Teatro della crudeltà

Uscire dalla povertà

Gli agenti norvegesi viaggiano sempre più spesso nei paesi poveri per annusare i talenti del calcio. Con ciò, il calcio norvegese sta cambiando, e allo stesso tempo i ragazzi scommettono il loro futuro sulla possibilità di partecipare all'industria calcistica europea.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[calcio] "Edu, Edu, Edu!"

La colorata banda di ragazzi di Bjørndal, una squallida cittadina nel sud-est di Oslo, chiama con tatto il soprannome del loro grande eroe: Chinedu Obasi Ogbuke. Nel frattempo, l'attaccante nigeriano Lightning fa il giro della difesa per Brann. Da solo con il portiere, mette la palla per prima nel palo, prima di sbatterla sana e salva in porta al ritorno. I ragazzi sugli spalti esplodono.

- Edu è il motivo per cui tifiamo per Lyn. Lui è supremo.

- Ha una comprensione del gioco.

- Tecnica di palla davvero buona.

- E rappresenta tutti noi stranieri.

Nuova era coloniale

- Negli ultimi anni abbiamo visto come la separazione dei giocatori da sud a nord sia diventata ancora più netta. La novità è che anche i club norvegesi sono diventati più attivi nella ricerca di talenti dai paesi poveri, afferma Johannes Nymark.

Ha scritto il libro La sciocchezza più importante del mondo. Saggio sul calcio e la globalizzazione, su ciò che lui percepisce come puro traffico di esseri umani: ragazzi di 13-14 anni provenienti da paesi poveri che vengono mandati in Europa con false pretese e brutalmente scaricati quando non si adeguano.

Il crescente utilizzo di giocatori provenienti dalle parti più povere del mondo sta cambiando il calcio europeo e norvegese. Spesso i soldi in gioco sono molti e i giovani giocatori corrono il rischio di diventare pedine dell'industria calcistica internazionale. Inoltre, solo una piccola parte di coloro che vengono mandati in Europa riescono:

- Molti finiscono per strada, con lavori saltuari, alcolisti o altre forme di abuso. Gli agenti calcistici possono avere un atteggiamento estremamente cinico nei confronti di questo problema. Molti credono che questo non sia un problema, perché comunque i giocatori non starebbero meglio da dove vengono. Anche se gli agenti norvegesi prenderanno le distanze da tale atteggiamento, dovrebbero comunque pensare alle conseguenze di ciò che fanno, ritiene Nymark.

Scarpe da calcio adatte

Pochi giorni dopo la partita tra Lyn e Brann, in un bar di Oslo. Edu trova una sua foto su un giornale e mi chiede di tradurre. Sorride felice quando si tratta di come ha ingannato il portiere di Brann. Edu è nato a Enugu, ma cresciuto ad Abia, nella Nigeria orientale.

- Non ricordo quando ho iniziato a giocare a calcio. Ero così piccolo allora. Il mio primo club si chiamava Samba, perché era il tipo di calcio che praticavamo lì. Calcio tecnico con particolare attenzione alle capacità individuali.

Edu ha deciso presto di fare una scommessa ed è andato a una scuola che combinava le materie regolari con l'allenamento di calcio.

- Nessuno di noi aveva delle scarpe da calcio adeguate. Quando guardo i bambini norvegesi, penso che abbiano tutto. Possono andare a scuola, allenarsi, giocare in squadra e hanno scarpe da calcio adeguate.

Un giorno arrivò il messaggio più importante nella vita di Edu: gli fu chiesto di giocare per la squadra nazionale Under 17 della Nigeria.

- Sorprendente. Poco prima di ricevere il messaggio, avevo guardato la nazionale in televisione e sognavo di unirmi. In nazionale ho conosciuto Ezekiel Bala, con cui gioco oggi al Lyn, e John Obi Mikel che era al Lyn prima di passare al Chelsea. Ma è proprio di questo che non voglio parlare. Non di come sono finito con Lyn, di come tutto sia andato storto, di tutto quello che è successo con Obi. Voglio solo lasciare che le cose seguano il loro corso e andare avanti.

