Ordina qui l'edizione estiva

Nato dalla crisi finanziaria

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il boom del cinema sudcoreano è paradossalmente una conseguenza della crisi finanziaria asiatica del 1997.

Prima della crisi, l'industria cinematografica coreana era dominata da attori che producevano film di serie B con budget limitati, scrive Newsweek. Le società che hanno dominato l'industria cinematografica hanno fatto i loro soldi dalla vendita di videocassette, lettori video, distribuzione e noleggio, e il loro interesse principale era quello di inondare gli scaffali dei video e i cinema con intrattenimento a buon mercato. La scarsa qualità ha fatto sì che i film di Hollywood rappresentassero fino all'80% del fatturato del mercato cinematografico coreano negli anni '1990.

Sulla scia della crisi finanziaria, il FMI ha costretto aziende cariche di debiti come Hyundai, Daewoo e Samsung a ritirarsi dall'industria cinematografica, e così l'inefficienza e il marciume dell'industria cinematografica sono venuti a galla. Invece, il mercato è stato lasciato a una nuova generazione di cineasti che si prendevano dei rischi e una nuova generazione di cineasti ha iniziato a realizzare film più commerciali. Il che allo stesso tempo significava una maggiore concorrenza per il pubblico e quindi film più sontuosi e, in definitiva, migliori.

La grande svolta è arrivata con il thriller d'azione Shiri nel 1999, che ha venduto più biglietti di Titanic e quasi da solo ha fatto credere di nuovo alla gente nel cinema coreano. Durante il 2004, i film nazionali rappresentavano il 50% del mercato, e nei primi mesi del 2005 la quota di mercato ha raggiunto un incredibile 70%. Ora solo l'industria cinematografica in Giappone e in India guadagna somme maggiori della Corea del Sud, mentre attori coreani come Won Bin, Sol Gyeong-gu e Bae Yong sono superstar in tutta l'Asia orientale. Mentre Hollywood si prepara a realizzare versioni americane di successi coreani come Mia moglie è un gangster, Telefono og Una storia di due sorelle.

Potrebbe piacerti anche