Ordina qui l'edizione estiva

Il cinema è politica

Il 23 maggio è la scadenza delle Nazioni Unite per fermare l'estrazione di uranio in Iran. Vedo una grande politica dietro il film hollywoodiano 300.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[teheran, iran] La cultura iraniana guarda al passato per diversi motivi. La maggior parte degli iraniani è molto orgogliosa della propria storia di tremila anni, non solo della parte preislamica della storia, ma anche della parte mulimica. Ma il film hollywoodiano 300 attacca questo modo di pensare iraniano.

300 ricostruisce la battaglia tra gli Spartani e le forze a guida persiana alle Termopili, nell'anno 480 a.C. Il film è uscito negli Stati Uniti il ​​9 marzo, in un momento in cui i governi iraniano e statunitense erano nel mezzo del loro arcaico conflitto sulla questione nucleare, quando c'era una crisi in Iraq nel quarto anniversario dell'invasione, e quando Diplomatici iraniani erano stati catturati in Iraq.

In una situazione del genere, 300 hanno provocato condanne sia da parte del presidente iraniano, del ministro degli esteri, dell'accademia d'arte iraniana e dei sacerdoti durante la preghiera del venerdì. Molti hanno anche condannato un doppiatore iraniano che ha votato per parti di 300, che è stato mostrato in un programma critico della televisione iraniana. Questi contraccolpi non vengono solo dagli intellettuali. La maggior parte degli iraniani è anche furiosa per 300, che è diretto da Zack Snyder e che negli Stati Uniti è diventato particolarmente popolare tra gli adolescenti.

La storia fantasy storica parla di 300 spartani che combattono fino all'ultima goccia di sangue contro il re persiano Serse (Khashayar Shah) e il suo esercito di oltre un milione di soldati. Il film è basato su un cartone animato del 1998 di Frank Miller e si è già guadagnato una reputazione mondiale per il suo ritratto denigratorio della storia iraniana. Ma ci sono anche altre dimensioni che possono sfidare il livello di finzione di un film che non si basa su ricerche e documenti storici scientifici, che è il punto debole del film.

Primo, i soldati non hanno un aspetto iraniano. Shah ha un aspetto androgino. In secondo luogo, gli abiti dei soldati sono più arabi che iraniani: i turbanti appartengono alla cultura araba, anche se l'evento ha avuto luogo più di 1000 anni prima che l'Islam arrivasse in Iran. I soldati iraniani

reazione aggressiva e volti deformati suscitano sentimenti di odio e orrore nel pubblico.

Ephraim Lytle, professore assistente presso il Dipartimento di storia ellenistica dell'Università di Toronto, ha giustamente sottolineato che 300 idealizza il modo di essere "problematico e inquietante" degli spartani. Oltre a ritrarre i persiani come mostri e i greci non spartani come deboli.

Per me, in quanto iraniano, 300 è una finzione sciocca, un film standard. Ma sfortunatamente rientra nella tradizione che Hollywood ha avuto con i film stereotipati nel corso dei secoli: prima del movimento per i diritti civili, alcuni film erano razzisti, sottovalutavano e distorcevano i neri. Durante la Guerra Fredda, le produzioni hollywoodiane erano anticomuniste, mentre l'islamofobia è diventata più evidente dopo l'11 settembre 2001. Tutti questi film sono realizzati per presentare un'opposizione binaria tra bene e male, bianco e nero, noi e gli altri, capitalismo e comunismo.

300 traccia una linea sottile tra il bene e il male: gli spartani sono buoni, i persiani cattivi. Dopo aver visto il film, ho concluso che esiste una connessione tra le produzioni di Hollywood e l'atmosfera politica americana in generale. Questo film trasmette l'idea che se gli iraniani diventano così potenti (energia nucleare), come nel loro periodo di massimo splendore, "loro" diventeranno cattivi e brutali con "noi" (negli Stati Uniti/Europa).

Ancora una volta, stiamo sperimentando produzioni culturali che diventano portatori di un'agenda politica, invece di essere un costruttore di ponti tra le culture. 300 è purtroppo un film tipico sotto questo aspetto. ?

Najmed Mohammadkhani sta studiando per un master in studi nordamericani presso l'Università di Teheran in Iran. Scrive esclusivamente per Ny Tid.

Tradotto da Anne Arneberg

Potrebbe piacerti anche