Ordina qui l'edizione estiva

Una domanda sulla Storia

Qual è il senso della vita? Terry Eagleton riprende il filo dai ragazzi dei Monty Python.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[teoria] Non ho numeri su quanti libri Terry Eagleton ha pubblicato negli ultimi 30 anni. Eagleton, che è professore di letteratura all'Università di Manchester, ha scritto molto su argomenti come il postmodernismo, la cultura irlandese, la storia del romanzo e della tragedia, la teologia, la poesia, il terrorismo e il dissenso politico.

Uno degli ultimi libri, After Theory (2003), ha ricevuto recensioni particolarmente positive. In questo libro, Eagleton sostiene che è giunto il momento di riformulare le questioni etiche e metafisiche che sono state messe da parte nella conversazione culturale con la marcia del postmodernismo. Tra i critici entusiasti troviamo il sociologo e filosofo sloveno Slavoj Zizek (con cui Eagleton ha molto in comune). Zizek descrive lo stile e il metodo di Eagleton come una "combinazione unica di rigore teorico e aspro buon senso".

Socialismo e danza degli zoccoli

Non è affatto difficile essere d'accordo con Zizek. Il sempre energico Eagleton si presenta come un discendente intellettuale del più grande satirico irlandese di tutti i tempi – sto ovviamente pensando a Jonathan Swift. Come l'autore de I viaggi di Gulliver, il professore mostra una rara capacità di vedere il fumetto nella maggior parte delle situazioni. Ad esempio, non esita a ironizzare sulla situazione in cui si trova costantemente lui stesso.

Ripetutamente, il marxista Eagleton ha assunto il ruolo del colosso politico culturale di sinistra malinconico e pieno di sensi di colpa. In una stessa frase può spiegare sia l'incerto futuro del socialismo sia il triste destino della danza con le scarpe di legno. Quindi è anche possibile dimostrare una parentela tra il professore e i comici di Monty Python. Che Eagleton sia in debito con i ragazzi di Python è chiaramente mostrato in uno dei libri di quest'anno: The Meaning of Life, una piccola raccolta di saggi che può essere letta come il sequel di After Theory.

Ancora una volta Eagleton è sul punto, e ancora una volta si formula in modo così dannatamente preciso che una recensione sembra superflua: la cosa migliore sarebbe stata riprodurre il libro nella sua interezza. Mentre filosofi come Jacques Derrida e Gilles Deleuze, per così dire, chiedono di essere "tradotti" in letteratura secondaria esplicativa, Eagleton crea l'impressione che la maggior parte delle cose in questo mondo possano essere spiegate con l'aiuto di un linguaggio di buon senso. Ma un'impressione di solito non è altro che un'impressione, e se sei disposto a leggere lentamente, alla fine scoprirai un teorico che è "profondo" come Derrida, Deleuze e altri pensatori "enigmatici".

(Qui avrebbe potuto essere opportuna una nota a piè di pagina: è giunto il momento che i "modernisti", tra cui Eagleton, si rendano conto che Derrida e Deleuze non sono rappresentanti del postmoderno. Ne riparleremo un'altra volta.)

Storia e amore

Eagleton sottolinea di non essere un filosofo. Con chiaro riferimento alla teoria culturale di Raymond Williams, Eagleton spiega quanto sia importante che scrittori e linguisti si occupino anche di filosofia. Eagleton scrive di Aristotele, Schopenhauer, Nietzsche, Wittgenstein e Freud, grandi pensatori che hanno tutti contribuito a formulare la grande domanda: qual è il significato della vita?

Non solo la domanda è problematica e difficile da rispondere. La domanda è un cliché, è una traccia storica che molti dei nostri massimi pensatori contemporanei evitano di seguire. Eagleton va in altre direzioni. Per lui la domanda cliché e “impopolare” sul senso della vita è anche una domanda sulla Storia. Il cliché si riferisce ai tanti tentativi del passato di prendere coscienza delle condizioni della vita umana, tanto materiale quanto spirituale.

Sì, potresti dover essere un giocoliere per assecondare i cliché. Ma non dimentichiamo che l'abile giocoliere assume sempre il ruolo di astuto praticante della Critica. Eagleton, furbo com'è, conclude Il significato della vita indicando una condizione importante per poter parlare del mondo sociale: l'amore. ?

Recensito da Leif Høghaug

Potrebbe piacerti anche