Teatro della crudeltà

Dopo un'estate piena di terrore

I terroristi stanno cercando di costringerci a entrare in modalità guerra. Dobbiamo essere consapevoli del nostro ruolo nel teatro del terrore.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Dall'inizio del Ramadan all'inizio di giugno, quasi 1200 persone sono state uccise in 75 attacchi terroristici in 22 paesi. L'organizzazione terroristica ISIS ha chiesto specificamente attacchi durante il mese di digiuno del Ramadan, e gli attacchi sono continuati con la stessa frequenza dopo la fine del Ramadan, un attacco più brutale dell'altro. In particolare, sono gli obiettivi altamente simbolici – come una roulotte che ha falciato le famiglie quando hanno celebrato la festa nazionale a Nizza e la decapitazione di un sacerdote nel nord della Francia – che lasciano tracce profonde nella nostra mente. Questo perché il terrore è principalmente una guerra psicologica. Veniamo trascinati involontariamente nel teatro del terrore.

L’effetto immediato del terrore è la paura. La paura è una delle nostre emozioni più forti e dominanti, direttamente collegata al nostro istinto primordiale: la sopravvivenza. Spesso la paura è accompagnata dalla rabbia, un’altra emozione forte e dominante, che indebolisce la nostra capacità di pensare in modo sfumato e razionale. Questo è esattamente ciò che vogliono i terroristi. Vogliono creare il caos e la sensazione che siamo tutti sotto attacco. Stanno cercando di costringerci alla modalità guerra. In questo modo, il terrorismo colpisce molto più di coloro che ne sono direttamente colpiti. L'intera popolazione è fortemente colpita e si crea una massiccia aspettativa che le autorità facciano qualcosa: adottino misure immediate ed eliminino la minaccia terroristica. L'unico problema è che è molto difficile mettere in atto misure efficaci contro questo tipo di attacchi, cioè azioni contro obiettivi deboli effettuate con armi semplici da persone disposte a morire nell'attacco.

Molta attenzione. Sulla scia di attacchi così crudeli, diversi attori politici cercano naturalmente anche di sfruttare l’umore facilmente influenzabile dell’opinione pubblica. Esempi di schemi populisti sono che l’immigrazione porta al terrore e che quindi dobbiamo chiudere le frontiere; che il razzismo provoca la radicalizzazione e che dobbiamo pertanto introdurre maggiori misure contro il razzismo; o che l’Islam crea terrore, e che quindi dobbiamo chiudere le moschee o tenere i musulmani fuori dal Paese. Tali modelli e soluzioni causali non porteranno a meno terrore.

L’elemento più importante per poter sferrare un attacco terroristico organizzato è la capacità di rendere effettivamente operativo un attacco: disporre di risorse, reti, conoscenze e un rifugio per l’organizzazione e la pianificazione. Questo è ciò che rende le cellule legate all’Isis così pericolose: hanno tutto questo nelle aree che controllano in Siria, Iraq e Libia. Inoltre, attraverso la spettacolare distribuzione di film violenti, l’Isis è riuscito a guadagnare costante attenzione da parte dei media. In questo modo diventa interessante anche per individui mentalmente instabili e violenti collegare i loro omicidi di massa all’Isis, e avere così la garanzia che i loro misfatti passeranno alla storia. In quest'ultima forma di attacco l'organizzazione ISIS non deve muovere un dito, la drammaturgia avviene da sola.

Rapida radicalizzazione. Un termine che è emerso in relazione agli autori degli attentati di Orlando e Nizza è radicalizzazione rapida. Un rapporto di Rik Coolsaet del Royal Institute for International Relations di Bruxelles studia la nuova ondata di jihadisti e li confronta con le precedenti generazioni di jihadisti, compresi quelli che si unirono ad Al Qaeda prima dell'9 settembre. L’età media di un jihadista europeo negli anni 11-2001 era di 2009 anni. Oggi la media è più vicina ai 27,7 anni. Dieci anni fa ci volevano anni di indottrinamento religioso per trasformare le persone in jihadisti, oggi possono bastare poche settimane. Dall’Occidente, l’Isis è riuscito negli ultimi anni ad attirare oltre 20 combattenti, principalmente giovani uomini, nati o cresciuti in Occidente con genitori provenienti da comunità musulmane.

Dieci anni fa ci volevano anni di indottrinamento religioso per trasformare le persone in jihadisti, oggi possono bastare poche settimane.

La decisione di unirsi all’Isis è spesso impulsiva e poco ponderata. Pochi combattenti dell’Isis hanno un background nell’attivismo politico o religioso, e pochi hanno qualche legame con la Siria o l’Iraq. Ciò che la vecchia e la nuova generazione di jihadisti hanno in comune è l’importanza dei legami sociali: unità, fratellanza e cameratismo. La sincera lealtà e la cura reciproca sono un lato più tenero della vita jihadista che non deve essere sottovalutato e che è un fattore motivante altrettanto forte per compiere azioni che molto probabilmente porteranno alla morte, quanto lo è la stessa dottrina del martirio. La propria morte aiuterà i propri compagni d'armi, per i quali si prova un affetto immenso. Sui social i jihadisti spesso si riferiscono tra loro con espressioni positive come “belli”, “coraggiosi come leoni” e “con i volti pieni di luce”, e si scambiano dichiarazioni d’amore.

Propaganda su misura. La scelta di aderire all’Isis è quindi più una scelta emotiva che razionale. I legami sociali con altri membri dell’Isis sono spesso cruciali. Sono pochi quelli che si uniscono completamente da soli. Anche l’Isis adatta la sua propaganda ai vari paesi. La propaganda diretta ai musulmani scandinavi è diversa da quella diretta, ad esempio, ai musulmani francesi o tunisini. Dalle nostre parti si gioca sulla ricerca di appartenenza, riconoscimento, rispetto, senso di avventura e senso della vita. Prendono di mira i giovani che la nostra società non vuole, che sono criminali, instabili, tossicodipendenti, vulnerabili all’abbandono e alla discriminazione. Nell'ISIS trovano l'amore, sia da parte dei compagni che di diverse mogli che sono motivate a fare di tutto per rendere il loro duro guerriero il più a suo agio possibile mentre compie l'ultimo sacrificio. I peccati cancellati e la promessa della pace eterna e della salvezza attirano i giovani con un passato turbolento e senza radici.

La nostra carta più forte. L'ideologia salafita-jihadista che coltivano, rafforza e gioca sugli strati delle esperienze personali, dei legami emotivi e sociali. Inoltre, legittima la disumanizzazione delle vittime. Gli insegnamenti e le tradizioni tolleranti e umane all'interno dell'Islam vengono rifiutati, o riservati solo a pochi selezionati "veri credenti". La comunità che si crea appare così forte e significativa che anche le persone che non hanno un contatto diretto con la comunità vogliono farne parte.

Da parte nostra, tutti questi crudeli atti di violenza portano alla divisione e alla polarizzazione nella società. È poi fondamentale ricordare che, così come il senso di comunità è la principale forza dei jihadisti, è anche la nostra carta più forte.

Potrebbe piacerti anche