Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Politica europea di difesa e sicurezza

EUROPA / In che modo l'UE, o il Consiglio d'Europa, possono assumere un ruolo guida nelle politiche di potere e l'UE dovrebbe rafforzare la sua cooperazione in materia di sicurezza e politica di difesa? O ora con la crisi ucraina, ad esempio, per promuovere un multilateralismo pragmatico piuttosto che attenersi a tutti i principi?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il mondo è dominato dall'imprevedibilità, dalle tensioni e dai conflitti tra USA, Cina e Russia. Una delle voci di spicco della Norvegia nel dibattito sulla difesa, tenente colonnello e ricercatore presso l'Accademia norvegese della difesa, Tormod Heier, indica i dilemmi che un'UE più assertiva deve affrontare:

"Se l'UE vuole assumere un ruolo guida nella promozione di un ordine mondiale liberale, sorgerà anche un difficile dilemma: l'UE dovrebbe stare con le spalle dritte e promuovere la democrazia, i diritti umani e lo stato di diritto di fronte ai rivali autoritari della Cina e la Russia? O l'UE dovrebbe piuttosto promuovere un multilateralismo pragmatico, dal momento che l'UE è meglio servita dalle grandi potenze USA, Cina e Russia che raggiungono un accordo? Perché se l'UE è gravata dalla sua eredità liberale, il mondo probabilmente diventerà più polarizzato. Così, anche il sistema multilaterale di cui fa parte l'UE rischierà di essere paralizzato. Ma d'altra parte: se questo pragmatismo risuona a Bruxelles, anche i valori fondamentali dell'UE, come la libertà di espressione e il rispetto dello stato di diritto, saranno indeboliti. Pertanto, può darsi che le stesse fondamenta della comunità europea si stiano deteriorando. Non a causa delle pressioni dei rivali autoritari dell'est, ma perché il sindacato sta marcendo dall'interno".

"Non è un caso che Ucraina significhi 'terra di confine' in slavo".
Tormod Heier

Heier ritiene che l’UE dovrebbe dare priorità alla propria politica estera e di sicurezza: “Tale definizione di priorità può, ad esempio, iniziare risalendo alle radici del motivo per cui il predecessore dell’UE – la Comunità europea del carbone e dell’acciaio del 1952 – ha visto la luce. Perché era già uno scopo riunire gli ex nemici: la Germania occidentale, l’Italia, la Francia e i paesi della Be-Ne-Lux. Questa logica ruota attorno alla creazione della pace in Europa. Ed è rilevante oggi come lo era dopo la seconda guerra mondiale”.

Tormod Heier

Allora perché non usare l’Ucraina come laboratorio per una comunità paneuropea più inclusiva, si chiede Heier: "Una testa di ponte politico-commerciale tra la Russia e l'UE e un progetto di pace smilitarizzato in cui l'UE attribuisce all'Ucraina un ruolo strategico di costruzione di un ponte. Perché non è senza ragione che Ucraina significa "terra di confine" in slavo: il paese è stato per secoli sotto l'impero asburgico a ovest e sotto l'impero zarista russo a est." (la dichiarazione prima dell’invasione. ndr)

È qui che l’UE si trova ad affrontare una delle sue più grandi minacce, secondo Heier: “Una Russia sempre più autoritaria e isolata – una potenza nucleare che teme le forze americane vicine ai propri confini. Ma che vogliono comunque una più stretta collaborazione economica con i loro cugini occidentali. È in questa terra di confine che si trova la chiave della stabilità e dell’integrazione europea. Se l’UE vuole, può sfruttare i meriti derivanti dall’assegnazione del Premio Nobel per la Pace nel 2012: diventare promotore di una bassa tensione tra Est e Ovest, in un paese di confine dove possono essere messi solo beni, servizi, persone e capitali. essere scambiato. E dove le forze militari e l’appartenenza alle alleanze sono regolate più rigorosamente di quanto avvenga nelle zone più a est e a ovest del continente."

Autonomia strategica europea

Ricercatore di diritto internazionale e di conflitti Cecilia Hellestveit dell’Istituto norvegese per i diritti umani (NAIL) e dell’Istituto norvegese per i diritti umani (NIL) si preoccupano dell’incertezza geopolitica, dell’instabilità e di un nuovo ordine mondiale:

"Il Consiglio d'Europa e l'UE sono entrambi progettati per resistere ai pericoli che conosciamo dalla storia europea. Molte delle sfide che l’Europa deve affrontare oggi provengono dall’esterno, e l’Europa deve dotarsi di meccanismi e strumenti decisionali in grado di proteggersi dalle forze esterne. Consiglio d'Europa si trova in una situazione impegnativa perché è molto ampio – come la Turchia, la Russia e il Caucaso – e ha meno autorità sugli Stati membri rispetto all’UE.

