In che misura devi sapere in anticipo cosa stai cercando?

Il Manifesto dei media

MEDIA: La profilazione, il controllo delle informazioni, le sollecitazioni che regolano il comportamento e la vendita di dati personali dovrebbero rivelarsi la realtà, piuttosto che la realizzazione di Internet come rete pubblicista.

A prima vista, ci sono alcune resistenze al fatto che questa versione venga intitolata come un manifesto. Il genere può associare qualcosa di leggermente totalitario, una forma di enfasi di programma che non sembra del tutto appropriata per un post in un discorso illuminante.

Gli autori sono affiliati al Dipartimento di Media, Comunicazione e Studi Culturali presso Goldsmiths, University of London, e sono coinvolti nella Media Reform Coalition (MRC). Giustificano la scelta del genere con il desiderio di analizzare i problemi nel panorama dei media e proporre strategie per correggere pregiudizi, errori e carenze che sappiamo esistere lì. "Abbiamo bisogno di narrazioni che esprimano la nostra rabbia contro l'ingiustizia e che allo stesso tempo suscitino ottimismo e convinzione che il cambiamento sociale sia possibile", scrivono gli autori.

Ci riescono. Vengono fornite buone descrizioni e analisi dello stato dei media e della tecnologia, e il vocabolario generale di "speranza" e "giustizia" fornisce associazioni al cambiamento della campagna elettorale di Obama. Anche se si dovesse credere che tutte le esperienze e tutte le descrizioni delle condizioni indicano il contrario, si ha la sensazione che sia possibile muovere il mondo in una direzione più egualitaria ed equa.

Gli autori sottolineano il pericolo che un massiccio coinvolgimento online possa creare l'illusione che i movimenti abbiano un effetto e un'influenza maggiori di quanto abbiano effettivamente.

Immagine cupa

Una delle premesse principali del manifesto è che i media sono incorporati nel potere che intendono sfidare e quindi contribuiscono a mantenere lo status quo.
. . .

- annuncio pubblicitario -

Caro lettore. Puoi leggere un articolo gratuito al giorno. Forse torna domani. O che ne dici di disegnare Abbonamento? Quindi puoi leggere tutto (comprese le riviste) per 5 euro. Se sei già lì, accedi al menu (possibilmente il menu mobile) in alto.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?