Ordina qui l'edizione estiva

Un barlume di speranza

L'operazione delle Nazioni Unite in Sierra Leone offre un barlume di speranza per il successo delle operazioni delle Nazioni Unite nel continente africano, dove ci sono molte storie di successo.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Gli ultimi 1700 soldati delle Nazioni Unite hanno lasciato la capitale Freetown il 31 dicembre 2005. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, potrebbe dire all'inizio del nuovo anno che: "La missione delle Nazioni Unite ha superato una serie di sfide politiche e militari e lascia la Sierra Leone un Paese molto migliore di cinque anni fa”.

Tuttavia, il successo politico è minacciato da una serie di problemi economici che incombono sul Paese dell'Africa occidentale. L'inviato speciale delle Nazioni Unite in Sierra Leone, Daudi Mwakawago, riassume brevemente il problema dicendo: "la povertà è la più grande minaccia alla stabilità del Paese". Secondo una fonte delle Nazioni Unite, la disoccupazione raggiunge il 70%, il che ovviamente crea un problema di sicurezza ora e nel prossimo futuro.

Annan ha anche sottolineato che la necessità di aiuti non è minore ed ha espresso preoccupazione per il fatto che il successo potrebbe essere distrutto se si diffonde la percezione che la Sierra Leone non ha più bisogno di aiuti. La mancanza di sostegno internazionale potrebbe far riaccendere il conflitto.

L'organizzazione umanitaria britannica Oxfam è un po' più ottimista. L'inviato dell'organizzazione in Sierra Leone, Marcus Thompson, ha dichiarato all'agenzia di stampa IPS che: "siamo fiduciosi che la Sierra Leone rimarrà pacifica, dato un ambiente stabile e sicuro in cui lo sviluppo del Paese continuerà in collaborazione con la comunità internazionale".

"Questa è l'occasione per la Sierra Leone di dimostrare al mondo che il paese prende sul serio i propri impegni per i diritti umani, la pace e il proprio futuro", afferma Thompson. L'aumento delle entrate del paese dall'estrazione di diamanti dà speranza nella lotta contro la povertà. Le esportazioni di diamanti sono passate da 10 milioni di dollari nel 2000 a 130 milioni di dollari nel 2004.

L'operazione delle Nazioni Unite iniziata nel 1999 consisteva principalmente di 17,500 soldati provenienti da un certo numero di paesi, inclusi osservatori militari dalla Norvegia e dalla Svezia. Uno dei maggiori successi è stato il disarmo, la smobilitazione e il reinserimento di oltre 75,000 soldati di varie fazioni, molti dei quali bambini. L'operazione delle Nazioni Unite ha contribuito al successo delle elezioni del 2002 e del 2004 e ha aiutato il governo a lottare per il controllo sull'estrazione dei diamanti. I soldati delle Nazioni Unite hanno anche fornito sicurezza presso il tribunale per i crimini di guerra per la Sierra Leone.

Ci saranno nuove elezioni in Sierra Leone nel 2007 e, secondo l'inviato delle Nazioni Unite Mwakawago, elezioni libere ed eque nel 2007 daranno alla comunità internazionale la sicurezza di cui ha bisogno, oltre a garantire la stabilità nel paese. Tutto l'equipaggiamento lasciato dalla forza delle Nazioni Unite viene trasferito al governo, compresi i veicoli militari e le apparecchiature di comunicazione. Un certo numero di paesi ha anche promesso attrezzature militari al governo, con camion dalla Svizzera, motovedette dagli Stati Uniti e dalla Cina e una serie di altri veicoli militari dai Paesi Bassi.

Annan ha anche affermato che il successo dell'operazione ONU in Sierra Leone sarà utilizzato come modello per altre operazioni ONU in corso.

Potrebbe piacerti anche