Cecilia Hellestveit

Per l’UE la sfida è questa geopolitico rivalità e strumenti ibridi toccano il cuore degli ambiti originari di cooperazione dell'Unione: le strutture economiche, finanziarie e industriali. Attori statali esterni, come Cina, Russia e Stati Uniti, interferiscono sempre più attraverso strutture di proprietà sostenute dallo Stato, operazioni di influenza o giurisdizione extraterritoriale. Questi mettono in discussione l’autonomia e la legittimità dell’UE come entità politica ed economica. Se l’UE non è in grado di proteggere le sue attività principali – l’attività economica – difficilmente la sua legittimità potrà reggere. L’UE ha bisogno di un maggiore grado di integrazione politica per gestire le sfide che provengono dall’esterno, e quindi è naturale e necessario assumere un ruolo di maggiore leadership nella politica di potenza.

Per estensione, l’UE deve anche dare priorità alla stabilizzazione dei paesi vicini a sud al fine di ridurre i conflitti armati che possono estendersi ai gruppi di popolazione europei, aumentare il controllo della pressione migratoria e ridurre l’uso dei destini umani da parte di attori esterni come mezzo di politica politica. pressione.»

Quando si tratta di autonomia, Hellestveit sottolinea a MODERN TIMES che "sta aumentando rapidamente la necessità di meccanismi decisionali più centralizzati per salvaguardare l'autonomia strategica europea nelle aree in cui le minacce esterne sono evidenti. Ciò richiederà una politica di sicurezza e difesa più coordinata, una politica comune di sanzioni e strumenti comuni come strumenti finanziari per proteggere i soggetti giuridici europei (stati, aziende e individui) contro regimi sanzionatori, influenza o giurisdizione extraterritoriale da parte di attori esterni con l’intento di influenzare , distorcendo o dettando la politica dell'UE».

Secondo Hellestveit, tali cambiamenti richiederanno una comprensione condivisa della situazione e una percezione separata delle minacce esterne: "Ciò rischia di aumentare le contraddizioni tra l'UE e altri alleati tradizionali in alcune aree. Le istituzioni dell’UE dovrebbero concentrarsi principalmente sulle minacce non territoriali, come le minacce digitali e finanziarie, le infrastrutture economiche, la sicurezza alimentare, la preparazione sanitaria, la migrazione e altro, invece che sui tradizionali settori della politica di sicurezza, dove la cosa più importante è garantire l’integrità territoriale ."

Un’Europa unita

Commentatore e autore dell'Aftenposten Frank Rossavik sottolinea la distanza tra sogno e realtà: "Sono federalista, quindi sono d'accordo a colmare il deficit democratico e a creare un esercito europeo. Un’UE che funzioni bene e sia abbastanza forte da resistere da sola, senza fare affidamento sugli Stati Uniti. Allora l’UE avrebbe potuto anche assumere un ruolo più globale, di cui il mondo avrebbe goduto. Ma il realismo è ancora debole. E le forti tensioni tra le democrazie liberali in Occidente e gli stati autoritari in Oriente rappresentano un limite. L’uscita della Gran Bretagna rende un esercito congiunto ancora più utopico di prima”.

"Sono federalista, quindi sì alla creazione di un esercito europeo." Frank Rossavik

Scrittore di Klassekampen, autore e ricercatore post-dottorato presso la BI, Olà Innset, non vede l'utilità del riarmo militare: "Chiamatemi ingenuo, ma ho il vantaggio di essere convinto che il riarmo militare sia la strada da percorrere per difendere e diffondere benefici come la libertà di espressione e lo stato di diritto. Quando gli Stati Uniti sono indeboliti, non credo che la soluzione sia che l’UE assuma il ruolo di polizia mondiale. Non fraintendetemi, ci sono molte cose del cosiddetto West che mi piacciono davvero, ma abbiamo un po' di terreno da recuperare anche qui a casa. Le devastazioni disastrose degli Stati Uniti in Medio Oriente negli ultimi decenni mostrano con tutta la chiarezza possibile che non è possibile costruire la democrazia con le armi in mano. Immagino che comunque non fosse questo lo scopo della 'guerra al terrore'."

"Ho il vantaggio di essere convinto che il riarmo militare sia la strada da percorrere".
Ola Morris ha realizzato

Per il consigliere politico #Alexander Zlatanos Ibsen# la politica di sicurezza è un importante ambito di cooperazione per l'UE: "Potrei essere turbato dalla situazione di tensione in questo momento nell'Europa orientale, ma sottolineerò ugualmente la politica di sicurezza come ambito in cui è importante che l’UE cooperi più strettamente. Storicamente, l’UE è nata da una collaborazione intorno alla produzione di carbone e acciaio, con una graduale espansione e integrazione fino a creare un’area monetaria comune. Inizialmente l’intenzione era quella di ottenere il controllo dell’industria degli armamenti, che deve essere visto come un progetto di pace – coronato con il Premio Nobel nel 2012.

