Quattro misure contro la cultura usa e getta


FALSE ESIGENZE: Keucheyan non vuole il marxismo autoritario in cui la burocrazia decide ciò di cui i suoi cittadini hanno bisogno. Suggerisce inoltre che, al fine di ridurre il consumo di oggi, i produttori devono realizzare prodotti con una durata e una garanzia più lunghe.

Idea storico.
E-mail: e-tjoenn@online.no
Pubblicato: 2020-01-01
Leggi artefatti. Commenta una sorta di consumismo
Autore: Zone di Razmig Keucheyan
Éditions La Découverte, Francia

Nell'era della crisi ecologica e climatica, i consumi nella nostra parte del mondo devono diminuire. La questione di ciò di cui abbiamo davvero bisogno è quindi urgente.

Il marxista svizzero Razmig Keucheyan (1975), professore di sociologia all'Università di Bordeaux, ha nel libro Leggi artefatti (I bisogni artificiali) hanno assunto il difficile compito di distinguere tra bisogni autentici e non necessari. Afferma che la produzione e il consumo capitalistici sono le principali cause della crisi ambientale. Distinguendo tra bisogni falsi e veri, imporrà capitalismo una struttura di bisogni sostenibili. Attraverso il dialogo e la democrazia decidiamo congiuntamente quali sono i bisogni reali - i bisogni non sono "ontologici". Keucheyan non vuole un autoritario marxismo dove la burocrazia decide di cosa hanno bisogno i cittadini e ricorda la critica del filosofo ungherese Agnes Heller (1929–2019) all'Unione Sovietica come "dittatore-
spedire oltre le necessità ».

La stessa utopia nostalgica di Keucheyan è attaccata ai Comunardi e Comune di Parigi. Quando sogna come apparirà il mondo in una società post-capitalista, ha gli occhi azzurri: la distinzione tra lavoro manuale e intellettuale deve essere abolita; le persone saranno in grado di trascorrere più tempo a riflettere sui loro bisogni qualitativi; e le persone dovrebbero essere in grado di trasformarsi in artisti creativi e autonomi.

Articoli con maggiore durata

Ma Keucheyan è principalmente uno sforzo analitico che elimina i problemi di ricerca di soluzioni pratiche. La sua proposta cruciale di azione è quella di stabilizzare la merce: Per ridurre i consumi, i prodotti devono avere una vita più lunga. In pratica, ciò può essere fatto aumentando il periodo di garanzia, un'estensione da due a dieci anni: "La garanzia è la lotta di classe applicata alla durata degli oggetti". L'autonomia del soggetto nei confronti del prodotto deve poter essere rafforzata in modo da riguadagnare il controllo sui bisogni.

Lontano dai bisogni artificiali!

L'eco-movimento e la sua attenzione al consumo devono essere collegati ai sindacati e alla produzione nelle fabbriche - al fine di annullare l'alienazione che i falsi bisogni del capitalismo hanno creato.

Abbonamento NOK 195 / trimestre

Le élite del mondo hanno un'impronta ecologica che è pazza. I loro bisogni non possono essere universalizzati. Per Keucheyan, il compito è ...


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?


Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)