Ordina qui l'edizione estiva

Gli alti ideali del femminismo

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

L'attacco di Marte Ryste al mio libro "Gi meg ditt hjerte" porta a due conclusioni alternative: o non ha letto il mio libro, o è così desiderosa di definirmi una tradizionalista antifemminista che preferisce la disonestà alla discussione aperta.

"Non è originale avvertire che il femminismo minaccia l'amore. La cosa sorprendente nel libro "Dammi il tuo cuore – alla ricerca dell'amore" è che Hanne Andrea Kraugerud problematizza così poco l'affermazione", scrive Ryste. Bene, ecco due, tra i tanti, esempi nel mio libro in cui faccio proprio questo:

"Se l'uomo lavora di meno e assume più compiti a casa, mentre la donna ottiene più tempo per una vita adulta indipendente fuori casa, il livello di conflitto sarà probabilmente notevolmente ridotto. Le frustrazioni scompaiono, il rispetto di sé aumenta e, non ultimo, hai più tempo per stare insieme. La stanza dell'amore è stata ampliata. Il focus femminista sugli orgasmi femminili, il diritto della donna a una vita sessuale ugualmente libera e non vincolante come quella dell'uomo, il congedo di maternità legale, lo smantellamento delle strutture formali e legali del matrimonio che hanno avuto l'effetto di opprimere le donne, il concentrarsi sull'uomo morbido e sensibile e con esso forse una maggiore opportunità di comunicazione in una relazione, sono altri esempi delle conquiste generali del femminismo e dell'uguaglianza sul fronte dell'amore e della relazione".

Sull'amore di Nora Helmer scrivo, tra l'altro: "Uguaglianza, femminismo e amore; in casa di Helmer perdono tutti e tre, fianco a fianco. (...) In questo rigido modello di ruolo di genere, non c'è spazio per il sogno d'amore di Nora – il più meraviglioso, in cui l'uomo e la donna si sostengono a vicenda nell'amore, nell'unione e nell'uguaglianza. (...) Nora diventa l'esempio di come la ribellione contro i ruoli di genere stabiliti rappresenti la forza e l'identità femminile, e agisca anche come un'importante correzione alla mascolinità emotiva patriarcale e spesso lontana dall'amore, intesa in senso tradizionale."

I molti punti simili nel mio libro, in cui elogio il contributo del femminismo all'amore, rendono l'obiezione di Ryste assurda, al limite della fraudolenta. Non osa confrontarsi con me sulla questione, e quindi inventa un'accusa che non discuto abbastanza. Quando si tratta di questioni, ad esempio la rivista Ryste og Fett afferma: "Le coppie più felici sono anche le più uguali". Ci sono affermazioni così altisonanti sulla felicità degli altri che Ryste non osa sostenere? Io, da parte mia, credo che l'uguaglianza dia e riceva amore. L'Equality Ombudsman vieterà le espressioni di genere stereotipate. Credo, tuttavia, che uomini muscolosi e donne materne, cavalieri e principesse, non solo confermino convenzioni problematiche, ma formino anche parti della nostra storia culturale e comprensione di noi stessi, e per molti una parte importante dell'amore e della convivenza. Questo non è né particolarmente tradizionale né liberale. Ci sono sfumature realistiche di quelle che percepisco come posizioni polarizzate sull'amore, con le femministe dogmatiche da una parte e le reazionarie oppressore delle donne dall'altra.

Lo stesso atteggiamento polarizzante emerge quando Ryste interpreta il mio termine "logica di coppia" nel senso che apro l'oppressione e la violenza contro le donne. Affermare che la creazione di uno spazio separato e privato, dove si può imparare a vedersi, rispettarsi e conoscersi, come coppie e individui unici, con punti deboli e punti di forza, dovrebbe essere in una sorta di conflitto con l'aiutare le donne a uscire dalla relazione di l'abuso e la violenza sono così stupidi che potrebbero provenire solo da una femminista incallita che vuole screditare la morale del suo avversario nel modo più ridicolo e indecente.

La vera differenza tra Ryste e me sta probabilmente piuttosto nel fatto che dove io vedo relazioni accettabili e diverse, Ryste vede miseria socio-psicologica. Il fatto che lei ricorra alle scorie marxiste-strutturaliste che il "romanticismo" della sovrastruttura nasconde il "sovra/sotto-accordo" di base dice qualcosa sull'attività ideologicamente emarginata in cui si trova.Come se dovessimo essere in grado di decidere quale livello è più importante, una volta per tutte. per tutti tutti! Sicuramente l'obiettivo nell'amore e nella vita delle donne deve essere quello di migliorare nel valutare quando dovremmo pensare al romanticismo e quando dovremmo pensare alla politica? Quali differenze dovremmo mantenere, quali dovremmo combattere? È un obiettivo più realistico, sfumato e che afferma la vita che misurare l'amore nell'ideologia marxista astratta.

Ma forse una tale visione dell'amore è troppo diversa e incerta per Ryste. Forse il mio libro risuona meglio con quelli di noi che di tanto in tanto apprezzano alcune nozioni vecchie, banali e romantiche sull'amore, il sesso, l'uomo e la donna, e che sperano in una reale opportunità per realizzare e amare queste nozioni senza allo stesso tempo il minimo rischio pensione o salvadanaio, come Ryste sembra vedere in tutte le relazioni che non seguono gli alti ideali del femminismo.

Hanne Andrea Kraugerud è una filosofa e autrice del libro Dammi il tuo cuore. In cerca di amore.

Potrebbe piacerti anche