Teatro della crudeltà

Sentirsi complici

- Mi sento complice, dice Trond Ali Linstad a proposito del ruolo recentemente rivelato di sua moglie come agente doppiogiochista. In questa intervista a Ny Tid, Lindstad afferma di essere stato tentato di arruolarsi come informatore della polizia nel 1988.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

- Beh... Quello che ho saputo e quello che non ho saputo, dice Trond Ali Linstad e ci sorride dolcemente dalla sedia dell'ufficio nello studio del medico.

- La parola norvegese agente è così drammatica. Più tranquillamente, possiamo probabilmente dire recuperatore di informazioni o partecipante a servizi nascosti...

Non lo sapeva, il marito di 30 anni, fino a quando recentemente non è diventato pubblico attraverso il rilascio di informazioni dal nuovo libro di Odd Karsten Tveit Guerra e diplomazia: Che sua moglie Karin Linstad è stata un agente del servizio di intelligence israeliano Mossad. Ma forse non era del tutto innocente, dopotutto.

- Hai avuto qualche idea?

- Molti, molti anni fa, quando eravamo giovani e lavoravamo per la Palestina, Karin venne da me e mi chiese: "Se, Trond... qualcuno dalla parte filo-palestinese mi chiedesse di svolgere alcuni servizi segreti per loro. Cosa ne penseresti?" Avevamo appena letto "Come è stato indurito l'acciaio" ed eravamo molto coinvolti. Allora ho detto che pensavo fosse giusto partecipare. Me lo ricordo, le ho dato il via libera. Quindi questo mi rende complice in un certo senso.

- Quanto sai di quello che è successo dopo?

- Non così tanto. Ma qualche anno dopo, è sorta una nuova domanda. Non entro nel merito, ma lei si chiedeva cosa intendessi per un certo tipo di servizio nascosto. Mi conferma che si muoveva ancora nei servizi nascosti. Finora posso confermare che ha avuto incarichi nei servizi segreti e che ha avuto un incentivo filo-palestinese. Quando ora sento in seguito che anche lei si è messa al servizio nascosto degli altri, penso che non sia irragionevole che abbia ricevuto tali richieste.

- Cosa ne pensi di questo?

- Si aprono molte questioni di principio: se sia saggio, se sia ingenuo credere che si possa svolgere un ruolo a due facce. Queste discussioni dovrebbero essere prese. Tuttavia; nei conflitti c'è propaganda aperta, conflitto armato e diplomazia. Ma esiste anche un altro livello, quello dei servizi nascosti. Quando si parla del conflitto in Israele e Palestina, è ovvio che i palestinesi hanno ragione e gli israeliani torto. È ottimo impegnarsi in attività di solidarietà, organizzare manifestazioni, dibattiti e incontri. Ma bisogna essere consapevoli che il conflitto ha anche altri livelli.

- Tu stesso sei stato uno dei primi due operatori umanitari a recarsi in Medio Oriente e sei stato presidente del Comitato per la Palestina. Ti è stato chiesto di partecipare ai servizi segreti?

- Ebbene, Iver Frigård mi chiamò come capo della polizia di sicurezza e mi chiese di incontrarlo su una panchina davanti al Ministero degli Affari Esteri nella primavera del 1988. Lì mi chiese se potevo diventare un informatore per la polizia di sicurezza norvegese. Per affascinarmi, ha detto che sapevo molto più di loro sul Medio Oriente. Ma pochi giorni prima sul giornale era stato scritto che tutte le informazioni ricevute dal POT andavano direttamente al Mossad. L'ho affrontato a riguardo e ho detto che non era rilevante per me. Così abbiamo concluso quella conversazione. Ma quando ho menzionato l'episodio a una persona chiave palestinese che conoscevo, mi ha risposto con un sorriso e un tono serio: "Perché non l'hai fatto", mi ha chiesto, "potresti imparare qualcosa su come pensano". Quindi, da parte palestinese, non è un pensiero estraneo annusare il nemico, sentire cosa sta facendo. Ciò non è irragionevole. Quello che so, però, è che molte notizie degli ultimi giorni mi hanno sorpreso.

- Cosa ti ha sorpreso di più?

