercano di mettere insieme una performance su Ali e Aisha, la coppia Romeo e Giulietta dello spettacolo. Nel dilemma d'amore di Lucien, le famiglie Montecchi e Capuleti di Shakespeare sono state sostituite con i rami musulmani sciiti e sunniti.

Ma nei teatri dove venne rappresentato lo spettacolo le barricate cominciarono presto a cadere. All'improvviso i ribelli attori mangiarono insieme, ridendo delle stesse battute, deliziati e inorriditi dalle storie degli altri:«Una delle loro storie in particolare la ricorderò sempre. Un giovane mi ha detto che non poteva prendersi cura della figlia malata, quindi, frustrato, ha preso il suo Kalashnikov e si è diretto verso Siriano. Sparò ovunque intorno a lui, volendo iniziare una battaglia, ma nessuno rispose al fuoco. Poi ha iniziato a sparare contro il suo quartiere natale, sperando che la sua stessa gente rispondesse al fuoco. Ma non è successo niente."

L'uomo ha raccontato di aver capito in quel momento che gli scontri non erano nati dalle armi dei miliziani. Erano governati da persone potenti che facevano piani sottobanco e controllavano la guerra utilizzando i giovani soldati ribelli come carburante. Durante le prove, si rese conto che tutto quello che gli dicevano sui suoi vicini, dall'altra parte del Syriengatan, era una bugia. Non c'è voluto molto prima che i colleghi di teatro di Ali arrivassero alla stessa conclusione.

«Non appena i ragazzi hanno iniziato a parlarsi e a lavorare sulla storia, si sono resi conto di quanto siano simili. Perché condividono le condizioni di vita, la quotidianità, come amano, come odiano, le motivazioni che stanno dietro le loro scelte di vita. Sono quasi come fratelli, ma provengono da lati opposti della barricata, quindi sono diventati ottimi amici», dice Luciano Bourjeily.

Nei mesi di luglio e agosto 2015, Lucien Bourjeily è stato in tournée nella sua terra natale con i nuovi attori. Nelle sale esaurite, i loro amici e le loro famiglie sedevano fianco a fianco, ridendo a crepapelle di quello che un giornale locale descrisse come "uno spettacolo istericamente divertente": «Naturalmente puoi cambiare la società con l'aiuto del teatro, anche se su un piano più piccolo scala. Queste persone si combatterebbero ancora oggi, e ora dicono di non essere disposte a tornare in guerra. Per loro e i loro amici, genitori e parenti, il teatro ha aperto gli occhi.»

Marzo

Quando le esibizioni finirono, sorse il dilemma successivo. Come trascorrerebbero il tempo i giovani senza le prove? Come potrebbero continuare a sentirsi accettati senza gli applausi del pubblico e come potrebbero guadagnarsi da vivere?

Nello stesso momento in cui venne abbassato il sipario del teatro, i combattimenti a Tripoli cessarono. La fondatrice dell'organizzazione March, Lea Baroudi, si è resa conto che i giovani rischiavano di continuare la guerra in Siria se non fossero stati aiutati a trovare lavoro:

«Volevamo che il progetto fosse sostenibile. Abbiamo ideato una nuova piattaforma, di un tipo che non esiste a Tripoli, che unisce le persone attorno a idee di riconciliazione attraverso l'arte e la cultura," disse allora ad Al Jazeera, nel 2014.

Detto e fatto. L'anno successivo, March aprì un caffè culturale sulla vecchia linea del fronte dei gruppi miliziani, dove gli attori appena formati, oltre a servire cibo, partecipavano a corsi di inglese, arabo, matematica, informatica e gestione dei conflitti. Sei di loro presto si guadagnarono da vivere a tempo pieno lavorando al bar.

La facciata dell'edificio, butterata dai fori di proiettile delle precedenti battaglie dei gruppi di miliziani, era dipinta in giallo, verde, viola e rosa e con l'immagine simbolica di una stretta di mano. La restaurazione è andata di pari passo con un altro progetto di marzo: far sì che i giovani restaurassero la linea del fronte distrutta di Tripoli. L'organizzazione ha raccolto fondi per poter pagare circa 40 persone da entrambi i lati della strada. Erano addestrati in tutto, dalle conoscenze elettriche alla progettazione grafica e venivano pagati per ricostruire quella che un tempo era la gloriosa Syriengatan, che loro stessi aiutarono a distruggere.

Il progetto, lo spettacolo teatrale, il bar e i lavori di ristrutturazione inclusi, hanno attirato l'attenzione ben oltre i confini del Libano. L'anno scorso, Lea Baroudi è stata insignita dell'Ordine dell'Impero britannico dalla Regina Elisabetta II per l'iniziativa di marzo. All'epoca nessuno sapeva ancora che la peggiore crisi del Libano era dietro l'angolo.

4 agosto 2020

Il 6 agosto 2020, March ha annunciato sui social media che i giovani di Tripoli si erano recati a Beirut per "ripulire i vetri rotti, riparare porte, acciaio e linee elettriche... Siamo al fianco della nostra gente a Beirut per superare questi tempi difficili", aggiungeva il messaggio.

Cos'era successo?

Il 4 agosto 2020, quasi 3000 tonnellate di nitrato di ammonio, una sostanza utilizzata tra l'altro per fabbricare bombe, sono esplose accidentalmente in un deposito situato a due passi dai quartieri commerciali e culturali di Beirut. Secondo i resoconti dei testimoni, circa 6000 persone sono rimaste ferite e centinaia di migliaia hanno perso la casa, fino a un miglio dal luogo dell'incidente.

Nella maggior parte dei paesi, i vigili del fuoco governativi, i paramedici e gli addetti alle pulizie si erano trasferiti. Non in Libano. Qui il lavoro di soccorso e sgombero è stato invece svolto da volontari. Il popolo di Beirut si è unito superando i confini etnici e religiosi per ricostruire la propria città distrutta.

Non per niente i giovani del caffè della cultura di Tripoli si sono subito concentrati sulla ristrutturazione dei quartieri degli artisti. Beirut è conosciuta come il centro dell'arte e della cultura del Medio Oriente. I vecchi quartieri pullulano di gallerie d’arte e gli scrittori siriani usano la città come uno sfogo per promuovere la letteratura vietata nella loro terra natale. Ora le gallerie, il Museo di storia di Beirut e il teatro cittadino erano in rovina.

Come l'iniziativa di Tripoli ha mostrato ai libanesi come si possono abbattere le barricate attraverso l'arte e gli incontri più semplici, forse può ancora una volta servire da modello per ricucire una città e le ferite psicologiche e fisiche dei suoi abitanti.

Abbonamento NOK 195 al trimestre