ANTISEMITISMO / Sebbene descriva una storia alternativa degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale, Il complotto contro l'America dipinge un quadro spaventosamente realistico di come l'ideologia fascista può svolgersi nella pratica.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nella precedente edizione di MODERN TIMES di cui ho parlato La serie Netflix Messia, che si occupa del come Gesù forse sarebbe stato ricevuto se fosse tornato ai nostri tempi. Non da ultimo, i racconti di fantascienza sono spesso basati su esperimenti mentali che possono essere formulati con un "what if" introduttivo, ho scritto poi – nonostante il fatto che la serie in questione non rientri necessariamente in questo genere.

Gli esperimenti mentali e la speculazione sono certamente una parte essenziale della natura della narrativa in generale. Tuttavia, questo vale per alcuni tipi di narrativa in misura maggiore rispetto ad altri, e in particolare per quelli classificati come "narrativa speculativa". Il termine include fantascienza, fantasy e la cosiddetta "storia alternativa" – storie che prendono come punto di partenza se la storia avesse preso una direzione diversa. In quest'ultima sottocategoria troverai le recenti serie HBO La trama contro l'America, che è basato sull'omonimo romanzo del 2004 di Philip Roth.

Isolazionismo e antisemitismo

La serie è ambientata negli Stati Uniti all'inizio degli anni '40 e parla di una famiglia ebrea di Newark, nel New Jersey. Nella storia alternativa qui descritta, l'aviatore ed eroe popolare Charles Lindbergh vince le elezioni presidenziali su Franklin D. Roosevelt nel 1940. Con lo slogan "America First" (che è preso da un movimento esistente all'epoca), Lindbergh si preoccupa di mantenere gli Stati Uniti fuori dalla guerra in corso e mantengono relazioni diplomatiche con la Germania. I suoi atteggiamenti antisemiti modellano gradualmente la politica del paese, atteggiamenti che si dice abbia anche promosso in realtà. Come si oppose anche all'intervento degli Stati Uniti nella guerra, fino a quando non annullò l'attacco a Pearl Harbor.

La trama contro l'America SERIE TV I creatori della serie David Simon e Ed Burns
Il complotto contro l'America, SERIE TV, I creatori della serie David Simon e Ed Burns

Pochi mesi prima che Philip Roth morisse nel 2018, ha raccontato un'intervista con il New York Times che il romanzo non era inteso come un'allegoria politica sui tempi contemporanei. L'autore ha dovuto tuttavia ammettere che i parallelismi con gli Stati Uniti di oggi sono sorprendenti, con un presidente demagogico eletto dal popolo che elogia i dittatori di altri paesi e promuove false narrazioni, isolazionismo e xenofobia. Per non parlare delle tendenze fasciste, si potrebbe aggiungere. Nell’intervista Roth ha però sottolineato che il vero Lindbergh – a differenza di Donald Trump – era un vero eroe.

Le questioni sociali

Recentemente, il formato miniserie ha visto una rinnovata popolarità, forse soprattutto grazie al successo dei film strazianti ed eccezionalmente ben realizzati della HBO. Chernobyl. È anche una delle tante serie TV recenti che trattano temi politici attuali, anche se ambientati nel passato. IN Chernobyl gli eventi reali sono certamente riprodotti in modo molto autentico, senza la poesia storica alternativa che vi si trova La trama contro l'America. Le questioni di politica sociale sono centrali anche nelle serie più lunghe come la narrativa speculativa Il racconto della donna e il dramma Successione su una famiglia di gruppi mediatici, così come la miniserie norvegese 22. luglio e finora è durata una stagione Caccia alle streghe - per citarne alcuni.

Le serie TV lunghe offrono migliori opportunità per approfondire personaggi e temi, ma rischiano di diventare ripetitivamente inattive mentre cercano di tenere lo spettatore agganciato stagione dopo stagione. La drammaturgia della miniserie, invece, è una sorta di via di mezzo tra il lungometraggio e la serie di lungometraggi. Non da ultimo, questo formato sembra adatto per adattare i romanzi, mentre i lungometraggi spesso devono omettere dolorosamente molti elementi dalle loro proposte letterarie – allo stesso tempo i romanzi tendono ad avere narrazioni più chiuse di quanto richiedono le serie più lunghe.

Produzione sontuosa

Pertanto, sembra ragionevole che i creatori della serie David Simon e Ed Burns abbiano scelto il formato miniserie quando hanno dovuto imbarcarsi in un adattamento immaginario per la prima volta. Simon e Burns hanno già collaborato, tra le altre cose, a questo progetto rivoluzionario The Wire e la miniserie Generation Kill, entrambe serie con un alto grado di attualità sociale.

I La trama contro l'America si sono allontanati dall'espressione documentaristica che caratterizzava queste serie. La nuova serie è ovviamente una produzione molto sontuosa, con eleganti riprese e immagini in calde tonalità marroni – che è quasi diventata una convenzione all'interno dei drammi storici. È innegabilmente eseguito magnificamente, ma può darsi che la narrazione avrebbe guadagnato ancora più coraggio con un linguaggio più manuale e "più vicino alla realtà".

Spaventosamente rilevante

Anche se consiste solo di episodi della durata di sei ore, richiede molto tempo La trama contro l'America andando davvero avanti. Laddove il romanzo è raccontato attraverso il figlio più giovane Philip, l'adattamento alterna diversi membri della famiglia, in linea con la tradizione della serie televisiva di avere più di un personaggio centrale. I diversi modi della famiglia di relazionarsi alla situazione politica – dal padre di famiglia, fermamente oppositore (Morgan Spector) a sua cognata (Winona Ryder) che viene coinvolta con un rabbino amico del regime (John Turturro) – alla fine creare anche una spaccatura tra loro.

Il complotto contro l’America è spaventosamente attuale per i nostri tempi.

Tuttavia, il lento accumulo ha sicuramente uno scopo. Non solo perché conosciamo bene la famiglia, che sente sul proprio corpo gli atteggiamenti e le azioni ostili delle autorità, così come di altre parti della popolazione. Ma anche perché mostra come le ideologie fasciste spesso si affermano nella pratica: ciò non avviene dall’oggi al domani, ma gradualmente, tanto che per molti viene vissuto come giusto e naturale. Ed è proprio questo aspetto che conta La trama contro l'America così spaventosamente rilevante per i nostri tempi.

La trama contro l'America è disponibile su HBO Nordic,
Il primo episodio è stato presentato in anteprima il 17 marzo. I nuovi episodi vengono rilasciati il ​​giovedì.

Abbonamento NOK 195 al trimestre