- Beh, prima di tutto: so che c'è stata qualche attività nascosta tra parenti stretti. Ma so poco della portata. Secondo: se ti sposti in una pagina e provi a entrare in contatto con l'altra, è nelle carte che devi dare alcune informazioni per essere interessante. È stato detto che tutte le informazioni che Karin ha fornito al Mossad sono state concordate in anticipo con la controparte, ma non si sa mai se qualcuno potrebbe scappare con qualche informazione extra. Inoltre; ora si tratta di divulgazione di informazioni da un lato; Israele e Frisgaard. Allora dovremmo tenerne conto quando dobbiamo valutare la verità di ciò che emerge. Non viene detto nulla di ciò che hanno chiesto, di ciò che non è stato detto loro, o di ciò che è stato estratto e riportato dall'altra parte. Nessuno lo sa con certezza, nemmeno la persona al centro. Informazioni apparentemente inutili possono essere utili a qualcuno. Si corre il rischio, come in ogni guerra, dei cosiddetti danni collaterali. La mia conclusione è comunque che ho dato il via libera. Ci sono molte cose che non so, ma ho piena fiducia che quello che è successo sia stato decente e giusto.

- Nel fine settimana, Finn Sjue ha criticato tua moglie e si sostiene che anche lei abbia fornito informazioni su di te al Mossad. Vuoi commentarlo?

- Allora torniamo alle origini. È discutibile se quello che ha fatto sia stato ingenuo, cinico, difficile. Chiaramente è stato in parte rinviato. Ma questa è una discussione di principio più ampia che deve essere affrontata nella sede giusta al momento giusto. Probabilmente saranno invitati a quello adesso. Tuttavia; non sembra piacevole che siano state fornite informazioni concrete. Non so cosa sia stato detto su di me. Ma sono una persona con pochi segreti, non so cosa potrebbe farmi del male se venisse fuori. Quello che ho sentito; che sia emerso che in linea di principio sono contrario allo Stato di Israele, che voglio uno Stato democratico e che ho diretto il primo lavoro sanitario in Palestina, lo posso ammettere senza problemi. Non sono affatto preoccupato.

- Alcuni media hanno collegato la fine della collaborazione di Karin Linstad con il Mossad con l'omicidio di Abu Jihad nella primavera del 1988. Che ne pensa?

- Secondo le informazioni emerse, sono trascorsi dai quattro ai cinque anni da quando aveva lasciato l'incarico di agente del Mossad fino al momento in cui la persona in questione è stata uccisa. Queste sono forti indicazioni che non esiste alcuna connessione. Inoltre, l'omicidio è avvenuto a Tunisi e la stessa Karin afferma di non essere mai stata lì e di non essersi affidata alle informazioni necessarie per portare a termine l'omicidio. Credo in lei. E sappiamo che nella più vicina sicurezza di Abu Jihad c'erano agenti israeliani.

- Ora sappiamo che le autorità norvegesi hanno collaborato strettamente con il Mossad. Questo deve averti reso il lavoro difficile?

- Sì, sapevamo dei rapporti di Sifo con il Mossad, ne avevano parlato anche i giornali in quel periodo, e il libro di Tveit lo conferma. Frigaard e il Mossad erano quasi gemelli siamesi. Spero che ora il rapporto sia più sobrio, che la polizia consideri un approccio più dignitoso a questi problemi.

-Perché pensi che queste informazioni stiano venendo alla luce adesso?

- La domanda si pone chiaramente. Non so niente più degli altri come base per speculare. Ma probabilmente Israele sta ancora speculando su chi siano questi altri con cui Karin ha avuto contatti. Queste rivelazioni senza dubbio creano pressione su di lei affinché parli dell'altro lato, per chiarirsi. È possibile che questo abbia un ruolo, ma non speculerò. Probabilmente non dirà mai per chi ha lavorato. Per inciso, qualche giorno fa ho notato in televisione il rappresentante dell'OLP. Ha detto che è possibile che Karin sia stata contattata dai loro gruppi di sicurezza e ha notato che ne hanno diversi. Se è questo il motivo, è pura azione.

- Karin ha detto che teme per la sua vita. Ricevi molte richieste in questi giorni e hai paura delle reazioni?

- No, sei tu nei media che cerchi commenti. E i vecchi amici della comunità palestinese esprimeranno il loro sostegno. Inoltre, vicini, amici ed ex attivisti pensano che sia un po' divertente conoscere un agente. Una certa incertezza ci circonda. Ma non abbiamo altra scelta che vivere una vita normale.

Potrebbe piacerti anche