Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Le manifestazioni estetiche del fascismo

Visualizzare il fascismo. L'ascesa nel XX secolo della destra globale
FASCISMO / Questo non si manifesta necessariamente attraverso spettacoli di massa e spose rivoluzionarie, e non è un fenomeno principalmente europeo. Ma preferibilmente un prodotto delle crisi politiche negli stati capitalisti moderni.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

"La propaganda è ciò che non vediamo", come osserva Vibeke Nielsen del media online danese Solidarit in una recensione del libro Identitario. Un viaggio nella nuova destra dell'Europa, che è stato pubblicato anche in norvegese. Ciò che vediamo e non vediamo, ciò che siamo destinati a vedere e ciò che ci farà – emotivamente, politicamente – è proprio il punto focale di un nuovo libro sulle manifestazioni estetiche del fascismo.

Visualizzare il fascismo. L'ascesa nel XX secolo della destra globale non si tratta di Generation Identitær o di altri movimenti fascisti contemporanei del resto, non direttamente in ogni caso. Esamina il fascismo visivoL'espressione dalla sua comparsa all'inizio del XX secolo e negli anni del dopoguerra. Tuttavia, attraverso questo approccio – guardare piuttosto che leggere – il libro crea nuove intuizioni sulla natura del fascismo, che sono estremamente utili nel presente.

“Sapendolo attivamente se sull'ascesa della destra globale, possiamo capire esattamente quanto fortemente le impressioni sensoriali visive possano legare le persone alla nazione", scrive Julia Adeney Thomas, una storica americana specializzata nel pensiero politico e filosofico giapponese.

Insieme allo storico britannico Geoff Eley, specializzato in nazionalismo radicale tedesco e fascismo, Thomas ha curato l'antologia Visualizzare il fascismo, che a differenza di molte altre opere sul fascismo non si concentra principalmente sull'Europa. Uno dei punti dell’antologia è che il fascismo è meglio inteso fin dall’inizio come un fenomeno globale.

Per cui l’Europa viene spesso analizzata come un laboratorio formativo fascismo è dovuto principalmente al fatto che lo è Europa, gli storici del fascismo si sono specializzati e interessati – non ai movimenti veri e propri del fascismo, che fin dall’inizio hanno attraversato i continenti. Portando l'Asia e le colonie europee al centro dell'analisi, la complessità e la storia del fascismo possono essere comprese molto meglio, sostiene Visualizzare il fascismo convincente per.

Fascismo portatile

Oggi i gruppi e i movimenti fascisti hanno opportunità di scambio e di incontro tra paesi e continenti in modi che non erano possibili all’inizio del XX secolo, ma in realtà lo sviluppo radicale dei mezzi di comunicazione e dei media visivi è stato uno dei presupposti fondamentali per il nascita e diffusione del fascismo – anche 20 anni fa. Thomas lo sostiene nell'introduzione, dove introduce anche la frase quadro «un concetto portatile di fascismo».

Nell'introduzione, Thomas esamina in modo fantastico e pedagogico i prerequisiti per l'ascesa del fascismo in un momento storico molto specifico, e le caratteristiche fondamentali del fascismo come mitologia e forza politica che seduce il popolo.

Si tratta di un'analisi così sfaccettata che non può essere resa giustizia all'interno di questo breve testo di revisione. Ma uno dei punti è che una destra globale non avrebbe potuto formarsi in quella particolare costellazione prima dell’ascesa del capitalismo coloniale, del socialismo e Stati nazionali. E allo stesso tempo – nonostante la funzione centrale dello Stato-nazione per l’ideologia fascista – il fascismo non avrebbe potuto prendere forma senza le nuove opportunità di rapido scambio globale di idee, persone e cose, sorte proprio all’inizio del XX secolo.

Il fascismo, secondo Thomas, è un prodotto della crisi politica nei moderni stati capitalisti. Pertanto, non può nemmeno essere liquidato come un fenomeno del passato, poiché sorgono costantemente nuove crisi e creano le condizioni per dinamiche politiche in cui cose simili al fascismo possono iniziare ad accumularsi.

I media fascisti in Cina

L'antologia contiene contributi, tra l'altro, sui media fascisti i Kina negli anni in cui il Partito Comunista e il Partito Nazionalista di Chiang Kai-Shek combattevano per il potere, sui toni e le sfumature fasciste nelle fotografie dei coloni nell'ex colonia tedesca Namibia, sulla notevole assenza di rappresentazioni visive della grandezza del Giappone durante la trasformazione fascista che portò alla Seconda Guerra Mondiale:; e sulle relazioni fasciste tra Paesi Bassi, Giappone e Indonesia durante l'incipiente crisi imperiale dei Paesi Bassi coloniali.

Certamente non è perché né Hitler né Mussolini verranno cancellati dalla storia Visualizzare il fascismo, ma i movimenti fascisti dentro Germania og Italia sono scritti nel loro contesto globale, il che conferisce all’analisi un potere completamente diverso – anche in relazione alla delucidazione delle forme del fascismo nel 21° secolo, sebbene gli autori si astengano saggiamente da analogie dirette.

Fascismo furtivo

Molti capitoli sono una lettura affascinante di fonti visive che, da ogni diverso punto di vista, ci rendono più saggi sul fascismo in tutta la sua complessità. Ma in realtà è proprio Julia Adeney Thomas a far volare analiticamente l'antologia, sia nella sua introduzione che nel capitolo «Japan's Imageless War: The Normalization of Fascism». Fa a dir poco rizzare i capelli leggere la sua analisi sul perché "l'enfasi della ricerca su un cambiamento istituzionale improvviso e premeditato, accompagnato da immagini drammatiche, è fuori luogo come chiave per comprendere l'ascesa del fascismo".

Se stai cercando un'analisi del fascismo più vicina al presente, rimarrai molto deluso.

Con le sue osservazioni discretamente precise sul cambiamento politico – il fascismo può arrivare ruggendo a colpi di stivali, ma può anche arrivare subdolamente nella sua forma migliore della domenica – Thomas compensa pienamente il fatto che la promessa di analizzare il fascismo non solo attraverso gli spazi, ma anche attraverso tempo, non del tutto trattenuto. Almeno non con pennellate così ampie come si potrebbe essere indotti a credere. Il periodo in tutti i contributi dell'antologia è abbastanza coerentemente limitato agli anni '1920 -'1940, e se cercate analisi del fascismo più vicine al presente, rimarrete quindi molto delusi.

D’altra parte, otterrai davvero un ottimo investimento se cerchi strumenti per riconoscere tu stesso le forme di espressione fasciste, ovunque e ogni volta che si manifestano.

Nina Trige Andersen
Nina Trige Andersen
Trige Andersen è una giornalista e storica freelance.

Potrebbe piacerti anche