Alexander Zlatanos Ibsen

Ci sono buone ragioni per riprendere questo filo, e nessuno è stato più chiaro di Emmanuel Macron, presidente della Francia, che ora detiene la presidenza dell’Unione. La famosa idea di un 'esercito europeo' permanente è stata lanciata da lui, e l'idea di 'autonomia strategica' per l'Europa è un'idea che ha un background nella geopolitica francese."

Ma secondo Zlatanos Ibsen, rafforzare la cooperazione in materia di politica di sicurezza non è un compito facile: "I singoli Stati membri temono che una maggiore cooperazione militare vada a scapito della NATO o spaventi i britannici recentemente usciti dalla Brexit. Altri indicano la prolungata paralisi dell'azione di fronte alla guerra in seguito alla disgregazione della Jugoslavia come prova del fatto che l'Europa rimarrà frammentata nella politica di difesa. È altrettanto fondamentale che queste iniziative non si fermino. Gran parte della politica di sicurezza americana sarà messa a dura prova dai conflitti in altre parti del mondo. Una Russia assertiva dovrà sperimentare un’Europa unita per fermare il suo comportamento.»

Dal punto di vista economico, l'UE ha introdotto, attraverso un atto giuridico separato, procedure e meccanismi per il controllo degli investimenti esteri nelle imprese e nelle infrastrutture dei paesi membri: "La Commissione europea ha adottato diverse iniziative per combattere le fake news e la disinformazione a seguito della pandemia . Il lavoro è in divenire, ma sarà decisivo per la capacità dell’Europa di resistere alle campagne di influenza. Infine, vale la pena ricordare che con ogni probabilità l’UE risponderà alla prossima ondata di rifugiati in modo più collettivo rispetto a quanto abbiamo visto nel 2015”.

Tutti questi ambiti hanno conseguenze per la sicurezza comune europea di fronte a un quadro di minacce nuovo e complesso: "Una cooperazione rafforzata in questi ambiti rafforzerà quindi l'intera Unione". Anche paesi stranieri come la Norvegia ne trarranno vantaggio se seguiamo una politica che ci mantiene ancora vicini all’UE. È un lavoro lento e complesso, ma il futuro successo dell’Europa sarà misurato dal suo completamento”.

Nuovi centri di potere

Og Svein Richard Brandtzæg, ex amministratore delegato di Norsk Hydro, vuole un'Europa unita in una situazione caratterizzata da nuovi centri di potere: "Se guardiamo allo stato nero delle cose, Stati Uniti, Russia e Cina sono ora, nella peggiore delle ipotesi, nel processo di instaurare una nuova cortina di ferro. Ma anche qui l’Europa può giocare le sue carte. La minaccia per gli Stati Uniti è che l’Europa si sta spostando verso est e sta riducendo i suoi legami con gli Stati Uniti. Nella peggiore delle ipotesi, gli Stati Uniti potrebbero rischiare di diventare un’isola lontana da dove si sviluppano le cose. Un altro scenario è quello di un mondo bipolare con gli Stati Uniti e l’Asia come centro di gravità. Vediamo che il gioco geopolitico è in corso laddove le posizioni dei pezzi non sono state definitivamente determinate. L’Europa deve stare attenta a non cadere tra due sedie. Ciò richiede un’Europa più unita”.

Ma secondo Brandtzæg, l’Europa si trova ad affrontare sfide – esterne e interne – che minacciano questo sviluppo: “Sfide che minano i valori europei e attaccano la posizione dell’Europa nel mondo. La minaccia esterna deriva dall’indebolimento del sistema internazionale basato su regole che abbiamo dato per scontato per molti decenni. Dopo la seconda guerra mondiale, l’Europa e gli Stati Uniti si sono uniti e hanno creato istituzioni che hanno garantito sicurezza e stabilità. Questa cooperazione ha assicurato la fine della Guerra Fredda e lo sviluppo del commercio globale. La visione è stata che la globalizzazione con un commercio libero ed equo sostiene lo sviluppo economico reciproco e la libertà politica. La minaccia interna in Europa deriva da un populismo in disintegrazione e da un crescente nazionalismo alimentato dal fatto che lo sviluppo economico europeo non soddisfa le aspettative di tutti gli europei. Oggi vengono poste sempre più domande sui meriti della globalizzazione e dell’europeizzazione. È necessario che i benefici che ne derivano siano condivisi in modo più equo. La distribuzione sociale ineguale e un divario di reddito più ampio, la rivoluzione digitale, la crisi climatica e ambientale sono alcuni degli elementi."