Edu è tra coloro che hanno avuto impresso sul corpo il gioco del calcio internazionale. Si diceva che anche lui fosse rilevante per il Chelsea nell'autunno del 2005, nello stesso periodo in cui Obi era un gioco da ragazzi tra Lyn, Manchester United, Chelsea e gli agenti, che affermavano tutti di avere dei diritti su di lui. Edu ha lo stesso agente di Obi. Successivamente, squadre come Arsenal, Lokomotiv Mosca, Newcastle e Tottenham si sono interessate a Edu, ma un felice pasticcio ha assicurato che fosse ancora a Lyn.

Il raccattapalle

Dopo l'U17, Edu è passato alla nazionale U20. Durante la Coppa del Mondo in Olanda nel 2005, la Nigeria arrivò fino alla finale, dove perse contro l'Argentina.

Edu sorride.

- La cosa divertente è che sei anni prima il Mondiale U20 si era svolto in Nigeria, e allora io ero un raccattapalle. Il mio desiderio più grande allora era quello di unirmi anch'io un giorno alla squadra nazionale. E ora ho segnato in finale.

Edu afferma che molti giovani in Nigeria vedono il calcio come un'opportunità per crearsi un futuro migliore.

- Abbiamo molti talenti. Sfortunatamente, ci sono molti che non hanno mai l'opportunità di mettersi in mostra. Penso che tu abbia bisogno di una buona dose di fortuna. Qualcuno deve scoprirti e portarti all'estero. Non puoi viaggiare da solo perché è troppo costoso.

- Molti buoni giocatori vanno in Europa. Cosa sta succedendo al calcio dei club nigeriani?

- Non lo vedo come un problema. Tutti vogliono mettersi alla prova per un club più grande, quindi quando qualcuno se ne va devi solo essere felice per lui.

- Hai sentito di giocatori che sono stati trattati male nel tragitto dall'Africa all'Europa?

- Ci sono molte storie. Devi solo imparare da loro e provare a fare le cose bene.

Johannes Nymark ritiene che il nuovo calcio segua lo stesso principio dell'era coloniale: le merci e le persone vanno dal sud al nord. Il talento è al sud, mentre il denaro è al nord.

- Sono spesso in Argentina, dove la mia squadra del cuore è il Boca Juniors, e ogni volta che vengo a Buenos Aires devo aggiornarmi su chi gioca lì. Dall'ultima volta, molti giocatori hanno sempre viaggiato in Europa.

Ritiene che ciò abbia un effetto dannoso sul calcio dei club del sud.

- Ciò significa che le squadre di club di lì non possono imporsi contro le squadre del nord. La qualità cala. Allo stesso tempo, sperimentano costantemente un costante afflusso di nuovi talenti, perché tra i poveri il calcio è visto come una possibile via di ascesa e di progresso. Un ragazzino rischierà di essere sfruttato sia dalla famiglia che dai talent scout. Se guardiamo i giocatori brasiliani, per lo più solo Kakà del Milan viene dalla classe media. Tutti gli altri appartengono alla classe operaia o sono estremamente poveri.

Uno tra diverse migliaia

Quando era piuttosto giovane, Edu viaggiò con Mikel, Bala e un altro amico nel club sudafricano dell'Ajax Cape Town. Com’è stato allontanarsi da casa?

- Mi mancava la mia famiglia. Allo stesso tempo: il calcio era ciò che volevo fare. E probabilmente ha aiutato il fatto che fossimo quattro amici che viaggiavano insieme. Eravamo come fratelli, giocavamo e stavamo insieme nel tempo libero. Molti probabilmente hanno più difficoltà.

Delle molte migliaia di ragazzi che ogni anno vengono colpiti come Edu, è ovvio che la stragrande maggioranza fallisce.

-Ci possono essere molte ragioni. Forse a causa del clima o dell'ambiente del club, ci sono molti che non rendono al meglio. Giocare a calcio in Europa e in Nigeria sono due cose abbastanza diverse e la capacità di adattarsi a un calcio più orientato al sistema può essere difficile. In ogni caso, ho trovato molto confuso iniziare con Lyn.

Edu dice di essere grato per la sua carriera.

- Sono molto felice di essere tra i pochi che ci sono riusciti.

