Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Film dall'Oriente

Film horror, anime, samurai, esperimenti, drammi in costume, film di mostri e soft porn: tutti i film giapponesi si trovano nel divario tra Oriente e Occidente.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il critico cinematografico Gunnar Iversen si è occupato di epoche e angoli selezionati della storia del cinema in passato. Insieme a Rashomon e la storia del cinema giapponese viene fornito un'ampia panoramica di un ricco patrimonio e cultura cinematografica, dall'introduzione dello spioncino di Edison nel 1897 ai giorni nostri, con personalità come Takashi Miike e Hirokazu Koreeda in prima linea. Usare il film rivoluzionario di Aki Kurosawa come porta d'accesso è perfettamente comprensibile: lo era Rashomon (1950) che per primo ha aperto gli occhi del mondo al mercato cinematografico giapponese. Con grande sorpresa di molti, il film ricevette il prestigioso Leone d'Oro alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1951 e sarebbe poi diventato uno dei grandi classici della storia del cinema. Questo non era solo inaspettato; lo stesso regista era scettico. Rashomon rappresentò qualcosa di completamente nuovo in Occidente. Era esotico, ma allo stesso tempo soggetto alla censura americana. Fortunatamente, il classico di Kurosawa può essere visto proprio come un film che non ha ceduto alla mano "democratizzante" americana durante il periodo dell'occupazione. Ma il cinema giapponese era così sconosciuto all’Occidente che diversi critici occidentali non furono nemmeno in grado di interpretarlo Rashomons simbolismo ambiguo alla luce dei suoi contemporanei e del contesto, né del periodo in cui è stato aggiunto. Rashomon è unico perché fondeva impressioni provenienti sia dall'Oriente che dall'Occidente, dal moderno e dal tradizionale – e, come molti sostengono oggi, criticava la censura americana.

Il bacio della morte. Iversen chiama Rashomon "uno specchio per il presente". Si riferisce ovviamente a quella che diversi teorici del cinema hanno sottolineato come una critica sociale nascosta. Tra l’altro molti ci hanno creduto il bandito barbaro Tajomaru (Toshirô Mifune), che con il suo modo innaturale, esagerato e, non da ultimo, giapponese di agire in modo esagerato può essere visto come la caricatura di un invasore, vale a dire gli americani. Nel periodo immediatamente precedente la guerra di Corea, gli americani erano tra l’altro al fondo della loro curva di popolarità in Giappone. Le loro regole e richieste non li hanno resi più popolari per quanto riguarda il film giapponese: a loro non piacevano gli uomini e le donne che non si tenevano per mano né si baciavano, e quindi volevano inserire scene di baci come parte di un processo di "democratizzazione". Baciandosi avrebbero dovuto davvero entrare Rashomon. Era la prima volta che questo era un ingrediente in un film di Kurosawa, ed è arrivato anche nella sua forma più brutale: come preludio a uno stupro. "Così la scena diventa qualcosa di diverso da un processo di democratizzazione, ma piuttosto un commento sull'occupazione", conclude Iversen.

Oltre ad essere un film potenzialmente altamente politico, lo è Rashomon, come sottolinea Iversen, innovativo anche dal punto di vista puramente artistico. Rompe con le convenzioni per le due tradizionali direzioni cinematografiche di genere che erano attuali nel periodo contemporaneo, vale a dire il film d'epoca – jidaigeki, e il film sui samurai – chabara. Ci sono diversi indicatori che il film non è né l'uno né l'altro. Il codice d'onore bushido è, ad esempio, del tutto assente, e i due uomini che all'improvviso si ritrovano in un duello con la spada sono tutt'altro che samurai. Inoltre, il film è stato inserito in un'epoca diversa rispetto al solito dramma in costume, vale a dire il periodo Heian (795–1185) – e, francamente, non ci sono molti magnifici costumi da contare nel film. Allora non abbiamo nemmeno cominciato a parlare dell'estetica e del ruolo della musica per il carattere distintivo del film.

Sguardo femminista. Il cinema giapponese è, come Iversen indica e illustra con enfasi nel suo libro, molto più di Kurosawa e Rashomon. Ad esempio, la storia del cinema giapponese è ricca di autori di spicco che hanno lasciato un segno forte. Considerando l'ambiente cinematografico chiaramente dominato dagli uomini che vediamo anche oggi, è interessante dare uno sguardo indietro alla prima e alla seconda età dell'oro, dove i "film per donne" erano un tema separato, diviso in sottogeneri rigidi come ahah-mono eiga (madri sofferenti) e tsuma-mono eiga (film sulla moglie). Kenji Mizoguchi è intervenuto e ha sottolineato l'oppressione delle donne con film sui destini più terribili delle donne, intrisi di critica sociale e calci al patriarcato. Yasujiro Ozu è anche considerato uno dei pochi registi nella storia del cinema che ha creato un proprio stile visivo e che ha osato criticare una società costruita sul potere e sulle differenze di classe, come ad esempio nel film Sono nato ma... (1932).

La formula giapponese. Horror, anime, film sui samurai, esperimenti, film in costume, film di mostri e porno soft. Nonostante l’ampia divisione di genere ed estetica, tutti gli adattamenti cinematografici giapponesi contengono una tensione tra Oriente e Occidente. Questo è qualcosa a cui continuiamo a tornare Rashomon e la storia del cinema giapponese. La forte ispirazione dalla tradizione hollywoodiana, sia tecnicamente che artisticamente, è stata fondamentale per la fioritura e la direzione del cinema giapponese. Allo stesso tempo, è rimasta fedele al suo patrimonio culturale, da cui prende a prestito e a cui fa spesso riferimento.

Il "film sulle donne" era un argomento separato, con sottogeneri come ahah-mono eiga (madri sofferenti) e tsuma-mono eiga (film sulla moglie).

C'è molto da imparare dalla storia cinematografica unica del Giappone. Forse la cosa più importante da tenere a mente è che investire nell’originalità può contribuire al successo. I tempi di inattività in un settore sono il risultato della concorrenza e della digitalizzazione. L’attenzione unilaterale ai film di genere e ai franchise di supereroi che vediamo oggi a livello internazionale non rende la situazione meno precaria per i produttori e i registi che vogliono realizzare film indipendenti con un linguaggio e uno stile narrativo unici. Ma anche se gli odierni servizi di streaming si pongono come concorrenti del cinema, e il mercato vuole film che piacciano al suo pubblico, ciò non deve significare che i consumatori di film non siano aperti a narrazioni originali e nuove impressioni. Non è detto che siamo così ottusi come calcolano gli algoritmi di Netflix. Ho poca fiducia nel fatto che esporre un pubblico alle stesse storie stereotipate soggette a un dato insieme di regole estetiche porterà ad un aumento del divertimento e della curiosità del cinema. La grande società Nikkatsu non ha avuto successo scommettendo esclusivamente su film porno soft quando era in una crisi disperata. Quello di Kurosawa Rashomon inoltre non fu accolto molto bene in patria quando uscì per la prima volta. Ma visto in un contesto diverso con occhi diversi, il suo successo è stato improvvisamente un dato di fatto. Non bisogna dimenticare che Kurosawa riuscì a sfuggire ad una dittatura estetica in vigore nel periodo Rashomons contemporaneo – un codice estetico che non è stato creato solo dagli americani. Nonostante le sue scarse probabilità, un film in cui pochi credevano, o a cui pochi avevano visto qualcosa di simile, divenne un successo di pubblico. Puoi trarre ispirazione da quella storia.

 

Potrebbe piacerti anche