TAG

film dal sud

Il diavolo è nel sistema

PENA DI MORTE: Il vincitore di Berlino Non c'è nessun diavolo è una dichiarazione forte contro le esecuzioni statali iraniane e una rappresentazione moralmente complessa del vivere in una società totalitaria.

30 anni con Film fra Sør

FESTIVAL DIGITALE: "È un anno speciale", affermano Lasse Skagen e Åse Meyer di Film fra Sør. Con la chiusura dei cinema di Oslo, l'edizione per l'anniversario di quest'anno del festival sarà organizzata digitalmente.

Quando uccidere è l'unica soluzione

ABUSO: In una struttura giovanile iraniana, un gruppo di ragazze adolescenti sta scontando condanne. Hanno ucciso tutti un padre, un fratello o un coniuge.

Sensibile pittura cinematografica araba

DONNE: Un rapporto sensuale e forte tra donne senza un tocco di atmosfera hollywoodiana.

"Fottiti, Bashar"

SIRIA: Il nuovo documentario di Feras Fayyad mostra il coraggio, la resistenza e la solidarietà delle persone in un ospedale sotto la bomba.

Colorato sul pregiudizio fatale

l'ingiustizia: Superstizione e profezia preparano il terreno per una storia in cui una maledizione dice che il personaggio principale morirà prima che compia vent'anni.

Divieti di calcio e partite femminili

CALCIO DELLE DONNE SUDANE: Quando il sogno africano non è quello di incontrare il giusto, ma di giocare nella squadra nazionale.

Gara per gli incidenti

CACCIA PAZIENTE: L'intenso e affiatato documentario Midnight Family segue un'ambulanza di proprietà familiare a Città del Messico, e il loro dilemma estremo tra il salvataggio e il guadagno.

Operazione schiava in alto mare

DOLCE MODERNO: La mafia tailandese sta ingannando o rapendo uomini che finiscono per diventare schiavi sui pattini da pesca. Un'attivista sta lottando per la vita dei pescatori.

Quando andare al cinema diventa un atto politico

SUDAN: Quale ruolo può svolgere il cinema nella costruzione della democrazia?

Signorie e parassiti

Palma d'oro-WINNER: Le distinzioni di classe moderne sono fortemente presenti nel film Parasite di apertura del film di quest'anno, che è una satira sociale esuberante e pungente di cui non si dovrebbe sapere troppo in anticipo.

Il difensore perso

ISRAELE: Per quasi cinquant'anni, Lea Tsemel è stata in prima linea nella lotta per la giustizia e la compassione per coloro che sono stati persi e impossibili da difendere.

Note significative da un maestro giapponese

In Ryuichi Sakamoto: Coda, il regista Stephen Nomura Schible presenta un incontro intimo con un artista e un attivista. Mi sento il privilegio di essere così vicino al suo universo creativo.

Nessuno penserebbe che qualcuno potrebbe bu

I telefoni rottamati, i monitor per PC e i frigoriferi di West diventano una sorta di sostentamento per i molti che vivono nella più grande discarica di rifiuti elettronici del mondo, Sodom

Laila, la madre dei tossicodipendenti

Laila at the Bridge ci porta in un estenuante viaggio nel cupo ambiente della droga di Kabul, accompagnato da una donna che cerca di salvare i tossicodipendenti.

Un ritratto di una pop star diversa

"Perché sei una pop star problematica?", Chiede il regista Stephen Loveridge nel documentario su MIA Le risposte puntano ben oltre la personalità intransigente e talvolta stimolante dell'artista.

Una preghiera cinematografica

Lo scavo cinematografico del genocidio cambogiano di Rithy Panh sta entrando nel suo terzo decennio, con almeno cinque tentativi estetici per affrontarlo.

L'aeroporto che non lasci mai

Tempelhof, ex orgoglio tedesco e gemma architettonica di un aeroporto, ha ricevuto nuova vita come accoglienza per rifugiati.

I moderatori invisibili di Facebook

Gli "addetti alle pulizie" delle piattaforme di social media globali vivono in comunità difficili e in condizioni relativamente disordinate rispetto a quelle che puliscono dopo.

Con gli occhi del bambino

Le ragazze vestite da ragazzi negli inferi di Kabul e Teheran con sesso, intossicazione e musica rave sono ritratte attraverso lo sguardo del bambino nei film animati The Breadwinner e Tehran Taboo.

Difficile e sognare in Congo

Una volontà indomita incontra la disperazione di questo ritratto di un allevatore di carbone in Congo.

La generazione che ha perso la speranza

Seguendo il suo giovane protagonista per sei anni, il documentario Amal dipinge anche un ritratto dell'Egitto durante un periodo segnato da drammatici sconvolgimenti.

FILM DAL SUD: la sala d'attesa della morte

La Distant Constellation di Shevaun Mizrahi segue il ritmo lento della vecchia casa e ci insegna cosa significa invecchiare.