I giocatori norvegesi sono troppo costosi

Eddie Gustafsson, portiere del Lyn dal 2006, ha una storia leggermente diversa da Edu. Nato negli USA, cresciuto alle Bahamas, dove è originaria la madre, ma cittadino svedese e residente nel paese vicino da quando aveva sei anni. Fu lì che iniziò a giocare a calcio. Dopo vari club svedesi, nel 2002 arriva in Norvegia e Molde. Come vede il dibattito sui giocatori stranieri?

- Penso di essere stato ben accolto in Norvegia. Il dibattito sugli stranieri nel calcio norvegese sarà sempre presente. Personalmente penso che sia importante che loro – noi – siamo qui per aumentare il valore dell'intrattenimento. Guarda Edu: nessun altro è come lui. Per il pubblico, rende il calcio norvegese migliore. Devi avere un mix di diversi tipi di giocatori.

Allo stesso tempo, Gustafsson vede il problema in relazione allo sviluppo dei talenti norvegesi.

- Sviluppare il talento norvegese è costoso. In realtà è più economico per un club assumere tre giocatori islandesi piuttosto che svilupparne uno norvegese. Allora sarà difficile per i club procurarsi i propri giocatori. Ma lo stesso schema si vede, ad esempio, in Inghilterra: un giocatore della prima squadra a tutto tondo proveniente da Ungheria o Austria può essere molto più economico che scommettere su un giovane talento. Allora la scelta è spesso facile.

Lyn ha quattro giocatori esterni all'area SEE: un australiano, un argentino e due nigeriani. Inoltre, ne hanno tre dalla Svezia, uno dalla Danimarca e due dall'Islanda.

- C'è un limite al numero di giocatori non europei che puoi avere in squadra. Non ci sono tali restrizioni nella normale vita lavorativa e penso che anche qui dovrebbero applicarsi condizioni di lavoro gratuite. Ma forse può esserci un po' troppo flusso di giocatori di tanto in tanto.

Calcio neoliberista

Gustafsson sottolinea che per molti il ​​calcio può essere una via d'uscita dalla povertà. Dovrebbe essere ovvio anche che un club si prenda cura di chi viene da lontano.

- Devono essere protetti. Se ti allontani presto da casa, devi essere mentalmente forte. In caso contrario, potresti avere scarse prestazioni sul campo e avere una carriera breve. Questo ovviamente è difficile per un club saperlo in anticipo. Possono vedere un giocatore che pensano sia perfetto, pensare ah ah, dobbiamo averlo, e poi diventa una grande delusione se non gli piace. È quindi importante prendersi cura di chi vive da solo, lontano dalla famiglia e dagli amici.

Quando aveva 16 anni, Gustafsson si recò a Sheffield per giocare a calcio per una settimana come borsa di studio.

- Non c'è dubbio che i miei genitori pensassero che fossi giovane. La scelta è difficile. Penso che... se fosse mio figlio, anch'io direi di sì. Le mie esperienze non sono state altro che buone. Ho soggiornato presso una buona famiglia ospitante e se non funziona è solo questione di tornare a casa.

Alcuni dei giocatori acquisiti stanno bene, altri potrebbero avere grossi problemi di fronte al settore calcio. Allo stesso modo, Nymark ritiene che lo sport possa trarre sia vantaggi che svantaggi dal flusso di giocatori.

- Cosa significa che abbiamo giocatori di altri paesi nel calcio norvegese?

- Da un lato, rende il calcio norvegese molto migliore. D'altro canto significa che i talenti norvegesi non potranno partecipare e quindi la Nazionale sarà peggio. Un altro aspetto è che un talento del sud sarà molto più disposto a scommettere tutto sul calcio: i talenti norvegesi hanno tante altre opportunità che non hanno, come studiare o trovare un altro lavoro, dice Nymark.

Ritiene che l’attuale sistema calcistico, con la compravendita quasi gratuita di giocatori oltre i confini nazionali, contribuisca a cementare il neoliberismo.

- Il sistema è portatore di un sogno, o di un'illusione, che si riuscirà. È uno strumento efficace per convertire le persone all’ideologia neoliberista. Il motivo è che il calcio è così popolare e non si fanno mai domande politiche al riguardo. ■

Potrebbe piacerti anche