Cooperazione tra UE e NATO

Ricercatore senior Pernille Rieker presso l’Istituto norvegese di politica estera, NUPI, si preoccupa del mantenimento dell'equilibrio e della cooperazione transatlantica: "Quando si tratta delle minacce politiche e militari alla sicurezza esterna dell'Europa, non c'è dubbio che la NATO e la cooperazione con gli Stati Uniti siano, e continueranno ad essere, assolutamente centrali. Ma l’Europa ha un problema se il continente viene considerato debole e senza capacità e capacità di difesa sufficienti da parte di soggetti minacciosi, senza gli Stati Uniti. Era qualcosa con cui convivere fintantoché gli Stati Uniti avevano gli stessi interessi politici di sicurezza dell’Europa. Ma non è più così ovvio. Gli Stati Uniti hanno assunto il ruolo di fedele alleato nel conflitto in corso con la Russia, e questo dimostra una stretta cooperazione transatlantica. La domanda è: come l’Europa affronterà gli sviluppi a lungo termine? Come si relazionerebbero gli Stati Uniti con questo conflitto se Trump fosse ancora presidente?"

Pernille Rieker

Secondo Rieker l'Europa deve quindi rafforzare la propria capacità di difendersi: "Non per indebolire il transatlantico, ma per essere un partner credibile e per poter contribuire meglio alla risoluzione delle sfide. È importante per ovvi motivi di politica di sicurezza, ma è anche importante che l’Unione riesca con i suoi numerosi progetti ambiziosi in altri settori. Allo stesso tempo, non è realistico che l’UE diventi un attore militarmente completamente indipendente”.

Sono state tuttavia introdotte importanti misure di rafforzamento delle capacità: "È importante continuare a sostenere e sviluppare i processi già in corso all'interno dell'UE, come la PESCO (la cooperazione strutturale permanente dell'UE) e il FES (il programma di cooperazione strutturale permanente dell'UE) fondo per la difesa). Ma ciò non è sufficiente, né rafforzerà la capacità di agire a breve termine. È quindi importante che si apra in ogni momento anche un maggiore grado di flessibilità e coordinamento della complessiva capacità di difesa europea, sia che sia istituzionalmente collegata alla NATO, all’UE o a varie forme di cooperazione regionale”.

Secondo Rieker ciò significherà che in futuro ci si dovrà aspettare che singoli paesi o costellazioni di paesi si uniscano per risolvere una crisi in breve tempo: "L'intervento francese in Mali nel 2013 può essere inteso in questo modo. E l’iniziativa francese di creare l’Iniziativa di Intervento Europeo (EI2) è un modo per preparare il terreno per costellazioni ad hoc in una possibile situazione di crisi. Anche altre forme esistenti di cooperazione regionale – nordica e altre europee – dovrebbero poter essere facilmente sviluppate ulteriormente in una direzione simile. In questo contesto è particolarmente importante il processo che accompagna lo sviluppo di una bussola strategica. E non è un caso che questi lavori si concluderanno sotto la presidenza francese."

Ma per riuscire a rafforzare la capacità di difesa europea non si può evitare di rafforzare la cooperazione tra UE e NATO, secondo Rieker: "Questo è qualcosa che la maggior parte delle persone sostiene in teoria. Ma allo stesso tempo c’è ancora un sorprendente scetticismo, soprattutto in Norvegia. Molti temono ancora la duplicazione e l’indebolimento delle relazioni transatlantiche. Allo stesso tempo, dobbiamo prendere atto della realtà che le relazioni transatlantiche stanno cambiando e che è necessario ripensare la politica di sicurezza europea e la difesa del nostro modello sociale."

Il rappresentante parlamentare del partito laburista Trine Lise Sundnes# sottolinea a MODERN TIMES: "Sebbene il partner più vicino e naturale dell'UE nella politica di difesa sia la NATO, non c'è motivo per cui l'UE non possa fare di più da sola.

La necessità di contribuire a una maggiore stabilità nel proprio quartiere e tra le regioni, e l’aumento degli attacchi ibridi e informatici vanno nella direzione di tali esigenze. Sebbene le forti relazioni transatlantiche e la garanzia di sicurezza nella NATO rimangano un pilastro della sicurezza europea, il Presidente della Commissione sottolinea l'opportunità dell'UE di contribuire attraverso una combinazione di presenza militare e civile, diplomazia e sforzi di politica di sviluppo. Von der Leyen sottolinea le aspettative – e la volontà – degli Stati membri di rafforzare la capacità dell’UE di salvaguardare la sicurezza interna ed esterna”.

Christina War Hanssen

Controllo delle esportazioni

Paal Frisvold
Paal Frisvold
Scrittore per MODERN TIMES su temi europei.

Articoli Correlati