Teatro della crudeltà

La crisi dell'Europa è filosofica

Una filosofia per l'Europa
Forfatter: Roberto Esposito
Forlag: Polity Press (UK)
L'Europa soffre di una crisi poco chiara: le forze che dovrebbero unirci sono assenti, mentre le contraddizioni che dovrebbero portare avanti qualcosa di nuovo sono troppo vaghe. Un chiarimento filosofico della malattia è necessario per prepararsi a una sana lotta politica. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Negli ultimi decenni Roberto Esposito si è distinto come uno dei pensatori più importanti e accessibili d'Italia, ed è noto soprattutto per i suoi libri sulla comunità: immunitas og communitas. Il pensiero della società (communitas) è connesso con un pensiero dell'immunità, perché ogni società è come una comunità protetta contro un esterno ostile. Quella che con Schopenhauer e Nietzsche era una filosofia di vita speculativa è passata attraverso le ultime opere di Foucault e si è trasformata in un pensiero "biopolitico". La controversia riguarda le condizioni di vita sia per i singoli corpi che per il corpo della società nel suo insieme.

Anche in Esposito c'è un forte legame con la "biopolitica" di Foucault – che tocca la salute, la sessualità e la morte – così come con le riflessioni del compianto Heidegger su tecnologia e natura. Per Esposito sono decisive anche le due guerre mondiali, soprattutto la seconda. E questo non solo perché quello era il periodo in cui Heidegger visse i suoi anni più bui e lasciò che i suoi pensieri profondi sul tempo e sul destino toccassero le visioni storiche dei nazisti. Anche perché è stato durante le guerre mondiali che una gestione meccanica della vita e dei corpi umani si è mostrata nella sua forma più mostruosa come il vero rovescio della civiltà: la crisi dell'Europa era stata a lungo latente nella cultura e nel pensiero, ma ora si manifestava pienamente su un piano piano politico e geografico – e portò con sé il resto del mondo.

Una crisi filosofica in Europa. Esposito ci ricorda che “crisi” è un termine della medicina che denota la condizione del paziente in bilico tra la vita e la morte. Le minacce terroristiche e la crisi migratoria danno l'impressione che i problemi arrivino dall'esterno e che, in termini biopolitici, si tratti di immunizzarsi dal mondo esterno. Esposito ha sottolineato altrove che la biopolitica non riguarda solo l’autodifesa immunologica e la pura lotta per la sopravvivenza. Le crisi possono anche essere viste come espressione di una nascita in corso – un tentativo persistente di prendere vita e trovare forma. I problemi esterni sono espressioni di trasformazioni che la filosofia può anticipare.

[ihc-hide-content ihc_mb_type = "mostra" ihc_mb_who = "1,2,4,7,9,10,11,12,13 ″ ihc_mb_template =" 1 ″]

Con un brivido vediamo sgretolarsi sotto uno sguardo freddo e diffidente tutte le convinzioni confidenziali della comunità, che in realtà è la nostra.

Molto prima delle guerre mondiali, Nietzsche diede un nome alla crisi europea: nichilismo. Questo "più spaventoso di tutti gli ospiti" è una negatività senza casa che bussa alla porta. Con un brivido vediamo sgretolarsi sotto uno sguardo freddo e diffidente tutte le convinzioni confidenziali della comunità, che in realtà è la nostra. La mancanza di verità autorevoli e di valori convincenti al centro della cultura non può essere coperta dai "fatti" più o meno incontrovertibili della scienza, ritiene Esposito. Né valori di mercato calcolabili e interessi economici comuni possono risolvere il problema del nichilismo. Esposito cerca la chiave per il cammino dell'Europa attraverso una lettura critica della tradizione filosofica.

Un ritratto di famiglia. Il lettore può sentirsi a disagio quando l'ambiziosa ricerca di Esposito di un modello nascosto si ramifica in un ritratto filosofico di famiglia, un intero albero genealogico di pensatori lungo un secolo e mezzo, organizzato da familiari tedeschi, francesi e italiani. Evidenzia connessioni nascoste, racconta aneddoti di incontri raccontati e disegna i contorni di aspre faide e ripidi fronti nel panorama filosofico. Tuttavia aiuta il lettore fornendo costantemente nuove articolazioni del "problema dell'Europa", che alla fine si ramifica in ogni sorta di eventi storici e nodi metafisici. Naturalmente è forte la tentazione di cercare sia la causa che la cura alla radice dell'albero genealogico: cercare un'unità originaria perduta per trovare la via da seguire. Proprio qui sta la tentazione più pericolosa, ritiene Esposito.

Il desiderio di un'unità salvifica e di una verità più profonda nelle origini dell'Europa – nella cultura greca – trovò la sua forma più sentimentale nel neoclassicismo e nel romanticismo tedeschi, dove il greco era unito al locale. Nel periodo tra le due guerre la ricerca delle radici divenne un’ossessione filosofica. Allo stesso tempo, la storia politica è ossessionata dal concetto di L'impero che tenta di incarnare l’universale. Dopo l'Impero Romano, l'impero risorge in forme spagnole, austriache, francesi e inglesi. Il desiderio di impero trovò la sua espressione più convulsa nel Terzo Reich di Hitler. Qui l’eredità classica fu ridotta a un vuoto ornamento politico, e l’ossessione europea di trovare verità universali si trasformò in un esilio totalitario di ciò che è diverso.

Associazione senza unità. In parole povere, Esposito cerca di separare tutti coloro che pensano dall'unità e dalle radici, da coloro che cercano la chiave nel diverso, o dal “fuori”. Nietzsche non si faceva illusioni su un'unità originaria del passato, ma vedeva che l'eredità greca conteneva contraddizioni esplosive. Esposito fa riferimento al fatto che il pensatore nazista Carl Schmitt si era reso conto già nel 1945 che l’Europa era condannata a confrontarsi con nuovi imperi in un gioco globale che prevale sulla sovranità degli Stati. Questi imperi furono, dopo la guerra mondiale, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, ma anche in un’Europa apparentemente post-imperiale, gli stati sono dominati dall’egemonia mondiale del neoliberismo sotto forma di unità economiche sovranazionali. Allo stesso tempo, gli Stati sono indeboliti da conflitti interni e da una diversità apparentemente incompatibile di gruppi identitari di tipo tribale.

Esposito conclude che l'Europa non deve cercare la propria identità nel passato, ma nel futuro. Non è nell’unità, ma nella diversità e nelle contraddizioni che l’Europa deve trovare la sua strada da seguire. Inoltre, le risposte non si trovano all'interno dei confini dell'Europa, ma all'esterno, nel contesto globale. L’Europa deve abbracciare le proprie contraddizioni, minoranze e tensioni interne se vogliamo continuare ad avere qualcosa da insegnare al mondo sulla democrazia e sul progresso della civiltà.

L’Europa deve abbracciare le proprie contraddizioni, minoranze e tensioni interne se vogliamo continuare ad avere qualcosa da insegnare al mondo sulla democrazia e sul progresso della civiltà.

Due popoli europei. Dopo aver dipinto un panorama vertiginosamente complesso, Esposito si concede una semplificazione sorprendentemente radicale nelle pagine finali del libro. La tesi suona più o meno così: i paesi europei sono riusciti a malapena a unirsi attraverso trattati commerciali e regolamenti burocratici, ma questa è una falsa unione che abbraccia solo le élite privilegiate e viziate delle singole nazioni. Avremo un vero incontro solo quando gli indignati, gli emarginati e gli affamati – la seconda popolazione d’Europa – si uniranno e conquisteranno autorità politica. Solo se questi fronti si cristallizzeranno in un conflitto chiaro e intensificato, la crisi europea potrà trasformarsi in una cura.

Esposito ha colto un'intuizione che è nell'aria, ma che rischiamo ancora di trascurare. Oggi, le nuove formazioni fasciste ci riportano al panorama del periodo tra le due guerre. In una lotta demagogica su concetti di identità obsoleti, diversi gruppi di diseredati si rivoltano gli uni contro gli altri, mentre le élite del potere economico rimangono intatte. Esposito chiede così, a nome della filosofia italiana, una nuova forma di lotta di classe illuminata che possa essere rilevante anche per il resto del mondo. L’Europa deve rinascere – o morire nella coazione storica a ripetere, nelle reazioni allergiche eccessive e nei progetti identitari obsoleti.

[/ ihc-hide-content]
Anders Dunk
Anders Dunker
Filosofo. Critico letterario regolare a Ny Tid. Traduttore.

Potrebbe piacerti anche